Hezbollah avvisa Tel Aviv: in caso di aggressione, possiamo assestare un “colpo devastante” ad Israele


Hezbollah è in grado di infliggere un duro colpo a Israele in un possibile conflitto, lo afferma un analista politico e militare , commentando il discorso del sabato sera da parte del capo del movimento di resistenza libanese.

Parlando alla televisione di al-Mayadin, Seyyed Hassan Nasrallah ha detto che Israele ha torto profondamente nel pensare che la sua scoperta di quattro tunnel l’avrebbe salvata dai futuri attacchi di Hezbollah.

Nasrallah “ha sottolineato che Hezbollah ha le capacità per infliggere gravi danni a Israele”, ha riferito domenica alla TV Paul Larudee, del Movimento per la Palestina Libera.

Hezbollah in formazione

“Nel 2006 gli israeliani hanno imparato nel modo più duro che Hezbollah può assestare un colpo molto forte, un colpo devastante su Israele e che le autorità di Tel Aviv non saranno in grado di mantenere occupato il territorio libanese”, ha detto Larudee.

“Fondamentalmente, quello che lui (Nasrallah) sta dicendo e sembra assolutamente vero è che Israele non può davvero permettersi di iniziare questa guerra”, ha aggiunto l’analista, riferendosi alle recenti minacce israeliane di attaccare il Libano per distruggere i missili di precisione di Hezbollah.
In qualsiasi momento il comando militare della Siria e dell’Asse della Resistenza può decidere di fermare le aggressioni israeliane, ha affermato Nasrallah nel corso dell’intervista.

Formazioni Hezbollah


Dirigendosi al primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu, Nasrallah ha avvisato circa le conseguenze delle sue operazioni aggressive in Siria e gli ha raccomandato di non commettere errori di valutazione e di non trascinare la regione in una guerra distruttiva o in uno scontro maggiore. Secondo il leader di Hezbollah, Israele ha subito una sconfitta strategica in Siria ed adesso Neatanyahu cerca di nasconderla anche in vista delle elezioni parlamentari che si svolgeranno nello Stato di Israele.

Nasrallah parla in pubblico


Netanyahu era sicuro di poter rovesciare il governo di Bashar al-Assad e per questo ha armato e sostenuto i gruppi terroristi nel sud della Siria tuttavia, ha aggiunto il leader di Hezbollah, Netanyahu non è riuscito ad raggiungere il suo fine ed adesso le forze siriane e quelle dell’asse della Resistenza sono più forti di prima, rispetto quando era iniziata la crisi nel paese arabo.
L’Asse della Resistenza, a cui allude Nasrallah, è costituito dalle forze dell’Esercito Siriano, dall’ Hezbollah libanese, dalle forze iraniane e dalle milizia popolari sciite irachene che si sono aggiunte sotto il comando unico integrato della resistenza.

2 Commenti

  • atlas
    27 Gennaio 2019

    grazie a DIO ho ancora buona memoria tutti i giorni per ricordare chi è il cancro dell’umanità. La lotta contro il tumore non finirà sino a quando non sarà sconfitto definitivamente

  • atlas
    27 Gennaio 2019

    Musulmani Sunniti, sciiti, cristiani e ogni persona religiosa di buona volontà. Il Partito di Dio non si vota, ci si arruola

Inserisci un Commento

*

code