Guerra nucleare preventiva degli Stati Uniti contro la Cina su Taiwan?

di Alfredo Jlife Raahme

L’escalation militare del patto di difesa Aukus ( https://bit.ly/3FpuUe2 ) e Cina si intensifica nella regione più incandescente del pianeta ( https://bit.ly/3oLboCO ): il vulcanico stretto di Taiwan – che separa 180 km fino all’isola secessionista rinnegata della loro madrepatria–, dove si mette in scena contemporaneamente, in modo paradossale, una relativa distensione geoeconomica accoppiata.

Le manovre militari hanno raggiunto l’orlo del parossismo con l’annuncio simultaneo del patto difensivo Aukus e delle esercitazioni militari congiunte statunitensi con i suoi “alleati” nel Mar Cinese Meridionale.

Dall’inizio di maggio, la rivista globalista The Economist aveva indicato Taiwan come “il luogo più pericoloso del pianeta” ( https://bit.ly/3oKgbEz ), mentre Kissinger ha avvertito della “estinzione termonucleare dell’umanità a causa di un raffreddore”. guerra degli Stati Uniti contro la Cina” ( https://bit.ly/2YBy2Cz ).

Il tenente colonnello in pensione Daniel Davis commenta sulla rivista globalista britannica The Guardian, vicino a George Soros, che “gli Stati Uniti devono evitare a tutti i costi una guerra con la Cina per Taiwan” ( https://bit.ly/2YEdaeu ) e prevede che il “risultato più probabile sarebbe una sconfitta convenzionale” (sic) per gli Stati Uniti, ma che potrebbe degenerare senza controllo in uno “scambio nucleare” nel “caso peggiore”. Davis consiglia che “Washington dovrebbe continuare ad abbracciare (sic) l’ambiguità strategica, ma in privato (megasic!) Fate sapere ai leader di Taiwan che non faremo la guerra con la Cina”.

Non mancano le teste calde, come il famosissimo colonnello Lang, che consiglia una “guerra nucleare preventiva” da parte degli Stati Uniti per spazzare via l’intero arsenale nucleare cinese ( https://bit.ly/3iP4fh5 ).

Il Wall Street Journal ha rivelato la presenza di marines per un anno per addestrare il valetudinary esercito taiwanese ( https://on.wsj.com/3Ane37T ) – che continua ad acquistare armi massicce senza filastro o ragione – che la Cina definisce la sua integrità territoriale come una “invasione” (sic) sotto il concetto di “una Cina” che fu tacitamente accettata dal duo Nixon/Kissinger nel 1973 e poi formalizzata dal duo Carter/Brzezinski con il mandarino Deng Xiaoping nel 1978.

L’escalation ha portato la CIA ad aprire un “Centro di missione per la Cina”, il cui direttore William Burns considera la “minaccia geopolitica più importante che affrontiamo nel 21° secolo” ( https://bit.ly/3amIL6u ).

L’esercito cinese ha lanciato 155 raid aerei nelle vicinanze di Taiwan, aggiunti alle manovre dei sottomarini di Pechino nelle acque condivise. Lo stesso giorno (megasic!), il consigliere per la sicurezza nazionale, l’israeliano-americano Jake Sullivan e l’ormai famoso Yang Jiechi, il più alto funzionario cinese per gli affari esteri e membro del Consiglio di sicurezza nazionale, si sono incontrati per sei ore (sic). del Partito Comunista.

L’incontro epocale è stato il risultato di una telefonata del presidente Joe Biden al suo omologo mandarino Xi Jinping, che ha aperto la possibilità di un incontro tra i due, sia in teleconferenza che di persona ( https://bit.ly/3Duh3Bg ).

Incredibilmente, il quotidiano cinese non ufficiale Global Times riassume che l’incontro di Zurigo “può dare i suoi frutti”.

A Zurigo, la linguistica della “competizione responsabile”, del “riattaccamento” e persino della cooperazione, piuttosto che dello “scontro” e del “disimpegno”, si è fatta più abbondante, in mezzo alla recente liberazione dell’eroina cinese Meng Wanzhou, figlia del boss di Huawei. e ingiustamente imprigionato in Canada su richiesta dell’amministrazione Trump.

Una cosa è certa: l’incontro di Zurigo è stato più fruttuoso del fallito incontro in Alaska ( https://bit.ly/3uVZnM1 ), mentre, paradossalmente, in campo militare il campionato è stato allungato al massimo sull’evoluzione casuale di Taiwan

Chi otterrà i semiconduttori di Taiwan? Quale sarà la posizione della Russia – che il 2 giugno dello scorso anno ha aggiornato la sua politica di deterrenza nucleare ( https://bit.ly/3iKI3EO ) -, presunto alleato della Cina, nell’ipotetico scenario di una “guerra nucleare preventiva” Degli Stati Uniti contro la Cina? Queste le domande ancora senza risposte.

Esercitazioni dell’esercito cinese

La Cina effettua le prove di sbarco

Nel frattempo L’esercito cinese ha effettuato esercitazioni di sbarco sulla spiaggia e di assalto nella provincia direttamente al di là del mare dalla Taipei cinese, in mezzo a un drammatico picco di tensioni tra la terraferma e l’isola autogovernata.

Il quotidiano ufficiale People’s Liberation Army Daily in un breve servizio di lunedì ha affermato che le esercitazioni sono state effettuate “negli ultimi giorni” nella parte meridionale della provincia del Fujian. L’azione ha coinvolto truppe “shock”, genieri e specialisti di barche, aggiunge il rapporto.

Le truppe sono state “divise in più ondate per afferrare la spiaggia ed eseguire compiti di combattimento in diverse fasi”, ha osservato.

Un video che circolava in rete mostrava anche soldati su piccole imbarcazioni che assaltavano una spiaggia, lanciavano granate fumogene, sfondavano le difese di filo spinato e scavavano trincee nella sabbia. Il rapporto, tuttavia, non collegava gli esercizi alle attuali tensioni con il Taipei.

Fujian sarebbe un punto di partenza chiave per qualsiasi acquisizione cinese dell’isola autogovernata a causa della sua vicinanza geografica. La Cina svolge regolarmente esercitazioni militari su e giù per le sue coste e nel Mar Cinese Meridionale.

Durante il fine settimana, il presidente cinese Xi Jinping ha ribadito l’opposizione al “separatismo per l’indipendenza” di Taipei cinese e ha promesso di realizzare una riunificazione pacifica con l’isola autogovernata.

Fonti: alfredojalife.com – Press Tv

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

7 Commenti
  • mario
    Inserito alle 20:08h, 11 Ottobre Rispondi

    w cina ……………………contro gli ebrei anglo americani malefici e assassini……………………………………………………………………………………….

  • Helix
    Inserito alle 21:37h, 11 Ottobre Rispondi

    Bisognerebbe chiedersi perchè l’occidente ha delocalizzato molte industrie in paesi nei quali sapevano poi che ci sarebbero stati poi degli scontri tipo questo, gli Usa secondo me non vogliono che la Cina controlli Taiwan per via dei brevetti dei microchip, sappiamo tutti che con i nostri smartphone in mano possono sapere cosa pensiamo con chi parliamo, dove siamo, mettiamo caso che la Cina anettendo Taiwan imponga una tecnologia occulta nei processori per spiare l’utente, chi poi in un mondo fatto di internet non sara’ controllato? Fate voi…cmq l’occidente si trova in un guaio che non sa uscirne, guardate nelle strade negli Stati Uniti homeless che ci sono poi non parliamo del kaos euro e europeo …

  • Tania
    Inserito alle 01:23h, 12 Ottobre Rispondi

    Le “guerre preventive” americane se non fossero carneficine di esseri umani, sarebbero da storie da cabaret per far ridere : i loro “principi morali” sono esilaranti…

  • Tania
    Inserito alle 01:24h, 12 Ottobre Rispondi

    Gli USA sono adatti a popoli dementi, o sempre fatti di alcol e droghe, che altro?

  • Padova
    Inserito alle 10:55h, 12 Ottobre Rispondi

    Comunque noi ” occidentali” abbiamo “delocalizzato” migliaia di industrie in Cina. Anche allora, mi sembra, la Cina era una dittatura, e non certo tenera con i ” diritti umani”! Ma ci stanno prendendo per il c……..!? Ed ora da buona è diventata cattiva? Gli stupidi siamo noi e, non certo i Cinesi. Ed ora Zio Sam vuole la crociata anticinese! E, noi ” scemi” europei…siiiisignore! E, magari una grande guerra! Siiiiiiiiii………per portare la democrazia! Parliamoci chiaro: l’occidente sta andando verso l’abisso, ma non a causa della Cina, ma a causa della sua stoltezza! Rischiamo di essere sconfitti prima ancora di combattere, e, meriteremo una tale beffa! Questo vale per l’Europa, per gli USA direi di stare attenti: due precedenti, Corea senza vincitori, Vietnam sconfitti, Cina sarebbe osso duro, molto duro….meglio che si calmino e la smettano di rompere le palle al resto del mondo. Guardino la “pattumiera” che hanno in casa propria

  • Arditi, a difesa del confine
    Inserito alle 11:59h, 12 Ottobre Rispondi

    attendo con impazienza la “pacifica riunificazione”
    ,
    mi raccomando, PACIFICA
    .
    lo ha detto lui, il Supremo Leader, non io

  • Pippo
    Inserito alle 20:30h, 12 Ottobre Rispondi

    Per riconquistare l’isola ribelle, suggerirei alla Cina di scartare l’opzione invasione con mezzi da sbarco, come avvennne in Normandia nel 1944, perché l’operazione si risolverebbe sicuramente in un disastro, con perdite umane ingentissime.Meglio essere più prudenti e optare per un blocco navale.Ma dev’ essere un blocco totale, ferreo, intransigente, prolungato, fino a che gli isolani ribelli alzino bandiera bianca o diano segnali di voler intraprendere negoziati, in ogni caso tesi alla riunificazione con il continente. Il blocco navale, darebbe anche tempo agli USA che è l’unica potenza ostile nell’area, di riflettere bene sul da farsi, ossia se intervenire a dar man forte a Taiwan, forzando il blocco, oppure decidere di allontanarsi e lasciare che la riunificazione si compia. Se gli USA scelgono di intromettersi, forzando il blocco e attaccando le unità cinesi, con navi, aerei o sottomarini, allora Pechino reagirà con la guerra totale e attaccherà direttamente gli USA sul suolo metropolitano con missili balistici nucleari e contemporaneamente attaccherà per neutralizzarle, tutte le basi USA nelle vicinanze.Comunque sono sicuro che gli USA non oseranno intervenire, si limiteranno a qualche protesta formale di circostanza e tutto finirà li’.

Inserisci un Commento