Hezbollah risponderà con rappresaglia a qualsiasi aggressione israeliana sul Libano

Il segretario generale del movimento di resistenza di Hezbollah in Libano, in un suo ultimo discorso,  ha dichiarato che i suoi combattenti non esiteranno a rispondere proporzionalmente a qualsiasi atto di aggressione israeliano nei confronti del paese arabo.

“Ci vendicheremo contro qualsiasi attacco al Libano. Non accetteremo passivamente alcuna aggressione nemica contro il nostro paese “, ha detto Sayyed Hassan Nasrallah rivolgendosi ai suoi sostenitori attraverso un discorso trasmesso in diretta dalla capitale libanese Beirut sabato pomeriggio.

Nasrallah ha anche elogiato i sacrifici fatti dai combattenti della resistenza, sottolineando che le loro azioni eroiche hanno aiutato Hezbollah a ottenere gloriose vittorie.

Il sangue dei “nostri martiri” protegge la nostra terra, così come la “Formula d’oro” e le capacità missilistiche di Hezbollah. Il nostro punto di forza è il potere missilistico perché all’esercito libanese è vietato l’acquisto di missili e attrezzature militari all’avanguardia “, ha sottolineato Nasrallah.

Il capo di Hezbollah ha poi censurato i tentativi di alcuni stati regionali di normalizzare le relazioni diplomatiche con il regime israeliano.

Nel frattempo Il ministro israeliano dell’intelligence e dei trasporti ha chiesto una più profonda cooperazione con gli stati arabi del Golfo Persico per fronteggiare la “minaccia” iraniana ed Hezbollah.
“Cari palestinesi”, ha esordito Nasrallah, “non rattristatevi per le offerte di normalizzazione! Quello che stava succedendo da molto tempo dietro le quinte ora si sta verificando in modo clamoroso e senza vergogna. Gli attuali tentativi di “normalizzazione” metteranno fine all’ipocrisia dell’Arabia Saudita e dei suoi lacchè del Golfo e questi getteranno le loro maschere di ingannatori e ipocriti “, ha detto Nasrallah.

Il leader libanese inoltre ha osservato che le dimostrazioni nella Striscia di Gaza assediata dagli israeliani, che sono soprannominate “La grande marcia del ritorno” con cui richiedono il diritto al ritorno per i palestinesi cacciati dalla loro terra, hanno riempito il nostro cuore di speranza che i palestinesi non cedano alla pressione di tutti quelli che hanno usurpato la loro terra.
Più di 35 palestinesi sono stati feriti durante gli ultimi scontri del venerdì e il totale dei palestinesi uccisi da quando sono iniziate le manifestazioni ascende a oltre 250 vittime, fra cui alcuni bambini.
Riguardo alla situazione in Siria, Nasrallah ha detto: “Se il popolo e il governo siriano non avessero respinto le pressioni di Tel Aviv, saremmo stati testimoni del (il primo ministro israeliano Benjamin) Netanyahu in marcia su Damasco”, ha detto Nasrallah.

Militanti di Hezbollah ascoltano il discorso di Sayyed Nasrallah

Il segretario generale di Hezbollah ha anche lodato la posizione dell’Iran nei confronti della questione palestinese, affermando che le sanzioni contro la Repubblica islamica non avranno alcun effetto sul movimento libanese.

Nasrallah ha anche criticato la comunità internazionale per la protesta contro l’omicidio del noto giornalista dissidente saudita Jamal Khashoggi, che è stato ucciso dopo aver visitato il consolato del regno nella città turca di Istanbul il 2 ottobre, chiudendo un occhio sui crimini e le atrocità saudite nei vicino Yemen.

Il capo di Hezbollah ha anche descritto una richiesta dell’amministrazione del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump per un cessate il fuoco in Yemen come una bufala, affermando che i dubbi circondavano i tempi di tale chiamata.
Gli Houthi affermano che la portata dell’aggressione militare a guida saudita nello Yemen è aumentata dopo la richiesta da parte degli Stati Uniti di un cessate il fuoco e il lancio di negoziati di pace a guida ONU.
Nasrallah ha invitato le persone yemenite a rimanere pazienti e perseveranti in quanto molto vicini alla vittoria.

Nasrallah ha condannato con fermezza la recente condanna all’ergastolo, emessa dal famoso religioso sciita del Bahrain, Sheikh Ali Salman, sostenendo che la decisione della Corte di appello di rovesciare la sua assoluzione ha dimostrato che il regime Al Khalifah era opprimente.

Passando alla formazione di un nuovo governo di unità nazionale in Libano, il leader libanese ha detto che Hezbollah ha avuto ragione a chiedere 10 quote ministeriali, e che la sua quota di sei ministri nella prossima amministrazione libanese non riflette la sua dimensione parlamentare, politica e popolare.

Nasrallah ha poi sottolineato che i sei legislatori “indipendenti” sunniti, che insistevano per essere rappresentati nel prossimo governo, avevano impedito la trasformazione dello stallo politico in Libano in una crisi settaria.

“Abbiamo detto al primo ministro designato Saad al-Hariri che la nostra richiesta di rappresentanza è fondamentale e aiuta la formazione del nuovo governo”, ha concluso Nasrallah.

Fonte: Al Manar

Traduzione: Luciano Lago

1 commento

  • songanddanceman
    11 novembre 2018

    q8

Inserisci un Commento

*

code