Guerra Israele-Hamas in diretta: Israele promette di intensificare i combattimenti a Gaza

Di Usaid Siddiqui e Stephen Quillen
27 dicembre 2023
Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha affermato che le forze israeliane non ridurranno l’intensità dei combattimenti e stanno “approfondindo le operazioni nel sud di Gaza”, con l’ aviazione israeliana che colpisce 100 obiettivi in ​​24 ore.
Il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha nominato Sigrid Kaag coordinatore degli aiuti a Gaza, ma il percorso da percorrere per gli aiuti umanitari rimane difficile senza interruzioni nei combattimenti.
Herzi Halevi, capo di stato maggiore dell’esercito israeliano, afferma che la guerra a Gaza continuerà “per molti mesi”.

A Gaza, almeno 20.915 persone sono state uccise e 54.918 ferite negli attacchi israeliani dal 7 ottobre. Il bilancio rivisto delle vittime dell’attacco di Hamas contro Israele ammonta a 1.139.

La morte di più soldati israeliani aumenta la pressione su Netanyahu, Il crescente numero di morti nelle IDF sta portando il primo ministro Netanyhau a subire maggiori pressioni da vari settori del suo paese, come informa Alan Fisher di Al Jazeera.
La maggior parte dei nuovi caduti tra le forze israeliane si è riscontrata dalla fine della tregua del 1° dicembre.
Il crescente numero dei morti senza dubbio eserciterà pressioni sul premier Netanyahu, ha riferito Fisher da Gerusalemme Est occupata. “La gente si sta ponendo domande e si chiede se l’esercito si trova sotto il potere della polizia e del Mossad”.
Nota: Molti israeliani crdevano che entrare a Gaza per l’esercito sarebbe stata “una passeggiata”. I fatti dimostrano che non è stato così.

Fonte: Al Jazeera

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “Guerra Israele-Hamas in diretta: Israele promette di intensificare i combattimenti a Gaza

  1. Condanne e sanzioni : finora al genocidio e alle rapine commesse da Israele non sono seguite nè le une nè le altre. Gli USA hanno decretato l’immunità per Israele : per quanto tempo ancora ?

  2. Visto il numero di 2.300.000 abitanti e il numero di costruzioni distrutte a Gaza pari al 90% appare ridicolo il numero di 21.000 morti tra i palestinesi. La stima di 210.000 (95% civili) è più realistica. E’ forse che si ha paura di scrivere che gli israeliani ebrei di Netanyau sono peggio delle SS di Adolf Hitler?

  3. Nelle vie di Gaza sta evaporando il sogno di vincere facile, passeggiando tra le macerie e uccidendo senza rischi i pochi superstiti di Hamas, dopo che il lavoro sporco l’hanno fatto i bombardamenti dall’alto ! Per i sionisti la passeggiata tra macerie e morti di Gaza è sempre più una passeggiata verso l’inferno ! A Tel Aviv dovranno farsene una ragione, per sconfiggere Hamas dovrebbero eliminare fisicamente tutto il popolo palestinese, e anche se i sionisti non avrebbero scrupoli morali nè tantomeno religiosi nel portare a termine il genocidio in corso, la vedo molto, molto improbabile, non fosse altro perchè la “questione palestinese” non riguarda solo occupanti sionisti contro occupati palestinesi, ma fa parte di un più generale conflitto tra gli ex egemoni anglo americani (e loro servi europei) e paesi resistenti come Russia, Cina, Iran, Siria, Iraq, Hezbollah, Yemen, Corea del Nord, Venezuela, Cuba, Nicaragua e altri !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM