Hamas Promette: “Israele Sarà Costretto A Evacuare Tel Aviv Se La Guerra Inizia A Gaza”


GAZA – Il leader di Hamas Yahya Sinwar ha promesso che se una nuova guerra avrà inizio, le forze del gruppo faranno evacuare in Israele non solo gli insediamenti vicino al confine dell’enclave, ma anche alcune delle sue principali città, come Ashdod, Ashkelon, Negev e Tel-Aviv .

“Siamo dieci volte più forti di quanto non fossimo nel 2014 [conflitto tra Israele e Gaza]”, ha affermato.

Allo stesso tempo, Sinwar ha osservato che Israele “soffrirà” solo se la guerra viene “imposta” contro la Striscia di Gaza. Ha promesso che in questo caso, Hamas avrebbe agito da “scudo e spada” per gli abitanti della regione.

Negli ultimi mesi, Israele ha ripetutamente bombardato le posizioni di Hamas a Gaza in risposta ai lanci di missili dal territorio dell’enclave. Nonostante le numerose intese di cessate il fuoco raggiunte, il conflitto è stato costantemente riavviato.

Il confine tra la Striscia di Gaza e Israele è stato scosso da proteste conosciute come la Grande Marcia di Ritorno per più di un anno, causando centinaia di morti e migliaia di feriti. I manifestanti palestinesi dicono che stanno combattendo l’occupazione israeliana, ma Tel-Aviv insiste che le proteste sono organizzate da Hamas come copertura.

Secondo le Forze di difesa israeliane (IDF), l’organizzazione usa dimostrazioni per infiltrarsi nel territorio israeliano e attuare attacchi contro i suoi cittadini.
Il premier israeliano Netanyahu, in un suo ultimo discorso, ha lodato l’attività delle truppe israeliane, che a Gaza hanno causato la morte di circa 300 dimostranti palestinesi (di cui molti bambini e donne) ed il ferimento di altre migliaia, affermando che questo è stato necessario per “la sicurezza” di Israele. Sparare sulla gente civile disarmata per la dirigenza israeliana è considerato un fatto normale anche se la stessa ONU e la Corte Penale Internazionale dell’Aja hanno messo sotto accusa Israele per crimini contro l’umanità.

Le tensioni nell’area sono aumentate di recente mentre i militanti palestinesi hanno sparato un razzo nel centro densamente popolato di Israele, che ha reagito bombardando dozzine di obiettivi nella Striscia di Gaza. Lo scontro armato è durato dal 25 al 27 marzo.

L’IDF ha riferito che cinque missili sono stati lanciati contro Israele dalla Striscia di Gaza. I razzi sarebbero caduti in territorio aperto senza causare danni o lesioni.

Dopo l’attacco, l’IDF ha annunciato di aver risposto bombardando diversi posti militari di Hamas con carri armati e artiglieria.

Temendo che l’evento si trasformasse in una sollevazione su vasta scala, gli israeliani hanno inviato grandi forze nell’enclave e hanno espresso la loro volontà di intraprendere un’azione decisiva. Una possibile operazione terrestre contro Gaza è stata ventilata dalle autorità israeliane e sembra che questa sia considerata probabile per l’imminenza delle elezioni politiche in Israele.

FONTE: FRN

Traduzione Sergei Leonov

12 Commenti

  • atlas
    8 Aprile 2019

    ma questa redazione sta con i fratelli salafiti ?

  • atlas
    8 Aprile 2019

  • atlas
    8 Aprile 2019

  • atlas
    8 Aprile 2019

  • atlas
    8 Aprile 2019

    LUNGA VITA AD AL FATAH E DIO BENEDICA L’ANIMA DI YASSER ARAFAT

    (con moglie cristiana, l’unico movimento di resistenza all’occupazione giudea che difende i cristiani)

    avesse fatto hamas l’1% di quello che fa Hezbollah …

    BAH !

  • Mardunolbo
    8 Aprile 2019

    Infatti anche io non capisco questo Hamas che non fa altro che incitare Israele minacciando fuoco e furore ma facendo, di fatto massacrare i palestinesi ! Ma che è ? Vadano i combattenti di Hamas a spargere il terrore come dicono e vedremo se sarà vero !

  • eusebio
    8 Aprile 2019

    Gli israeliani sono con i nervi a fior di pelle, la strategia di Hamas è anche psicologica, durante gli scontri dell Marcia del Ritorno in cui sono stati fucilati invalidi e infermiere i capi ed ex capi del servizio interno Shin Bet erano terrorizzati dall’idea di centinaia di migliaia di palestinesi che sfondavano le recinzioni e piombavano nelle case degli israeliani armati coltello.
    Quando è caduto il missile vicino Tel Aviv lanciato non si sa da chi e a Iron Dome spento ci sono state decine di ricoveri per la paura del botto che per altro, ormai la popolazione israeliana è affetta da stress pre-traumatico cronico, su sei milioni di ebrei israeliani almeno uno è all’estero, molti ebrei tipo francesi scappano dagli islamisti, fanno tappa in Israele, prendono la cittadinanza e poi scappano in Nord America, a questo puntano i palestinesi, a svuotare la Palestina di ebrei con le minacce mentre loro fanno 7-8 figli a coppia.

    • atlas
      8 Aprile 2019

      stai sicuro che i barbuti (come gli ebrei) salafiti e wahhabiti contro i giudei non andranno mai

      contro i Musulmani e i cristiani sì

  • Alessandro Cattaneo
    8 Aprile 2019

    Signor Lago il signor Sed Vaste ,Max Dewa ecc non riescono piu a commentare quanti cell devo comprare ? Avevo dei libri da darvi ma non ci Sara’ mica lo zampino di quelli che Amo in modo viscerale ?

  • Alessandro Cattaneo
    8 Aprile 2019

    E allora vuol dire che provero con questo cellulare , questa e’la dimostrazione di come i circoncisi sono permalosi per qualche commento innoquo … Digitate:” il gran kahal PDF” uno puo anche delirare ma questi sono deliri che Arrivano da un Genio come Henry Ford il fondatore Della prima casa automobistica aL mondo !

    • atlas
      9 Aprile 2019

      presta attenzione. Se vai avanti così finisci in manicomio

Inserisci un Commento

*

code