Guerra Israele-Palestina: lo spettro di un’escalation regionale incombe

di Khalil al-Anani

Il sostegno rapido ed energico del presidente Biden a Israele ha raggiunto livelli senza precedenti. Ciò ha messo in grave pericolo gli interessi e gli alleati americani nella regione

Quanto sta accadendo a Gaza in questo momento non rimarrà confinato entro i confini del territorio; piuttosto, i suoi effetti si diffonderanno in tutto il Medio Oriente.

La guerra che Israele sta conducendo contro la Striscia di Gaza assediata, che ha sopportato 16 anni di blocco, avrà ripercussioni significative in tutta la regione negli anni a venire.

Le guerre hanno sempre svolto un ruolo cruciale nel rimodellare gli equilibri di potere regionali e globali. Le guerre mondiali del XX secolo sono state un ottimo esempio di questo fenomeno. La guerra del 1967 , vinta da Israele contro Egitto , Giordania e Siria , rimodellò le dinamiche di potere del Medio Oriente.

Allo stesso modo, la guerra del 1973 , che portò l’Egitto a riconquistare con successo la penisola del Sinai, ebbe un impatto significativo. La Guerra del Golfo, agli inizi degli anni ’90, ha avuto ripercussioni sull’ordine regionale arabo, che in seguito è diventato più debole e diviso.

In ogni caso, gli equilibri di potere furono riconfigurati, attraverso l’ascesa di un potere o la caduta di un altro.

L’attuale guerra israeliana a Gaza avrà un impatto enorme sugli Stati Uniti e sui suoi alleati regionali, in particolare Egitto e Giordania, che si trovano ad affrontare condizioni politiche, economiche e sociali difficili. Gli Stati Uniti sono stati incrollabili nel loro sostegno militare, politico e diplomatico a Israele , senza considerare le conseguenze sui propri interessi nella regione o sugli interessi dei suoi alleati.

Mentre il sostegno degli Stati Uniti a Israele non è una novità, con Washington che ha speso più di 260 miliardi di dollari in aiuti militari ed economici a Israele dal 1971, il sostegno rapido ed energico del presidente Joe Biden ha raggiunto livelli senza precedenti. Ciò ha messo in grave pericolo gli interessi e gli alleati americani nella regione.

Timori di reinsediamento

Molte popolazioni arabe ora vedono gli Stati Uniti come un partner chiave nella ricerca di ritorsioni e punizioni collettive da parte di Israele, e nei crimini commessi dalle forze israeliane contro i palestinesi a Gaza. Sono scoppiate proteste a Baghdad, Amman, Beirut e altre capitali arabe, mentre Washington ha emesso un “ avvertimento mondiale ” per i suoi cittadini di fronte alla potenziale espansione della guerra in Medio Oriente.

Egitto e Giordania, due dei più importanti alleati di Washington nella regione, subiranno le conseguenze di questa guerra negli anni a venire. L’Egitto è alle prese con una grave crisi economica tra l’aumento del debito estero, l’elevata inflazione, l’aumento dei tassi di povertà e il deterioramento della classe media. Non sarà in grado di sopportare alcun onere aggiuntivo se i palestinesi saranno costretti a cercare rifugio lì per sfuggire alla brutale guerra a Gaza.

Il Cairo teme che la guerra possa portare allo sfollamento di centinaia di migliaia di palestinesi da Gaza e al loro reinsediamento nel Sinai, il che avrebbe significative implicazioni politiche, strategiche e di sicurezza. Il presidente Abdel Fattah el-Sisi ha detto che rifiuterà qualsiasi mossa del genere.

Invece di agire come forza stabilizzatrice nella regione, il loro sostegno (degli USA) cieco e illimitato a Israele li ha trasformati in una fonte di instabilità.

Prima della guerra, il Sinai era già fuori dal controllo del governo egiziano, che da più di un decennio combatte i gruppi armati, senza alcun successo decisivo. La presenza aggiuntiva di combattenti della resistenza anti-israeliana porterebbe inevitabilmente a scontri con Israele, attirando potenzialmente l’Egitto – proprio come la situazione in corso al confine tra Libano e Israele.

Egitto, proteste massicce contro Israele

C’è anche una significativa pressione pubblica sul governo egiziano per garantire che maggiori aiuti umanitari possano raggiungere i palestinesi assediati attraverso il valico di Rafah, poiché i bombardamenti israeliani a Gaza hanno ucciso più di 9.000 persone , ferito più di 32.000 e centinaia di migliaia di sfollati.

La Giordania non sta meglio. Negli ultimi dieci anni il Paese ha dovuto affrontare condizioni economiche e sociali difficili a causa dell’aumento dei prezzi, del calo dei redditi, dell’aumento della disoccupazione e delle scarse prestazioni del governo a causa dei frequenti cambiamenti ministeriali .

Egitto, proteste massicce contro israele

Proteste massicce

Il sostegno pubblico della Giordania ai palestinesi è il più alto tra i paesi arabi, principalmente perché ha il più alto numero di rifugiati palestinesi di qualsiasi paese al mondo, più di due milioni. Ciò potrebbe spiegare la posizione della Giordania sull’attuale guerra a Gaza, dove la retorica ufficiale ha rifiutato la punizione collettiva dei civili palestinesi da parte di Israele e ha sostenuto un cessate il fuoco immediato.

Tra le preoccupazioni per le conseguenze interne di una escalation di guerra, la Giordania ha anche annullato un vertice programmato con i leader statunitensi, egiziani e palestinesi a metà ottobre.

Quello che è ancora più sorprendente è che, nonostante siano stati tra i primi paesi arabi a stabilire relazioni con Israele – l’ Egitto nel 1979 e la Giordania nel 1994 – entrambi i paesi sono stati testimoni di massicce proteste contro l’aggressione israeliana a Gaza nelle ultime settimane.

In Egitto, dove un regime autoritario ha represso tutte le proteste negli ultimi dieci anni, si sono svolte grandi manifestazioni a sostegno dei palestinesi e contro l’aggressione israeliana. In passato, gli egiziani sono scesi in piazza per la Palestina e poi sono tornati per protestare contro il proprio regime; questo potrebbe spiegare perché lo Stato ha represso le ultime manifestazioni.

Allo stesso modo, in Giordania, lo Stato teme che la catastrofe umanitaria a Gaza possa scatenare proteste di piazza critiche nei confronti dell’incapacità del regime giordano di impedire il deterioramento delle condizioni locali. Negli ultimi anni in Giordania sono scoppiate proteste di piazza per le condizioni economiche e per chiedere riforme politiche.

Pertanto, invece di agire come forza stabilizzatrice nella regione, il loro sostegno cieco e illimitato a Israele lo ha trasformato in una fonte di instabilità. Ciò potrebbe infiammare l’intera regione nei giorni e nei mesi a venire.

Khalil al-Anani è un esperto di politica del Medio Oriente. È autore di due libri; All’interno dei Fratelli Musulmani: religione, identità e politica, islamismo e rivoluzione in Medio Oriente

Traduzione: Luciano Lago

2 commenti su “Guerra Israele-Palestina: lo spettro di un’escalation regionale incombe

  1. Tutti i paesi arabi devono combattere con la Palestina efficacemente e non con la solidarietà che non serve a nulla, se la Palestina viene distrutta, i prossimi saranno loro. La voracità del nemico non ha limiti, per cui deve essere sconfitto, diversamente il medioriente non vedrà mai pace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM