Hotel Ucraina: ‘Certo, fai il check-out a qualsiasi ora, ma non puoi mai partire’

di Alastair Crooke

Nel caso dell’Ucraina, gli Stati Uniti, a quanto pare, si stanno orientando verso una guerra più permanente (ma meno intensa). La cosiddetta “formula israeliana”.

Ebbene, l’Occidente sta correndo verso la porta d’uscita. Ma lasciare l’Ucraina in conseguenza non è possibile – “Rilassatevi”, Team Biden, dice l’uomo della notte; siamo programmati solo ‘per ricevere’ (Non puoi semplicemente “andare”. (poesia, Hotel California)).

Mark Feygin, che ospita quotidianamente l’ex consigliere presidenziale ucraino, Oleksiy Arestovich, nel suo programma, riassume un consenso generale:

“Biden e la sua amministrazione vogliono porre fine alla guerra entro la fine del 2023. Questo è il loro piano di risoluzione. Intendo [la fine della] fase militare attiva… [e] tenere con calma le elezioni, anche a gennaio [2024], a febbraio, ma finire la fase attiva, prima delle elezioni americane, in modo che Biden abbia qualcosa da vendere, in modo che potrebbe dire: “abbiamo salvato l’Ucraina, l’Ucraina è stata preservata come Stato”. Uno Stato sovrano. È qui. Sì, il 18,6% del territorio è occupato, ma avrebbe potuto essere occupato di più’: questo è ciò di cui Biden ha bisogno, è molto semplice, non c’è nessuna ‘bara misteriosa qui’.

Questa teoria, tuttavia, rappresenta solo uno dei due “campi” negli Stati Uniti: il primo propone di congelare il conflitto in atto, e gridare “Missione compiuta”; e il secondo, continuare a combattere, finché la Russia non crolla e vola via dallo spazio di battaglia.

Può sembrare così semplice, ma non lo è. Nessuna delle due ipotesi americane è solidamente fondata. Una lezione dal “conflitto” che ho imparato presto è stata che la “razionalità” sembra così plausibile; – così logico per coloro che provengono da stati stabili, ordinati e prosperi, e che veniva generalmente espresso come “perché non capiscono che la continua violenza non è il loro interesse”; “Non possono semplicemente ‘dividere la differenza’ e andare avanti” – diventa sempre più una posizione minoritaria.

L’angoscia, il dolore della perdita umana, l’angoscia di un conflitto esteso, modellano una diversa modalità della psiche: la psiche della guerra. È un approccio che non accetta prontamente il calcolo umanistico. Vuole che l'”altro” soffra come ” loro ” hanno sofferto. La logica del cessate il fuoco, dell’acquiescenza al “realismo”, può sembrare inadeguata dal punto di vista psicologico, anche se razionale dal punto di vista politico.

Questo aspetto è ben compreso in altre culture, ma meno in Occidente, dove prevale una logica più rigida. Nel caso dell’Ucraina è degno di nota il fatto che, mentre l’Occidente è impegnato in cicli di colloqui bizantini tra i suoi alleati e i think tank alleati , per trovare consenso su alcune vie d’uscita dal fallimentare progetto ucraino, la discussione rimane serrata all’interno del “bolla” occidentale.

C’è poco o nessun tentativo di scoprire cosa pensa il governo o la gente russa; o, cosa ancora più importante, ciò che Mosca prevede, come i prossimi passi della Russia (ovviamente la Russia lo tiene ben nascosto).

Si presume tacitamente che quando l’Occidente alla fine deciderà la sua “uscita di scena”, quest’ultima sarà “afferrata con entrambe le mani” dal Presidente Putin. Alla base di questa teoria c’è l’”articolo di fede” secondo cui la Russia è bloccata nel conflitto e ha poche opzioni oltre alla continua difesa della posizione. Ancora una volta, questa è una visione completamente unidimensionale.

Truppe ucraine

E anche questa non è la psiche della guerra, e l’analisi quindi è errata: ciò che sarebbe stato possibile una volta (diciamo nel marzo 2022 a Istanbul), potrebbe non essere più possibile. La guerra trasforma la psicologia in una relazione diretta con le avversità della guerra e nella misura della malevolenza proveniente dal lato opposto.

In poche parole, un conflitto prolungato funziona come un meccanismo che erode lo spazio per il compromesso (per entrambe le parti).

Nel caso dell’Ucraina, gli Stati Uniti, a quanto pare, si stanno orientando verso una guerra più permanente (ma meno intensa). La cosiddetta “formula israeliana”. Nuove armi e denaro in abbondanza per l’Ucraina Rump, bloccata fino alle elezioni del 2024, e oltre, per evitare un’evidente ritirata. Al contrario, tuttavia, la necessità di un rapido controllo politico, prima di un elettorato sempre più polarizzato, sembra ora più urgente che mai.

Circa due settimane fa, c’è stato uno scontro tra tre generali occidentali e l’Alto Comando ucraino. Insolitamente si è svolto in diretta (si è tenuto da qualche parte nelle vicinanze di Lvov, secondo quanto riferito). Non esiste alcun resoconto pubblico di ciò che è stato detto, ma secondo quanto riferito gli ucraini hanno ricevuto immediatamente istruzioni di cessare di dividere le loro forze tra Rabotino, Bakhmut (Artymovsk) e Kupiansk (nel nord). Furono spinti invece a concentrare tutte le loro forze sull’offensiva diretta a sud, verso Melitopoli e il Mar d’Azov.

Il generale Zaluzhny, il comandante ucraino, avrebbe ribadito la sua opposizione a scommettere tutto su una “spinta” da parte del sud a causa delle pesanti perdite di uomini e mezzi corazzati che ciò avrebbe comportato. Tuttavia, a quanto pare, i generali occidentali non tolleravano ritardi. Gli ucraini, a quanto pare, sono giunti alla conclusione di essere pronti per essere “gettati sotto l’autobus” (accusati del “fallimento” definitivo dell’offensiva): “La tua ultima possibilità”: ottenere uno sfondamento verso il Mar d’Azov era il messaggio, altrimenti noi occidentali ci laveremo le mani dei vostri sforzi militari e voi sarete costretti a negoziare con i russi. Questo è un bluff o è reale?

L’ultimatum pone Zelenskyj tra i mostri di Scilla e Cariddi: sul lato di Scilla dello Stretto c’è un’offensiva palesemente fallita e un esercito decimato da pesanti perdite. D’altro canto, i colleghi ultranazionalisti e neofascisti di Zelenskyj stanno diventando sempre più arrabbiati e radicalizzati; vietando qualsiasi negoziato con la Russia.

Zelenskyj è legato a queste forze, che sono sia russofobe che antioccidentali. Quest’ultimo insisterà nel continuare la guerra contro Putin – se non con mezzi convenzionali, almeno attraverso qualsiasi azione sotto falsa bandiera che possa tentare di costringere la NATO a entrare in guerra.

Zelenskyj quindi ora non ha quasi più spazio di manovra. Il team Biden potrebbe richiedere un negoziato anticipato con la Russia, ma questo rischia di vedere Zelenskyj come un traditore dalla sua estrema destra; o, in alternativa, essere rovesciato da un esercito che ne ha abbastanza dei piani NATO “incompleti” che sventrano le forze armate ucraine, così come Zelenskyj che deve affrontare le critiche come un raggiro occidentale, da parte di moderati come Oleksei Arestovich.

Queste insopportabili dicotomie potrebbero portare al completo collasso del regime e allo scoppio del conflitto civile in Ucraina.

Se queste dinamiche dovessero accentuarsi, gli Usa potrebbero optare piuttosto per il negoziato con la Russia : ma cosa direbbero? Come risponderebbero se la Russia rifiutasse categoricamente un cessate il fuoco e rifiutasse un conflitto congelato lungo l’attuale linea di contatto?

Washington vorrebbe accordarsi con Mosca per un cessate il fuoco, sperando ancora di inserire l’Ucraina Rump nella NATO? E intende riarmare e finanziare l’Ucraina con il pretesto di “garanzie di sicurezza”?

Si tratta di “bubble-think”, e la bolla occidentale continua a non “capirlo”: la Russia non permetterà, in nessun caso, che l’esercito ucraino continui ad esistere, o che la NATO entri nell’arena, mentre gli ultranazionalisti e gli i neofascisti esercitano un’influenza predominante a Kiev. Punto.

Mosca ha altre opzioni per portare a termine questo conflitto. La Russia aspettava di lanciare la propria offensiva (quando quella di Kiev sarà esaurita). E possiede i mezzi tecnici per fermare l’Ucraina. Cosa succede allora? Probabilmente, un nuovo governo, pronto a sostenere la neutralità ucraina. Non sarà un processo semplice.

E, proprio come le tensioni a Kiev sono destinate ad aumentare, così stanno aumentando anche a Washington. Di chi è la colpa della fallita offensiva? Saranno gli ucraini o il Pentagono per la lentezza nella consegna delle armi? o gli inglesi per la loro esagerata propaganda che spacciava una vittoria inevitabile e anticipata?

Ma c’è una dinamica interna degli Stati Uniti qui, destinata a rimescolare le “carte” dell’Ucraina: mentre aumentano le molteplici accuse penali contro l’ex presidente Trump – e gli sforzi partigiani per eliminarlo dalle elezioni del 2024 accelerano (anche se con conseguente crescente popolarità) – sta guadagnando terreno l’idea che il Congresso non abbia alternative all’avvio di un’inchiesta di impeachment a lungo discussa del presidente Biden .

Considerati gli ostacoli investigativi lanciati dal Dipartimento di Giustizia sull’indagine su Hunter Biden e il “rifiuto” del Dipartimento di estendere espressamente il mandato del procuratore speciale alle accuse di traffico di influenza della famiglia Biden, non c’è altra scelta che avviare un’indagine di impeachment. L’autorità della Camera è al suo apice nello svolgimento dei suoi compiti previsti dalla clausola di impeachment”, scrive il professor Jonathan Turley.

Se ciò dovesse accadere, l’Ucraina e le testimonianze di testimoni come l’ex procuratore ucraino Viktor Shokin e gli “informatori” di Burisma avranno sicuramente un posto di rilievo. Qualunque sia l’esito di un processo così difficile, l’interesse dei responsabili della campagna democratica sarà probabilmente quello di allontanare il più possibile il fallimento dell’offensiva ucraina e le accuse di corruzione o riciclaggio di denaro dall’influenzare l’esito elettorale. Vorranno “andare avanti”.

Il testo di Hotel California avrebbe dovuto essere un’allegoria incentrata sull’uso dell’eroina – da qui il ritornello che “puoi correre e provare a fare il check-out”, ma non potrai mai andartene davvero.

Quando Victoria Nuland e altri promossero la “rivoluzione” di Maidan, fu “come se” mettessero in “crack” l’estrema destra ucraina. Senza dubbio, lei e i suoi colleghi speravano che l’Ucraina si trasformasse nella totale scomparsa della Russia. Non è successo. Invece, ha capovolto il mondo. “Potrebbero scappare”, ma da ciò che hanno inavvertitamente innescato – la ridefinizione di un nuovo ordine mondiale – “non potranno mai andarsene”.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

6 commenti su “Hotel Ucraina: ‘Certo, fai il check-out a qualsiasi ora, ma non puoi mai partire’

  1. Ripeto che non ci sarà nessuna guerra tra Nato e Russia, ipotizzare di distruggere la Russia tramite l’ucraina in un mondo globalizzato è pura follia , l’obbiettivo per gli USA era di tagliare il cordone ombelicale tra l’Europa e la Russia far entrare 2 paesi nella nato, accelerare l’integrazione dei paesi dei Balcani con l’Occidente tutto a discapito dell’Ucraina, oggi l’Occidente perde alcune aree in Africa e nel mondo mentre gli USA acquisiscono nuove aree come l’Armenia .. bisogna vedere che fine farà la Moldavia alle prossime elezioni. Nel caso di vittoria del sindaco di Chișinău la signora Sandu ha una cella già prenotata per i prossimi suoi anni.

  2. Io non capisco chi parla di “entrata della NATO in guerra…” Entrata dove? Voi li vedete i giovani soldati europei di ritorno dal fronte a migliaia chiusi in sacchi di plastica? Secondo me, almeno qui in italia, dopo i primi 100 Mattarella e Meloni sono già appesi a testa in giù, poi non so. Idem negli U$A penso.

  3. Negli USA ormai è noto che militanti nazionalisti ucraini al servizio dell’FBI hanno partecipato al falsa bandiera del 6 gennaio, come questo Serghej Dobynyn del reggimento Azov, reggimento arruolato e pagato dal magnate ebreo ucraino Kolomoisky, cittadino israeliano e vicino di casa dei genitori di Zelensky in Israele https://twitter.com/LauraLoomer/status/1698710813530300432 da ciò si comprende bene chi ha organizzato il falsa bandiera del 6 gennaio.
    Negli ultimi mesi gli “investimenti” in Israele da USA e UK sono crollati anche dell’80%, più che altro a causa delle pessime condizioni delle economie americana e britannica, e quindi i sionisti per continuare a poter finanziare lo stato ebraico, che non produce e non esporta niente, devono mettere le mani sulle risorse naturali russe, e magari pure iraniane, e sulla gigantesca industria cinese, tecnologicamente sempre più avanzata.
    Da ciò le continue strategie di destabilizzazione delle tre potenze eurasiatiche, finora andate a vuoto.

  4. Ancora il Sig. Alastair Crooke, l’esperto della city, ci fa un pippone su cosa faranno gli USA: cessate il fuoco, intervento Nato, etc..
    Perchè non ci racconta cosa vogliono i fondi di investimento? le finanziarie e le loro multinazionali che tanto hanno investito in questo fallimentare progetto?
    E’ tutto lì! Vogliono smettere di spendere soldi perchè i risultati promessi dai “pianificatori” strapagati non arrivano e non arriveranno. Ma vogliono anche perdere il meno possibile e salvare il salvabile magari mantenendo al potere i loro burattini in GB e USA. Perchè il sig. Crooke non ci espone la soluzione più probabile? e cioè che la Russia si prenda, o controlli, tutta l’Ucraina?
    Semplice, perchè questa è la soluzione che non riescono ad accettare, è la soluzione che più li terrorizza.
    Basta sig. Crooke, non siamo scemi.
    “mala tempora currunt” per voi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM