Guerra segreta del Regno Unito: commando britannici feriti nello Yemen


Un certo numero di commando britannici d’élite hanno subito ferite in scontri diretti con forze yemenite come parte di quella che sembra essere una segreta campagna militare britannica nello Yemen, secondo un nuovo rapporto, aggiungendo una prova importante al coinvolgimento di Londra nella guerra mortale dell’Arabia Saudita contro il suo impoverito vicino del sud.

Il “Mail on Sunday” ha scritto che può rivelare che almeno cinque membri delle truppe del corpo speciale da sbarco del Regno Unito (SBS) hanno subito ferite da arma da fuoco in feroci scontri con membri del movimento Houthi Ansarullah, che hanno respinto l’invasione militare guidata dai sauditi da marzo 2015.

Il personale dell’SBS ha ricevuto cure per ferite alla gamba e alle braccia nella provincia settentrionale di Sa’ada, nello Yemen, dove il rapporto ha riferito che circa trenta elementi delle forze d’elite britanniche erano rimasti feriti negli scontri.

I soldati feriti sono stati riportati nel Regno Unito per curarli e farli recuperare, ha aggiunto il rapporto.

“I ragazzi stanno combattendo in un deserto inospitale e in un terreno montagnoso contro ribelli Houthi altamente impegnati e ben equipaggiati. Il ruolo dell’SBS è principalmente di addestramento e mentoring, ma in alcune occasioni si sono trovati coinvolti negli scontri a fuoco e alcuni soldati delle truppe britanniche sono stati uccisi “, ha detto al Mail una fonte di SBS.

“In un contatto poche settimane fa, un ragazzo SBS è stato colpito a una mano e un altro ragazzo è stato colpito a una gamba. Le loro ferite hanno ricordato che si tratta di un compito molto pericoloso. Ovviamente nulla sulla missione sarà confermato pubblicamente dal Ministero della Difesa a meno che un soldato britannico non venga ucciso – dovrebbero annunciarlo. “

Aereo cisterna USA in Yemen

I team SBS schierati nello Yemen comprendono medici, traduttori e Forward Air Controllers (FAC), che hanno il compito di dirigere il supporto aereo saudita.

La SBS, una forza di 200 persone con sede a Poole nella città britannica di Dorset, è un’unità di forze speciali marittime che recluta principalmente i Royal Marines. La forza è stata conosciuta per le sue operazioni in Iraq, Afghanistan e più recentemente in Siria.

La rivelazione che le forze britanniche stanno combattendo nello Yemen è arrivata dopo che il ministro delle forze armate Mark Lancaster ha ammesso che da tempo Londra stava fornendo assistenza sugli aerei da caccia fabbricati in Gran Bretagna che l’Arabia Saudita stava usando per bombardare indiscriminatamente la popolazione yemenita.

Esercito britannico a servizio di jet sauditi
Lancaster ha detto al parlamento lunedì scorso che la Royal Air Force (RAF) britannica forniva “supporto tecnico” e “addestramento generico” ai militari sauditi.

” Due Gli ingegneri britannici sono quasi morti in un attacco di droni yemeniti”

Secondo il nuovo rapporto, gli ingegneri britannici di stanza presso la base aerea King Khalid nelle parti sud-occidentali del regno sono sfuggiti a un attacco di droni yemeniti.

Forze speciali anglo USA nello Yemen

L’attacco, effettuato da un “drone suicida” che è esploso sulla pista, ha distrutto almeno due dei caccia da combattimento Tornado fabbricati dalla Gran Bretagna dell’Aeronautica Militare Saudita (RSAF) che sono stati trattenuti alla base per scopi di manutenzione.

Il nuovo rapporto dovrebbe suscitare accese critiche da parte di politici e gruppi attivisti britannici che hanno a lungo criticato il sostegno di Londra ai sauditi nel corso di quella che è stata definita dall’ONU la più grande crisi umanitaria del mondo.

Andrew Mitchell, un parlamentare britannico ex segretario di stato per lo sviluppo internazionale, ha detto che il Regno Unito è stato “vergognosamente compiacente” nelle atrocità dell’Arabia Saudita nello Yemen.

Ha anche sollecitato il governo del primo ministro Theresa May a informare il Parlamento sul ruolo delle truppe britanniche nel conflitto.

Questo mette i soldati britannici dalla stessa parte delle milizie yemenite finanziate dai sauditi e soldati stranieri che sono stati reclutati da Riyad per combattere la guerra per conto dell’esercito saudita.

Un ex militare britannico che era tornato dallo Yemen all’inizio di quest’anno ha detto che la coalizione guidata dai sauditi – che comprende regimi regionali repressivi come il Bahrain e gli Emirati Arabi Uniti – stava pagando per reclutare bambini di 13 anni come mercenari.

“I leader tribali accettano pagamenti dai sauditi e dagli Emirati Arabi Uniti in cambio di giovani di 13 e 14 anni per rafforzare la linea del fronte. Sono armati male e non hanno difese corporee “, ha detto.

Ha riferito che Riyadh stava assumendo mercenari perché i soldati sauditi non volevano lasciare i loro rifugi climatizzati.

“Loro (le forze saudite) non vogliono affatto essere nello Yemen”, ha detto l’ex militare al Mail.
Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti reclutano migliaia di mercenari africani
L’Arabia Saudita ha iniziato la sua micidiale aggressione contro lo Yemen con l’obiettivo dichiarato di distruggere gli Houthi e di reintegrare l’ex presidente fuggitivo Abd Rabbuh Mansur Hadi, fedele alleato di Riyadh.
Le vendite di armi del Regno Unito in Arabia Saudita hanno causato morti “significative per civili” nello Yemen, secondo un rapporto.
Il Regno Unito, insieme agli Stati Uniti, colse l’occasione e firmò importanti accordi sulle armi con il regno ricco di petrolio, fornendo al tempo stesso intelligence e addestramento del personale durante tutto il conflitto.

Il Regno Unito ha concesso in licenza oltre £ 4,7 miliardi di esportazioni di armi, compresi missili e jet da combattimento, a Riyadh da quando è iniziato il conflitto mortale nel 2015. May ha finora bocciato richieste di divieto delle vendite di armi nonostante il crescente disastro umanitario. Nello Yemen, secondo gli ultimi rapporti, si contano circa 60.000 vittime dirette per causa della guerra e dei bombardamenti indiscriminati fatti dall’aviazione saudita.

Ad oggi, nonostante l’indignazione internazionale, il Regno Unito continua a vendere aerei da caccia, missili e bombe intelligenti all’Arabia Saudita come parte di un piano in corso per mantenere i legami militari con regimi arabi repressivi, che Londra considera come principale fonte di reddito dopo aver lasciato l’Unione Europea.

Fonti: Dailymail .co Press Tv

https://www.dailymail.co.uk/news/article-6843469/Five-British-Special-Forces-troops-wounded-Yemen-advising-Saudi-Arabia-campaign.html

Traduzione: Sergei Leonov

1 commento

  • Mardunolbo
    25 Marzo 2019

    Peccato i cani siano stati soltanto feriti ! fatti a pezzi , sbriciolati da bombe e rinviati in sacchi neri sarebbe quel che meritano dato che da secoli rompono le balle nel mondo !

Inserisci un Commento

*

code