Hezbollah Falaq e razzi Burkan colpiscono obiettivi israeliani di alto valore

Media militari della Hezbollah annunciano con “il massimo orgoglio e onore” il martirio di due dei loro combattenti mentre svolgevano il loro dovere di Resistenza sulla via verso al-Quds.

La resistenza islamica in Libano – Hezbollah ha annunciato venerdì di condurre una dozzina di operazioni contro le basi e le forze di occupazione israeliane, come parte del trionfante fronte di sostegno a Gaza.

Dopo aver aperto le operazioni alle 15,35, il gruppo della Resistenza ha preso di mira i mezzi di sorveglianza del sito di Bayad Blida, distruggendolo con attacchi di precisione.

I combattenti di Hezbollah hanno colpito il sito militare di al-Malikiyah alle 5:20 con due razzi pesanti Burkan, ottenendo colpi diretti.

Inoltre, il gruppo ha detto di aver preso di mira con razzi alle 17:40 un edificio utilizzato dai soldati israeliani nell’insediamento di Margaliot.

In un altro attacco alle 17:35, Hezbollah ha distrutto un carro armato Merkava nell’insediamento di Shtula con missili guidati, uccidendo e ferendo il suo equipaggio. Il carro armato è stato schierato sul posto in sostituzione di un altro Merkava distrutto ieri dalla Resistenza. Dopo la distruzione del carro armato, il gruppo ha sparato proiettili di artiglieria contro i soldati israeliani che si muovevano attorno ai rottami, ottenendo colpi diretti.

I combattenti della Resistenza Islamica hanno anche colpito alle 18:30 il quartier generale della compagnia di pattuglia nella caserma Dovev con razzi Falaq, provocando danni significativi.

Sempre alle 6:30, un edificio nell’insediamento di Manara utilizzato dall’intelligence militare è stato preso di mira con armi adeguate, provocando la distruzione delle apparecchiature di sorveglianza.
Hezbollah ha preso di mira alle 19:30 la base militare di al-Ramtha sulle colline occupate di Kfar Chouba con razzi, provocando danni diretti.

In risposta all’attacco israeliano al villaggio di Hanaouay, la Resistenza ha annunciato l’effettuazione di due operazioni con UAV esplosivi.

Nella prima operazione, alle 18:35, i combattenti della Resistenza hanno preso di mira con un drone unidirezionale una posizione nella base Yoav dove erano di stanza ufficiali e soldati israeliani, confermando un colpo preciso. Il secondo attacco, sempre utilizzando un drone unidirezionale, è stato effettuato alle 19:05 e ha preso di mira il nuovo quartier generale della 91a Divisione ad Ayelet, colpendo con precisione anche direttamente le posizioni degli ufficiali e dei soldati israeliani.

Alle 21:30, Hezbollah ha colpito il centro di comando del battaglione 769 a Beit Hillel con razzi Falaq, ottenendo un colpo diretto.

I media israeliani hanno riconosciuto che quattro soldati israeliani sono rimasti feriti in varia misura a seguito di un attacco di droni contro l’insediamento di Shtula vicino al confine con il Libano.

Hezbollah ha ribadito che le operazioni vengono effettuate a sostegno del risoluto popolo palestinese di Gaza e della sua coraggiosa e onorevole Resistenza e in risposta all’aggressione israeliana ai risoluti villaggi e alle case civili del Libano meridionale.

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddad

4 commenti su “Hezbollah Falaq e razzi Burkan colpiscono obiettivi israeliani di alto valore

  1. Hezbollah è un ammazzadiavoli. Colpisce, distrugge, spacca tutto. I poveri israeliani si stanno dibattendo in continuazione. La propaganda israeliana può solo mentire sulle perdite, sui morti ammazzati, per il resto è confutata quotidianamente. La quarta potenza militare al Mondo ………… prende batoste à go-go.

  2. Ho appreso ora che ieri, venerdì, le Forze Armate Yemenite hanno colpito – oltre a una nave nel Mar Rosso, una nel Golfo Persico – con più missili,
    hanno colpito pure per la prima volta una nave israeliana nel Mediterraneo !
    Dubito che la Francia e la Gran Bretagna, ecc, abbiano simili capacità.

  3. Dato che l’occidente collettivo, sta prendendo bastonate urge nuova guerra.
    Mi sa che a presto, scoppierà una nuova guerra.

  4. Non solo Russia, Cina, Iran, Corea del Nord, Cuba, Yemen, Siria e altri paesi resistenti, anche Hezbollah da un enorme contributo alla de-americanizzazione del mondo !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM