I britannici si sentono “minacciati” dalla Russia nel Mar Artico

La Gran Bretagna, che a differenza della Russia non è un paese affacciato sull’Artico, dichiara che Mosca la sta minacciando nell’Artico.
l 30 settembre il ministro degli esteri del Regno Unito, Jeremy Hunt, aveva pronunciato una tirata sorprendente , dichiarando “L’UE è stata istituita per proteggere la libertà. Era l’Unione Sovietica che impediva alle persone di andarsene.

La lezione dalla storia è chiara: se trasformi il club dell’UE in una prigione, il desiderio di uscire non diminuirà, crescerà – e non saremo l’unico prigioniero che vorrà fuggire. “Il suo raffronto della Unione Europea  con i gulag degli anni passati ha avuto effetto  con molte persone in Gran Bretagna, ma è stato considerato del tutto inappropriato dall’UE, la cui osservazione educata del portavoce è stata “Direi rispettosamente che tutti noi beneficeremmo – e in particolare i ministri degli affari esteri – da aprire un libro di storia una volta ogni tanto. ”

La follia non si è fermata qui. Non contento di insultare i 27 paesi dell’UE, il governo di Londra ha deciso di aumentare il fervore ancora più patriottico, tentando ancora una volta di rappresentare la Russia come una minaccia per il Regno Unito.

Nel giugno del 2018 il giornale britannico Sun ha pubblicato il titolo “La Gran Bretagna invierà aerei da caccia RAF Typhoon in Islanda per contrastare l’aggressione russa” e da allora il signor Williamson non ha modificato la sua affermazione che “il Cremlino continua a sfidarci in ogni settore. “(Williamson è l’uomo che ha dichiarato nel marzo 2018 che” Francamente la Russia dovrebbe andare via – dovrebbe tacere “, che è stata una delle espressioni più giovanili degli ultimi anni).

Il 29 settembre è stato riferito che Williamson era preoccupato per “una crescente aggressione russa” nel nostro cortile di casa “, e che il governo stava elaborando una” strategia di difesa dell’Artico “con 800 commando schierati in una nuova base in Norvegia.  In un’intervista “Williamson ha evidenziato la riapertura della Russia delle basi dell’era sovietica nell’Artico e il” tempo maggiore “dell’attività dei sottomarini russi  come prova che la Gran Bretagna aveva bisogno di” dimostrare che siamo lì nell’Artico  “ed anche per ” proteggere i nostri interessi ”

Il signor Williamson non ha chiarito  quali “interessi” dovrebbe avere il Regno Unito nella regione artica, dove non ha alcun territorio.

Soldati NATO sull’Artico

Gli otto paesi che dispongono di  territorio a nord del circolo polare artico sono Canada, Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Russia, Svezia e Stati Uniti. Tutti hanno interessi legittimi nella regione che è il doppio della superficie di Stati Uniti e Canada messi insieme.  Al contrario  la Gran Bretagna non ha territorio e neppure una sola rivendicazione d apoter sollevare per  l’Artico.

Tanto meno una tenue rivendicazione  come l’Islanda, che si basa sul fatto che, sebbene la sua terraferma non si trovi all’interno del Circolo Polare Artico, il Cerchio Polare attraversa l’isola di Grimsey, a circa 25 chilometri a nord della costa settentrionale dell’Islanda. Le isole Shetland della Gran Bretagna, la sua terra più settentrionale, sono 713 km (443 miglia) a sud del Circolo Polare Artico.

Quindi, perché il Regno Unito dichiara di avere “interessi” nell’Artico e che la regione  dell’Artico si trova “nel nostro cortile”? Come può sentirsi minacciato dalla Russia nell’Artico? Questo rimane un vero mistero.

L’ Arctic Institute ha osservato, nel febbraio 2018, che i “nuovi documenti di strategia artica” della Russia si concentrano sulla prevenzione del contrabbando, del terrorismo e dell’immigrazione clandestina piuttosto che bilanciare il potere militare con la NATO. Queste priorità suggeriscono che gli obiettivi di sicurezza della Russia nell’Artico hanno a che fare con la salvaguardia dell’Artico come base di risorse strategiche … In generale, i documenti approvati dal governo sembrano essere passati da un tono deciso che evidenzia la rivalità della Russia con la NATO a un livello di inferiore tono abrasivo basato sulla sicurezza dello sviluppo economico “.

E lo sviluppo economico è tutto qui. Il 28 settembre ” è stato riferito che ” una nave da carico con bandiera danese ha attraversato con successo l’Artico russo in un viaggio di prova dimostrando che lo scioglimento dei ghiacci potrebbe potenzialmente aprire una nuova rotta commerciale dall’Europa all’Asia orientale. “Ovviamente è nel migliore dei modi interessi economici dell’Unione europea e della Russia che la rotta sia sviluppata per il transito commerciale. Per fare questo è necessario evitare conflitti nella regione.

Allora, quale sarà il problema del  ministro della Difesa Williamson?

In agosto il Comitato parlamentare per la difesa del Regno Unito ha pubblicato “On Thin Ice”: La Difesa del Regno Unito nell’Artico  dove ha concluso che “Non c’è dubbio che l’Artico e l’Alto Nord vedono un livello crescente di attività militare. C’è molta più divergenza nelle prove che abbiamo assunto su quali siano le ragioni alla base di questo, in particolare in relazione alla Russia. Un punto di vista è che non vi è alcun intento offensivo dietro l’accumulo militare della Russia e che sta semplicemente cercando di rigenerare la capacità militare al fine di riaffermare la sovranità. L’opposto punto di vista è che questa è solo uno degli aspetti della riaffermazione aggressiva della Russia nell’ambito di una grande competizione di potere “.

Il governo danese ha dichiarato alla commissione che “al momento, la Danimarca non vede la necessità di un maggiore impegno militare o un ruolo operativo rafforzato per la NATO nell’Artico”, e l’ambasciatore svedese ha affermato che “l’Artico svedese è una parte limitata del territorio svedese. Siamo più una nazione del Mar Baltico che una nazione artica … Ovviamente, l’intera area intorno all’Artico, in particolare la penisola di Kola, è di importanza strategica per la Russia e loro, i russi,  hanno una presenza militare seria laggiù. Vediamo tutto questo. Sarà questa la ragione per chiamarla militarizzazione dell’Artico? ”

A gennaio la Reuters ha riferito che la Cina aveva notificato la sua strategia artica, “impegnandosi a lavorare più a stretto contatto con Mosca in particolare per creare una controparte marittima artica – una” Polar Silk Road “- verso la sua” unica via “. . Sia il Cremlino che Pechino hanno ripetutamente affermato che le loro ambizioni sono principalmente commerciali e ambientali, non militari. “Non potrebbe essere più  chiaro che Russia e Cina vogliono che l’Artico sia una rotta commerciale mercantile redditizia, mentre la Russia vuole continuare le esplorazioni per il petrolio , gas e giacimenti minerari, che sono importanti per la sua economia.

Sviluppare l’Artico richiede pace e stabilità. Sarebbe impossibile cogliere i benefici della nuova rotta marittima e potenzialmente di enormi risorse energetiche e minerali se dovesse verificarsi un conflitto nel Nord. È ovviamente nel miglior interesse della Russia e della Cina che ci sia tranquillità piuttosto che confronto militare.

Ma il Ministro della Difesa britannico insiste sul fatto che ci deve essere un accumulo militare da parte del Regno Unito nell’Artico “Se vogliamo proteggere i nostri interessi in quello che è effettivamente il nostro cortile”, insiste l’ineffabile ministro.  La sua tesi è sostenuta dalla Commissione Difesa del Parlamento che afferma che ” La rinnovata attenzione della NATO sul Nord Atlantico è benvenuta e il governo si deve congratulare  con la leadership che il Regno Unito ha dimostrato su questo tema “.

La NATO è sempre alla ricerca di scuse per indulgere in azioni militari (come il suo blitz di nove mesi che ha distrutto la Libia ), e ha annunciato che condurrà l’Esercitazione “Trident Juncture” focalizzata  sull’Artico a novembre, che Naval Today ha notato sarà “uno dei il più grande di sempre con 40.000 persone, circa 120 aerei e ben 70 navi convergenti dalla Norvegia.

L’alleanza militare della NATO si sta preparando per la guerra nell’Artico e cerca deliberatamente di affrontare la Russia conducendo manovre sempre più vicine ai suoi confini. Meglio stare molto attenti, dicono a Mosca.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Sergei Leonov

4 Commenti

  • amadeus
    10 Ott 2018

    Ridicoli !!!

  • Monk
    10 Ott 2018

    Possono sempre simulare un attacco chimico o atomico da parte di agenti segreti russi che vogliono assassinare il gatto della regina.

  • redfifer
    10 Ott 2018

    In Ingayterra la smettessero di prenderlo in (_y_) che a forza di dargli sotto… la cosa deve essergli sfuggita di mano e con evidenza gli sta dando in testa, tanto che ormai anche i bulbi peliferi dei capelli li scambiano per spermatozoi con la paresi.

  • Fabio Franceschini
    10 Ott 2018

    Oltre ai libri di storia i ministri inglesi,e gli attuali sono i più cialtroni ed ignoranti della loro storia,dovrebbero leggere anche qualche atlante geografico.oltretutto se c’è un posto al mondo dove i russi hanno un gigantesco vantaggio sulla nato e dopo il mar nero (grazie alla crimea) e l’artico a largo delle coste russe.o ra finché i britannici fanno da zerbino agli usa possono avere anche un ruolo ma una politica e una strategia militare autonoma lontano dalle basi di casa non possono certo permettersela.

Inserisci un Commento

*

code