I calciatori si rifiutano di indossare la maglietta dell’ideologia LGBT che sostiene il transessualismo e l’indifferenziazione sessuale

La partita della 35esima giornata di Ligue 1 tra Tolosa e Nantes, remake dell’ultima finale della Coupe de France, è stata segnata da un evento che nulla ha a che vedere con il calcio. Il TFC ha scelto di licenziare i giocatori che si sono rifiutati di indossare l’arcobaleno LGBT che affollava la loro maglia per la giornata internazionale contro l’omofobia.

Il giorno prima, La Dépêche aveva rivelato che i giocatori Zakaria Aboukhlal, Moussa Diarra e Saïd Hamulic si erano rifiutati di indossare questo floccato. ” I giocatori della squadra professionistica hanno espresso il loro disaccordo con l’associazione della loro immagine con i colori dell’arcobaleno che rappresentano il movimento LGBT ” , ha detto il club in un comunicato rilasciato pochi minuti prima dell’inizio della partita.

Sebbene rispettoso delle scelte individuali dei suoi giocatori, e dopo numerosi scambi, il Toulouse Football Club ha scelto di licenziare i suddetti giocatori. Il club ha ricordato che 18 nazionalità e 5 continenti sono rappresentati all’interno della sua forza lavoro professionale e che l’apertura al mondo è parte integrante del suo DNA. ” I nostri giocatori sono scelti per le loro qualità umane indipendentemente dalle loro credenze o convinzioni ” , ha aggiunto.

Il diritto dei giocatori alla libertà di pensiero è un argomento delicato. Sebbene il club abbia preso la decisione di rimuovere i giocatori che si sono rifiutati di indossare il floccato arcobaleno, è importante ricordare che ognuno ha il diritto di esprimere le proprie convinzioni personali. Anche Mostafa Mohamed del Nantes e Donatien Gomis del Guingamp si sono rifiutati di indossare questa maglia con i colori LGBT.

Una polemica che ricorda quella della calciatrice Idrissa Gana Gueye che rifiutò di giocare con i colori dell’arcobaleno per la giornata internazionale contro l’omofobia dello scorso anno. Il giornalista Bastien Lejeune aveva poi puntato il dito contro l’ipocrisia ambientale, mentre in contemporanea la Federcalcio francese stava organizzando i Mondiali in Qatar, Paese che punisce l’omosessualità con la pena di morte.

Di fronte all’isteria veicolata da alcuni, Bastien Lejeune ha ricordato i fondamenti: ” Non è la stessa cosa essere omofobi e rifiutare di aderire o associarsi a un’ideologia LGBT che promuove il transessualismo, l’indifferenziazione sessuale… Penso che abbiamo il diritto di in disaccordo e che questa ingiunzione è sbalorditiva e totalitaria. »

Fonte: Media Francesi

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM