Hasta la victoria, siempre (fenomenologia dell’iconoclasta)

di Andrea Zhok

Il tema dei moderni iconoclasti che nel nome dell’antirazzismo abbattono o imbrattano un po’ di statue deve essere ben inteso.

E’ vero che le occasioni storiche di rivoluzione, o rivolgimento sociale profondo, sono caratterizzate spesso anche dall’abbattimento di simboli precedenti, monumenti, ecc.

Questo fatto crea in alcuni amici un comprensibile imbarazzo nel condannare l’inconoclastia corrente, visto che anche passaggi storici di cui hanno un’opinione positiva sono stati caratterizzati da atti simili.

Per sciogliere questo ‘crampo del pensiero’ è necessario comprendere un punto di fondo.
L’attuale ondata iconoclasta, lungi dal rappresentare l’anteprima di un rivolgimento profondo, di un cambiamento di paradigma o di regime, è in effetti la diretta espressione del regime e del paradigma corrente, nel suo pieno trionfo.

Qualcuno potrebbe pensare che il regime dominante in Occidente, il regime liberal-liberista, sia caratterizzato, come tutti i regimi della storia, da un patrimonio di memorie condivise, venerate dai suoi e diverse da chi la pensa altrimenti.
E quel qualcuno potrebbe perciò pensare che abbatterne o deturparne i simboli sia una sorta di atto rivoluzionario, almeno in nuce.

Niente di più lontano dalla realtà.

Ciò che caratterizza il pensiero unico liberal-liberista non è la venerazione di modelli, magari indigesti, non è la venerazione di Montanelli o del generale Graziani, di Cecil Rhodes o di Winston Churchill.

No, l’essenza del corrente regime mondiale è la cancellazione sistematica di ogni passato, la mancanza di ogni memoria, l’imposizione di un eterno presente-futuro immediato, la dedizione alla quotidiana oscillazione di borsa, senza passato e senza futuro. Tutto il resto sono mezzi rimpiazzabili.

Il pensiero liberal-liberista non ha davvero spazio per santi né eroi, non ha spazio per la venerazione e neppure per l’odio.
Si tratta di una forma di vita che macina e sputa ogni cosa trasformandola in merce, in patacca vendibile.
Può vendere con piacere magliette prodotte in serie da bambini pakistani con sopra scritto “No Pasaran”, “Hasta la victoria siempre”, o con la faccia del Che o di Marx.

Abbattiment statue C. Combo

Il vero, il primo distruttore di ogni monumento (da “monere” = “ricordare”) è il regime liberal-liberista.

Lo spazio di desiderio e aspirazione personale che questo regime concede peraltro è molto chiaro.

Esso concede la momentanea protesta scomposta, il petardo anarchico, la linguaccia irriverente in tutte le sue varianti più o meno autoreferenziali, nel nome della ‘libertà individuale’.

Ed esso concede come temi percorribili di protesta tutti e soli i temi che preservano una provvidenziale conflittualità interna a ciascun ceto, ciascuna classe, ciascun gruppo sociale. Dunque temi in cui si riproducono scissioni interne tra soggetti che magari potrebbero essere invece accomunati dai medesimi interessi materiali: neri contro bianchi, donne contro uomini, giovani contro vecchi, ecc.

Perciò quelli che oggi gesticolano, e imbrattano, e ribaltano “monumenti” che non ricordano più niente a nessuno salvo ai piccioni, si muovono perfettamente nei binari che gli sono stati concessi dal regime dominante:

La storia non si studia, si cancella;

La libertà si esprime in forma negativa, come sfogo, intemperanza infantile;

Ideali validi sono quelli socialmente evirati, neutri per il potere reale (che è potere economico).

E così tutta questa grande sceneggiata “iconoclasta” mondiale, dopo aver occupato per qualche giorno le pagine dei giornali riconfermerà le forme e i centri di potere stabiliti.

I nostri terribili iconoclasti, dopo aver dato sfogo alla propria insofferenza rompendo le vetrine di altri, non meno sofferenti di loro, ritorneranno a portare il proprio basto.

La tempesta nella ciotola si esaurirà e l’acqua ritornerà stagnante, nel proprio eterno presente senza memoria e senza speranza.

4 Commenti

  • Eugenio Orso
    15 Giugno 2020

    Nella rivoluzione colorata, scatenata dal deep state usa proprio all’interno degli usa, si abbattono le statue per distruggere la memoria storica, coem faceva l’isis a Mosul e a Palmyra, che distruggeva i monumenti, le statue e i reperti archeologici. Lo faceva perché aveva più o meno lo stesso padrone che hanno oggi i “rivoltosi” usa dei “diritti umani” e delle minoranze.
    La matrice è sempre quella e i riots negli usa non preannunciano una rivoluzione vera, ma un maggior controllo futuro della presidenza usa da parte dell’élite finanz-globalista-giudaica.

    Cari saluti

  • Woland
    16 Giugno 2020

    Ogni memoria è vietata, tranne quella dell’olodogma shoatico.
    Tutte le altre tradizioni devono essere distrutte affinché ne resti soltanto uno.
    peccato che Dio abbia altri progetti e se la ride di loro.

  • Teoclimeno
    17 Giugno 2020

    La statua abbattuta sembra quella di Cristoforo Colombo, un altro mito caduto nella povere per la grandezza dei soliti burattinai.

  • ouralphe
    18 Giugno 2020

    La furia del piccolo iconoclasta verso i monumenti si spiega considerando che ogni statua e oper d’ arte che egli incontra nella sua strada gli rimprovera la sua ignoranza.

Inserisci un Commento

*

code