Hezbollah conduce attacchi contro posizioni e basi militari israeliane

Lunedì 19 febbraio 2024, in una serie di operazioni, la Resistenza islamica in Libano – Hezbollah ha preso di mira varie posizioni e siti militari israeliani lungo il confine libanese-palestinese, ha affermato il gruppo in una nota, confermando che tutti gli attacchi hanno ottenuto colpi diretti.

La Resistenza Islamica in Libano – Hezbollah ha dichiarato che le operazioni sono a sostegno del “resiliente popolo palestinese di Gaza e in solidarietà con la sua coraggiosa e onorevole Resistenza”.

Alle 15:45, Hezbollah ha detto che i suoi combattenti hanno colpito la base israeliana di Birket Risha con armi appropriate, aggiungendo che la base è stata colpita direttamente.

Hezbollah ha preso il controllo del drone israeliano in 3 minuti: media israeliani

Poco dopo, alle 16:15, la Resistenza ha effettuato con successo un attacco missilistico contro l’avamposto militare israeliano “al-Ramtha” nelle fattorie occupate di Shebaa, si legge in un altro comunicato.
Il sito di Al-Summaqa, anch’esso nelle fattorie occupate di Shebaa, è stato colpito dal lancio di razzi alle 16,25, ha annunciato la Resistenza, confermando che l’operazione si è conclusa con un colpo diretto.

Mentre Hezbollah continua a colpire le basi israeliane da oltre 130 giorni, i coloni israeliani e gli alti funzionari avvertono che la situazione nel nord sta diventando estremamente difficile e frustrante, sottolineando l’incapacità dell’entità di scoraggiare la Resistenza mentre centinaia di migliaia fuggono dai loro insediamenti nel nord. Palestina occupata.

In un rapporto di domenica, i media israeliani hanno sottolineato che Hezbollah sta avanzando verso la tecnologia di precisione nei suoi razzi, che servono come alternativa alla mancanza di capacità aeree.

Osservando le operazioni quotidiane della Resistenza, i media israeliani hanno riferito che Hezbollah ha trasformato i razzi Grad e altri razzi a corto raggio in armi guidate e di precisione.
In un’altra nota, i media israeliani hanno rivelato che gli insediamenti settentrionali della Palestina occupata temono lo scoppio di una guerra globale dopo il recente discorso del segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah e le implicazioni che ciò ha comportato.

Ha inoltre aggiunto che la minaccia di Nasrallah di missili in grado di raggiungere “Eilat” nel sud della Palestina occupata ha portato migliaia di coloni occupanti israeliani a correre ai negozi, temendo la carenza di forniture essenziali.

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddad

6 commenti su “Hezbollah conduce attacchi contro posizioni e basi militari israeliane

  1. Spero per i coraggiosi guerriglieri libanesi e palestinesi che qualcuno li rifornisca di buona contraerea a postazione mobile od a spalla, per avere una chance vera di difesa dall’ assoluta superiorità aerea del male sionista. Se riuscissero con altri movimenti sciiti a ‘ circondare ‘ i sanguinari ebrei, per loro sì metterebbe male. Andrebbero neutralizzare anche le basi Usa illegali in Siria ed Iraq.

  2. Le sconfitte eterne dell’occidente a guida americana, sono appunto a ripetizione. C.V.D. ! Ciò è dovuto alla tracotanza …………………………….
    I modesti, gli umili dimostrano di essere più potenti e intelligenti dei presuntuosi chiassosi anglosassoni. I fatti contano, non la propaganda di Hollywood.

  3. Hezbollah sta ancora cercando di impegnare il più possibile gli armati ebrei sul fronte nord dell’Alta Galilea/ Libano meridionale, facendogli parecchi danni, per alleggerire la pressione degli ebrei su Gaza, che è in una situazione drammatica (in ciò l’aiuto offerto ai palestinesi da Hezbollah, come anche dagli Houthi), ma ancora non si impegna in un conflitto tutto campo con i “nazi adunchi” e credo che attenda una sconsiderata iniziativa da parte dell’entità sionista, che pare sempre ad un passo – almeno secondo le minacce – dall’invadere la parte meridionale del Libano, almeno fino al fiume Litani o addirittura fino Beirut sud, ma con l’impiego di ingenti forze …

    Cari saluti

  4. come scritto prima la resistenza va rifornita con armi adeguate solo allora si infliggeranno gravi danni ai criminali anglosionisti

  5. Le nazioni USA & NATO negli ultimi 7 anni per far fallire le industrie elettroniche Cinesi della Cina hanno vietato adducendo varie scuse FOLLI le importazioni di prodotti elettronici Cinesi PRC !
    Logicamente le fabbriche Cinesi Elettroniche della PRC sono ben felici di vendere il loro surplus elettronico di componenti a basso costo che consentono di modificare in modo molto economico dei molto economici Razzi Grad per trasformarli in precisi missili !
    Il sistema di guida poiché è per uso civile non sarà preciso al centimetro avrà sui due-tre metri di errore ed inoltre il razzo-missile può essere deviato da disturbatori radio !
    Chi se né frega se qualche razzo- missile va fuori bersaglio .
    USA & NATO hanno dichiarato guerra alla RPC non acquistando più alcuni prodotti elettronici Cinesi per uso Civile è questi sono i risultati !

    1. Sono famose le sanzioni USA verso la cinese Huawei, colpevole di produrre telefonini di alta qualità ad un prezzo 4 minore di un iphone americano ! Addirittura fu arrestata la amministratrice delegata di Huawei durante una sua visita in Canada, con l’accusa di aver venduto tecnologia informatica all’IRAN ! A tutt’oggi gli apparecchi Huawei non possono connettersi a server made in USA, nè a Google, gmail, Twitter e compagnia ! Risultato, fallimentare per gli USA, Huawei ha aggirato l’ostacolo sviluppando propri motori di ricerca, browser, e un proprio “google store” chiamato petal search dal quale scaricare qualunque app ! E non solo, ha aggirato le sanzioni USA producendo telefonini a nome di aziende da essa controllate come Honor dotati di caratteristiche avanzatissime, come memorie enormi, display full hd, audio stereo, fotocamere sbalorditive, a prezzi stracciati ! Cosi le sanzioni si ritorcono contro chi le fa, cioè USA-UK-UE !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM