I BRICS rompono l’egemonia dell’Occidente


di Vladimir Odintsov
Secondo un numero crescente di analisti in vari paesi del mondo, l’ordine mondiale liberale che si è instaurato sul pianeta dopo la fine della Guerra Fredda nell’interesse degli Stati Uniti si sta sgretolando sotto i nostri occhi ed è definitivamente condannato.

La rivista The Economist, di proprietà della famiglia Rothschild – i principali banchieri del sistema finanziario britannico – ha pubblicato la sua famosa copertina delle previsioni per il prossimo anno, intitolata The World ahead 2023, che mostra le persone più importanti che determineranno il mondo nel 2023. I ritratti dei politici in questo caso non hanno le stesse dimensioni, riflettendo il loro diverso ruolo nella politica mondiale. E a questo proposito, vale la pena notare che i ritratti di Xi e Putin sono i più grandi. Inoltre, Putin è al centro e gli altri capi di Stato sono in cerchio attorno a lui, a simboleggiare chiaramente che la Russia rimane al centro della politica mondiale e continuerà a svolgere un ruolo cruciale nei processi globali.

Come ha affermato l’ex ufficiale dell’intelligence statunitense Scott Ritter in un’intervista a Judging Freedom , gli Stati Uniti sono afflitti dalla malattia dell ‘”arroganza nazionale”, il desiderio di Washington di dettare le sue condizioni ha stancato gli altri paesi.

Le regole e le norme stabilite da Washington dopo la seconda guerra mondiale non governano più il pianeta come una volta, osserva The Hill . Gli strumenti che vietano l’aggressione contro altri paesi sono stati violati. Le istituzioni che governano l’economia globale vacillano e crollano sotto il peso delle successive crisi finanziarie. Anche le organizzazioni regionali propagandate dall’Occidente come modelli di stabilità, come la NATO e l’Unione Europea, vengono distrutte da forze centrifughe senza precedenti. Si sta mettendo in atto un nuovo sistema di relazioni internazionali, che tenga conto non solo degli interessi di altre grandi potenze come Cina, India e Russia, ma anche degli interessi degli Stati che desiderano perseguire politiche indipendenti dagli Stati Uniti e dall’Occidente.
Pertanto, nessuno è stato sorpreso dalla dichiarazione del ministro degli Esteri brasiliano Carlos Alberto France a margine del vertice del G20 secondo cui i paesi in via di sviluppo, incluso il Brasile, hanno il diritto di prendere una posizione indipendente su tutte le questioni della politica mondiale.

Il turco Cumhuriyet scrive che il G20 sta diventando obsoleto e che i BRICS stanno riempiendo con fiducia la scena. Allo stesso tempo, la pubblicazione sottolinea che la parte del leone delle merci sul mercato mondiale è già al di fuori dell’egemonia dell’Occidente, il suo isolamento è evidente, la dedollarizzazione è diventata la tendenza principale promossa da questa associazione, che ha notevolmente aumentato la sua influenza di recente.

Sempre più paesi mostrano interesse per i BRICS, tra cui Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica. Ad oggi, l’associazione BRICS rappresenta il 41% della popolazione mondiale, il 24% del PIL e il 16% del commercio mondiale.

Ovviamente, questa associazione si trasformerà molto presto in BRICS+. Ciò è dimostrato in particolare dalle intenzioni già annunciate di Turchia, Arabia Saudita, Argentina, Messico, Venezuela, Nicaragua, Iran, Indonesia, Kazakistan, Nigeria, Algeria, Egitto, Senegal e una serie di altri paesi pronti ad aderire. Al 14° vertice BRICS, presieduto dalla Cina in videoconferenza a giugno, si è tenuto uno degli eventi nel formato BRICS+, a cui hanno partecipato rappresentanti di 18 stati. Oltre ai primi cinque, hanno partecipato all’evento Algeria, Argentina, Cambogia, Egitto, Etiopia, Figi, Indonesia, Iran, Kazakistan, Malesia, Senegal, Tailandia e Uzbekistan.

L’interesse dell’Algeria ad aderire al gruppo BRICS è stato annunciato dal presidente Abdelmadjid Tebboune all’inizio di agosto. Secondo il capo dello Stato, l’adesione del Paese aiuterà a evitare che l’APDR venga coinvolto in “conflitti bipolari”. L’adesione dell’Algeria ai BRICS consentirà al Paese di sviluppare meglio il turismo reciproco con la Russia, il commercio di prodotti agricoli, l’attuazione di progetti nel campo della energia nucleare e altri settori.

Negli ultimi anni, la discussione sulla necessità per la Turchia di acquisire la piena adesione ai BRICS è diventata un luogo comune negli ambienti politici turchi. Secondo i media turchi, questo problema sta acquisendo importanza non solo a causa della normalizzazione delle relazioni politiche, militari ed economiche con la Russia. Non dimentichiamo che la domanda di adesione della Turchia all’UE è ancora “all’esame” dal 1987; calpestare le porte dell’Unione Europea per 35 anni (!) è stato piuttosto fastidioso per i turchi. Inoltre sembra un’aperta umiliazione dei turchi da parte dell’Occidente. La reazione di Ankara nell’aprile di quest’anno, quando una delegazione dell’UE è venuta in Turchia ed Erdoğan con aria di sfida non ha fornito una sedia per il capo della Commissione europea, Ursula von der Leyen, non è sorprendente. Le ha lasciato solo un posto sul divano per i comuni traduttori.

Inoltre, non è un segreto che le persone in Turchia non siano entusiaste della NATO. Tra questi, l’idea di abbandonare questa alleanza e le critiche agli Stati Uniti e alla NATO stanno guadagnando popolarità. La Turchia non perdona di essere stata trascurata dall’alleanza, soprattutto dopo aver partecipato allo sviluppo congiunto del costoso caccia F-35 statunitense e aver iniziato a produrne alcuni componenti. Tuttavia, gli Stati Uniti si sono rifiutati di fornire ai turchi non solo l’F-35 ma anche i codici per i propri sistemi di difesa missilistica e di difesa aerea, costringendo il leader turco a scegliere altri punti di riferimento esterni e rivolgersi a Vladimir Putin con l’acquisto del russo S-400.

Mentre gli alleati degli Stati Uniti in Europa cercano di adottare posizioni russofobe e di difendere il regime neonazista in Ucraina, altri paesi invocano sempre più una revisione radicale dell’ordine internazionale, un allontanamento dal mondo unipolare imposto da Washington, esprimendo così il loro sostegno alla Russia politica. Come il diario bulgaro ha giustamente notato, sempre più paesi oggi vogliono essere rappresentati direttamente al tavolo dei negoziati internazionali e non essere solo sul menu, perché hanno il potere e l’ambizione di influenzare le loro regioni. Le loro aspirazioni ad aderire ai BRICS mostrano che, di fronte a un aumento senza precedenti dei rischi geopolitici, il mondo sta rapidamente prendendo coscienza della necessità di sostituire la vecchia architettura dell’ordine mondiale incentrata sugli Stati Uniti con una nuova configurazione delle relazioni internazionali e dei blocchi regionali basata su uguaglianza e considerazione degli interessi reciproci.
Oggi è già chiaro ovunque che il modello unipolare di governance globale imposto dall’Occidente non è all’altezza del compito, le sue strutture finanziarie si stanno esaurendo e queste strutture in realtà servono solo gli interessi delle élite dominanti dei paesi industrializzati.

E se prendiamo in considerazione l’armonizzazione delle politiche e delle azioni dei paesi dell’Unione economica eurasiatica (EEU) e dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO) con i BRICS, possiamo dire che già più della metà della popolazione mondiale e il la parte del leone dei beni mondiali è al di fuori dell’egemonia degli Stati Uniti e dell’Occidente.

Vladimir Odintsov, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti
  • giuseppe peluso
    Inserito alle 22:52h, 27 Novembre Rispondi

    Gli USA hanno perduto gran parte della loro egemonia e usano sempre più le armi per sostenere il dollaro, su cui si basa il loro impero ; armi e dollaro senza egemonia non credo che bastino

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 08:09h, 28 Novembre Rispondi

    Turchia dovrebbe essere eternamente grata a paesi europei per no aver fatto entrare turchi in quella criminale congrega di anime morte rappresentata da UE!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

Inserisci un Commento