Hezbollah ha abbattuto un UAV israeliano Hermes e ha attaccato una nave nel porto di Haifa

I rappresentanti filo-iraniani in Medio Oriente continuano a combattere contro Israele. Oggi, risorse Internet arabe hanno diffuso filmati della distruzione di un altro UAV da ricognizione Hermes 900 nel sud del Libano da parte delle forze di Hezbollah.

Da notare che questo è il terzo Hermes abbattuto dal 7 ottobre dello scorso anno. Il costo del drone è stimato a circa 10 milioni di dollari, e in totale l’IDF ha circa 30 UAV di questo tipo nel suo arsenale.

Inoltre, testimoni oculari hanno pubblicato filmati di una nave civile in fiamme nel porto di Haifa, nel nord di Israele. Secondo informazioni aggiornate, la nave mercantile Yaf Horizon, battente bandiera panamense, è stata attaccata. La nave è recentemente arrivata in Israele dalla Turchia.

Porto di Haifa colpito

Sullo sfondo dei crescenti attacchi di Hezbollah, l’intelligence israeliana ha condotto un’analisi degli arsenali a disposizione del gruppo filo-iraniano. Secondo i dati pubblicati, gli alleati libanesi di Teheran dispongono di circa 5mila missili con una gittata compresa tra 80 e 200 km e fino a 65mila munizioni con una gittata fino a 80 km.

Ricordiamo che la caccia agli UAV da ricognizione americani e israeliani è condotta da varie forze filo-iraniane nella regione. Alla fine di maggio, gli Houthi yemeniti hanno annunciato l’abbattimento del loro sesto drone da ricognizione MQ-9 Reaper. Inoltre, è stato annunciato un attacco riuscito contro due cacciatorpediniere della Marina americana.
L’asse della Resistenza sta infliggendo grossi danni ad Israele manifestando la sua vicinanza alla popolazione palestinese per il massacro a cui è sottoposta dalle forze sioniste.

Fonte: Topcor.ru

Traduzione: Mirko Vlobodic

5 commenti su “Hezbollah ha abbattuto un UAV israeliano Hermes e ha attaccato una nave nel porto di Haifa

  1. Grande HEZBOLLAH ! Non solo “libera” i territori palestinesi occupati nel nord di Israele tenendoli continuamente sotto tiro ! Ormai abbatte i droni del nemico e colpisce navi e porti nel mediterraneo, come Haifa ! Ed i sionisti non possono farci niente, sono come un giocatore di poker che sta perdendo la partita, che per sperare di salvarsi aumenta la posta, anzichè fermarsi per trattare o dichiararsi sconfitto ! Ma se aumenta la posta in gioco (magari con un attacco massiccio contro il Libano, se è in grado di farlo), si espone ad una batosta ancora peggiore !

  2. Hezbollah (Il Partito di Dio) è un ammazzadiavoli. Ha una efficienza di combattimento elevatissima. L’arsenale di cui dispone se lo sognano gli occidentali. Faccio notare che l’Israele – la cosiddetta “terra promessa” – ha scarsità di acqua potabile ………………… oltre a qualche dissalatore ………. la maggior parte dell’acqua potabile arriva in navi cisterne turche ……………………… “Una casa fondata sulla sabbia, crollò”.

  3. Le vittorie Israeliane. Da una guerra coi palestinesi e basta, alla fine si sono ritrovati in guerra contro tutte le milizie sciite del medioriente. Strateghi straordinari.

  4. La Super potenza militare bellica dei paesi guerrafondai USA-NATO-ISRAELE sta facendo delle belle figuracce di merda ovunque e dovunque colpiti da vecchi razzi o da droni fatti in casa !
    Per fortuna che la Russia e anche la Cina non forniscono armamenti SERI come Cacciabombardieri -Droni e Missili a moderni lungo raggio alle milizie Libanesi oppure allo Yemen !
    Se un vecchio missile Yememita sorpassato e fatto in casa riesce a colpire una nave ormeggiata nel porto Israeliano super difeso se la Russia fornisse missili moderni allo Yemen cosa accadrebbe ?

    1. Evidentemente Tacarabanda, confondi vecchio con economico. Il fatto che un arma costi poco non vuole dire che sono inefficaci come pensi. Se sono efficaci sono avanzate e performanti. Artigianato di qualità in serie. E tali vettori sono fatti su progetti Russi come gl’ Iskander ed i droni Geran o Lacet. Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM