Guerra in Ucraina: tutto avviene sotto la gestione del Pentagono

Il grande calderone del grub NATO che coinvolge i soliti fantasmi e mercenari per racket e caos di bande organizzate.

di Nauman Sadiq (*)

Guerra segreta: in che modo l’inganno subappaltato dalla NATO ha assistito e continua ad assistere la guerra in Ucraina?
“Gli Stati Uniti stanno addestrando e guidando un’insurrezione”

Le forze speciali britanniche hanno addestrato le truppe ucraine a Kiev dall’inizio del mese, hanno detto i comandanti ucraini al quotidiano The Times a metà aprile.

Il capitano Yuri Myronenko, il cui battaglione è di stanza a Obolon, nella periferia settentrionale di Kiev, ha detto ai media che gli addestratori militari sono venuti per istruire le nuove reclute o i soldati che tornano nell’esercito a usare i missili anticarro NLAW. Febbraio quando iniziò l’invasione russa.

Anche ex militari britannici, marines e forze di commando sono in Ucraina che lavorano lì con appaltatori (mercenari) e volontari, ma gli ufficiali ucraini concordano sul fatto che il loro addestramento di questo mese è stato guidato da soldati britannici in servizio attivo.

“Le forze d’élite britanniche della SAS sono state in Ucraina dall’inizio della guerra, così come le forze speciali Delta degli Stati Uniti”, ha twittato il 9 aprile il giornalista francese Georges Malbrunot per il quotidiano Le Figaro , citando fonti dell’intelligence. Il giornalista ha versato i fagioli lo stesso giorno in cui il primo ministro britannico Boris Johnson ha fatto la sua visita a sorpresa a Kiev. Il primo ministro britannico era circondato da guardie appartenenti alla SAS britannica.

Il giornalista francese veterano che è tornato dall’Ucraina dopo essere arrivato lì con combattenti volontari ha detto a CNews che gli americani erano direttamente responsabili della guerra sul campo. “Sono rimasto sorpreso, così come i volontari, di scoprire che per entrare nell’esercito ucraino, beh, sono gli americani che prendono le decisioni e che gestiscono”, ha detto Malbrunot.

Ha aggiunto che lui ei volontari sono stati “quasi arrestati” dagli americani, che hanno affermato di avere il controllo, rivelando il giornalista che sono stati tutti poi costretti a firmare un contratto fino alla fine della guerra. “E chi comanda? Gli americani, l’ho visto con i miei occhi”, ha detto il giornalista francese aggiungendo “Pensavo di essere nelle brigate internazionali e mi sono ritrovato di fronte al Pentagono”.

Oltre alle forze SAS britanniche, alle forze speciali statunitensi e agli agenti sotto copertura della CIA, ci sono circa 6.824 mercenari stranieri provenienti da 63 diversi paesi che sono venuti in Ucraina per combattere dalla parte del governo Zelensky, ha rivelato il rapporto del ministero della Difesa russo la scorsa settimana. Di questi mercenari, 1035 sono stati “eliminati” mentre ne rimangono diverse migliaia. Circa 400 combattenti stranieri sono assediati dalle forze russe e della DPR nel complesso industriale Azovstal di Mariupol, insieme a forze ultranazionaliste e neonaziste che hanno rifiutato di arrendersi.

Il gruppo più numeroso di questi combattenti stranieri che conta il 1717 è arrivato dalla Polonia; circa 1.500 combattenti provenivano da Stati Uniti, Canada e Romania. 300 britannici, 300 georgiani e 193 combattenti della zona di controllo turca in Siria. Queste cifre sono state annunciate il 17 aprile dal portavoce del ministero della Difesa, il generale Igor Konashenkov. Secondo il generale, 1035 mercenari stranieri sono stati uccisi dalle forze russe, 912 sono fuggiti dall’Ucraina, lasciando 4877 di questi mercenari attivi nelle città di Kiev, Kharkov, Odessa, Nikolaiev e Mariupol.

La più grande forza armata segreta che il mondo abbia mai conosciuto è quella creata dal Pentagono nell’ultimo decennio.

Questo esercito segreto ora conta circa 60.000 membri, la maggior parte dei quali lavora lì sotto false identità e sotto profilo, tutti parte di un programma chiamato “Riduzione della firma ” (accresciuto, che rende qualcosa o persone più impercettibili). Un numero considerevole di questi appaltatori della difesa ha assistito le forze ucraine e le sue milizie neonaziste alleate per più di 8 anni in questa guerra per procura contro la Russia dal colpo di stato di Maidan del 2014 che ha rovesciato il governo di Viktor Yanukovich.

La forza, più di 10 volte più grande degli elementi clandestini della CIA, svolge compiti in patria e all’estero sia in uniforme militare che in abiti civili, ha riportato la rivista Newsweek lo scorso maggio.

Questo cambiamento senza precedenti ha messo più soldati, civili e appaltatori in condizioni di lavoro sotto false identità, sia come risultato della crescita delle forze speciali segrete, ma anche come risultato di una risposta intenzionale alle sfide di viaggiare e operare in un mondo sempre più trasparente . ( NdT:il che è qui un errore di giudizio a nostro avviso. Se infatti il ​​mondo è sempre più “trasparente” per le persone comuni che trovano sempre più difficile vivere senza essere rintracciate, elencate, monitorate, represse, intimidite per un sì o un no ecc… Lo stesso non è vero per tutte le barbouzerie e la finanza transnazionali che possono fare tutto, ovunque nella totale impunità, perché protette dalla “ragione di Stato” o dalla “sicurezza nazionale” o dalla prevalenza di interessi privati ​​privilegiati… la sorveglianza è onnipresente per i cittadini, l’opacità è onnipresente e mantenuto per gli scagnozzi e le armi armate del Nuovo Ordine Mondiale… Questa è una realtà quotidiana che si verifica ovunque nel mondo occidentale…)

Le operazioni di guerra segrete organizzate dall’esercito segreto del Pentagono nelle zone di conflitto di tutto il mondo non sono solo un settore poco conosciuto dell’esercito americano, ma anche una pratica totalmente non regolamentata. Nessuno conosce l’esatta dimensione di questo programma e l’esplosione della riduzione delle firme non è mai stata esaminata per il suo impatto sulla politica e sulla cultura militare.
Il Congresso degli Stati Uniti non ha mai attuato un audit sull’argomento. Eppure, l’esercito che sviluppa questo gigantesco progetto e questa forza clandestina senza precedenti, sfida le leggi degli Stati Uniti, della Convenzione di Ginevra (NdT: che ovviamente vale solo nel cantone di Ginevra…), il codice di etica militare e la base stessa di ogni responsabilità.

Lo sforzo di “Riduzione della firma” coinvolge circa 130 aziende private per amministrare questo nuovo mondo sotterraneo. Anche decine di organizzazioni governative segrete e poco conosciute supportano questo programma, stabilendo contratti riservati e supervisionando operazioni totalmente nascoste al pubblico. Insieme, queste società accumulano più di 900 milioni di dollari all’anno per il servizio di questa forza clandestina .

Le forze delle operazioni speciali costituiscono più della metà dell’intera forza di Signature Reduction, guerrieri ombra che danno la caccia ai “terroristi” nelle zone di guerra dal Pakistan all’Africa occidentale, ma che lavorano anche sempre più in punti caldi non riconosciuti, anche dietro “linee nemiche” in luoghi come il Nord Corea, Ucraina e Iran. Specialisti dell’intelligence, raccoglitori di informazioni, agenti del controspionaggio, persino linguisti, costituiscono il secondo elemento più grande: migliaia di loro sono schierati in ogni momento con vari gradi di copertura per proteggere le loro vere identità.

Dal famigerato massacro di Nisour Square a Baghdad nel 2007, l’appaltatore privato mercenario Blackwater, ribattezzato Academi nel 2011 e diventato una filiale del Gruppo Constellis, in seguito alla fusione con Triple Canopy nel 2014, ha costruito un impero in questo dominio. Nel 2013, la filiale di Academi, International Development Solutions (IDS), ha ricevuto circa 92 milioni di dollari in un contratto di sicurezza per il Dipartimento di Stato americano.

Mercenari sotto gestione del Pentagoo e CIA
Mercenari della ex Black Water, Academi

Dopo aver venduto Blackwater a un gruppo di investitori nel 2010, Erik Prince , ex Navy SEALs e fondatore dell’azienda mercenaria Blackwater, ha fondato un’altra società di sicurezza privata, il Frontier Services Group, registrato alla Borsa di Hong Kong, che fornisce consulenza e servizi di logistica e trasporto aereo, soluzioni per gli oligarchi cinesi per la sicurezza delle loro iniziative commerciali altamente redditizie in Africa.

Inoltre, oltre a consigliare e assistere la petromonarchia degli Emirati Arabi Uniti nel rafforzamento del suo stato di polizia, Erik Prince ha anche fornito armi e un aereo modificato al signore della guerra libico orientale ed ex fantasma della CIA, Khalifa Haftar, sostenuto dall’Egitto e dagli Emirati Arabi Uniti, in la sua fallita campagna militare contro il governo di Tripoli tra aprile 2019 e giugno 2020.

Utilizzando i suggerimenti e l’aiuto di sua sorella Betsy Devos, che ha lavorato come ministro dell’istruzione nell’amministrazione Trump, Erik Prince ha persino fatto un’offerta a Trump per affidare la guerra in Afghanistan a mercenari che consigliavano e assistevano le forze afghane dopo il ritiro delle truppe americane. Ma Trump ha concluso un accordo di pace con i talebani nel febbraio 2020 e poi ha perso le elezioni prima di poter prendere in considerazione questa bizzarra proposta.

Sebbene sia noto che gli appaltatori militari del Pentagono abbiano addestrato e consigliato diverse brigate neonaziste integrate con le forze ucraine contro la regione del Donbass dal 2014, Erik Prince, così come i dirigenti di grandi società di sicurezza private che forniscono mercenari per il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, hanno visitato personalmente Kiev all’inizio di febbraio in seguito al posizionamento di truppe russe nelle vicinanze e all’incontro con funzionari della sicurezza del governo Zelensky , secondo fonti informate.

Prima di intraprendere questa visita clandestina a Kiev, Erik Prince si è consultato con il segretario alla Difesa Lloyd Austin e il direttore dell’intelligence nazionale Avril Haines con cui EP ha una lunga relazione che risale ai primi anni ’90 dopo aver acquistato un bar a Fell’s Point, Baltimora, in seguito al sequestro durante un raid della polizia antidroga. L’ha trasformata in una libreria-caffetteria esotica che offre “letture erotiche” tra gli altri passatempi licenziosi.

Nei suoi incontri con le agenzie di sicurezza nazionale americane di alto rango, Erik Prince ottenne una “promessa da gentiluomo”, senza alcuna prova documentata a causa dell’aspetto “faustiano” del patto, che lui e i suoi associati non sarebbero mai stati in alcun modo ritenuti legalmente responsabili di tutto il lavoro sporco svolto nella guerra per procura in Ucraina.

Infatti, appaltatori militari mercenari in stretto coordinamento e consultazione costante con operatori segreti della CIA, forze speciali e agenzie di intelligence occidentali, non solo addestrano le forze di sicurezza ucraine, che sono in gran parte composte da coscritti e milizie neonaziste alleate per l’uso delle oltre 60.000 armi anticarro e 25.000 missili antiaerei portatili forniti collettivamente come assistenza all’Ucraina dalle nazioni della NATO, ma dirigono l’intera strategia di difesa dell’Ucraina prendendo parte attiva alle operazioni di combattimento in alcune delle battaglie più feroci contro le forze russe a Mariupol, Kharkov e nella regione orientale del Donbass in Ucraina.

In uno scoop esplosivo, il Times ha riferito il 4 marzo che gli appaltatori della difesa stavano reclutando veterani per operazioni segrete in Ucraina, pagando 2.000 dollari : “Il lavoro non è privo di rischi, ma vicino a 60.000 dollari al mese, la paga è buona . I candidati devono avere almeno 5 anni di esperienza militare nell’Europa orientale, essere bravi in ​​ricognizione, essere in grado di condurre operazioni di soccorso con pochissimo supporto e conoscere il tipo di armamento dell’era sovietica”.

I media russi hanno affermato il mese scorso che le agenzie di sicurezza statunitensi avevano lanciato un massiccio programma di reclutamento per inviare mercenari in Ucraina, compresi mercenari addestrati da Academi, ex Blackwater, Cubic e la Dyn Corporation. .

Il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov ha avvertito che i mercenari catturati in Ucraina non saranno considerati prigionieri di guerra e nella migliore delle ipotesi dovranno affrontare accuse penali e essere assicurati alla giustizia.

In un’intervista con Dana Bash della CNN il 3 aprile, l’SG della NATO Jens Stoltenberg ha affermato che “gli alleati della NATO hanno sostenuto l’Ucraina per anni”, aggiungendo che gli aiuti militari “sono stati elevati per diverse settimane dopo l’invasione”. Ha chiarito che “gli alleati della NATO come gli Stati Uniti, ma anche la Gran Bretagna e il Canada e pochi altri, addestrano le truppe ucraine da anni…”

Secondo le stime di Stoltenberg “decine di migliaia di soldati ucraini” hanno ricevuto questo tipo di addestramento e “sono ora in prima linea a combattere le forze russe invasori”. Il SG attribuisce alla Nato il merito del fatto “che le forze armate ucraine sono più grandi, meglio equipaggiate, meglio addestrate e meglio guidate di prima”.

Oltre a un programma della CIA di lunga data volto a coltivare un’insurrezione anti-russa in Ucraina, il 26 febbraio, due giorni dopo l’inizio dell’operazione russa in Ucraina, il Dipartimento della Difesa nazionale canadese ha rivelato che l’esercito canadese aveva addestrato approssimativamente ” 33.000 militari ucraini e personale di sicurezza in una gamma di tecniche e tattiche avanzate”. Mentre il Regno Unito, nell’ambito dell’operazione Orbital, ha addestrato 22.000 combattenti ucraini, come notato dall’esperto NATO SG.

Un altro scoop esplosivo riportato da Zach Dorfman il 16 marzo: “Nel programma di addestramento con sede in Ucraina, la CIA e i suoi paramilitari hanno insegnato agli ucraini tecniche da cecchino, come l’utilizzo di missili anticarro statunitensi” Javelin “e altre attrezzature, nonché come eludere il tracciamento elettronico digitale che i russi usano per fornire coordinate molto precise alla loro artiglieria sull’esatta posizione delle truppe ucraine.
Anche l’uso di strumenti di comunicazione segreti e come rimanere inosservabili in una zona di guerra, attirando anche le forze russe fuori dalle loro posizioni”.

“Quando i paramilitari della CIA sono arrivati ​​nell’Ucraina orientale dopo la prima incursione russa nel 2014. Avevano due scopi. In primo luogo è stato loro ordinato di determinare come l’agenzia di intelligence potesse aiutare al meglio il personale delle operazioni speciali ucraine a combattere le forze russe ei loro alleati separatisti, che avevano scatenato una guerra di logoramento contro le truppe ucraine nella regione del Donbass. La seconda parte della missione consisteva nel mettere alla prova gli stessi ucraini nelle avversità”, secondo gli ex agenti.

Accanto al programma clandestino della CIA per addestrare l’esercito ucraino, composto principalmente da coscritti e milizie neonaziste, e il programma delle forze speciali statunitensi per addestrare le forze di sicurezza ucraine presso il Centro di addestramento al combattimento Yavoriv nell’Ucraina occidentale vicino al confine con la Polonia, il centro stesso che è stato colpito da una raffica di 30 missili russi uccidendo almeno 35 mercenari il 13 marzo, Dorfman afferma in un rapporto di gennaio che la CIA aveva anche un programma di addestramento segreto per addestrare le forze speciali ucraine in un centro militare non specificato negli Stati Uniti meridionali.

La CIA sta supervisionando un intenso programma di addestramento segreto negli Stati Uniti per le forze speciali ucraine d’élite e altro personale dell’intelligence, secondo cinque ex funzionari dell’intelligence e della sicurezza nazionale che hanno familiarità con l’iniziativa. Il programma, iniziato nel 2015, ha sede in una località sconosciuta nel sud degli Stati Uniti.

“Mentre il programma segreto, gestito da paramilitari (mercenari) che lavorano per il Ground Branch della CIA, ora ufficialmente noto come Ground Department, è stato istituito dall’amministrazione Obama dopo l’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014, il programma si è ampliato sotto l’amministrazione Trump. Il governo Biden lo ha reso ancora più grande”.

Già nel 2015, come parte dell’espansione dei suoi sforzi anti-russi, i paramilitari della CIA Ground Branch “hanno anche iniziato a viaggiare in prima linea nell’Ucraina orientale” per consigliare e assistere le forze di sicurezza ucraine e i loro alleati neonazisti. Il programma della CIA di più settimane, con sede negli Stati Uniti, includeva “addestramento alle armi, tecniche di mimetizzazione, navigazione terrestre, tattiche, intelligence e altro”.

Una persona molto familiare con il programma lo ha detto in modo più diretto. “Gli Stati Uniti stanno guidando un’insurrezione “, ha detto un ex ufficiale della CIA, aggiungendo che il programma ha insegnato agli ucraini “come uccidere i russi”.

Decenni fa, la CIA ha impartito un addestramento minimo alle unità dell’intelligence ucraina per cercare di creare un alleato a Kiev per gli Stati Uniti e per sabotare l’influenza russa, ma la cooperazione è aumentata notevolmente con l’annessione della Crimea alla Russia nel 2014 in seguito al colpo di stato di Kiev Maidan che ha rovesciato il governo del presidente ucraino Viktor Yanukovich, ha detto a Dorfman un ex agente della CIA.

(*) Nauman Sadiq è uno scienziato geopolitico e analista della sicurezza nazionale con sede a Islamabad, in Pakistan. È specializzato nell’analisi delle guerre asimmetriche in Medio Oriente e altrove. È esperto nell’analisi del neocolonialismo, del complesso militare-industriale e dell’imperialismo petrolifero. Partecipa attivamente alla ricerca analitica di VT.

Fonte: Veterans Today

Traduzione: Luciano Lago


12 Commenti
  • Sarabanda 82
    Inserito alle 19:47h, 29 Aprile Rispondi

    Parole, belle parole ma solo parole, i fatti sono sul campo, se l’esercito Russo ha attaccato non lo sapeva tutto questo, ha fatto un azione alla cieca?
    Dopo una settimana di scarsi risultati dovevano cambiare tattita usare armi nuove (sempre che ci siano) e rovesciare la situazione, invece si fanno affondare la nave ammiraglia si fanno persino bombardare sul proprio territorio, ma come fanno a pretendere di vincere, è pura utopia. Se si è scelto la strategia di invadere, si invade con qualsiasi mezzo a disposizione come diceva il grande Macchiavelli il fine giustifica i mezzi, cosa che stanno facendo solo gli Ukraini ed i loro alleati occidentali.
    Signor Lago mi risponda mi illumini, di luce non ne vedo anzi c’è del buio.

    • antipatizzante
      Inserito alle 20:01h, 29 Aprile Rispondi

      Sottoscrivo….

    • Redazione
      Inserito alle 00:02h, 30 Aprile Rispondi

      Bisogna considerare che la guerra non è fra Russia e Ucraina ma fra Russia e la NATO. Quest’ultima sta utilizzando in Ucraina una quantità sproporzionata di armi e di sistemi elettronici da guerra, oltre a istruttori e mercenari di vari paesi. Fondamentale è il ruolo dell’intelligence USA che fornisce agli ucraini le posizioni delle forze russe e le coordinate degli obiettivi militari da colpire.
      Questo spiega la lentezza con cui le forze russe avanzano in questa fase per non esporsi ad inutili perdite ed avanzano neutralizzando sempre più le attrezzature e le armi ucraine e distruggendo ponti e snodi ferroviari per impedire l’arrivo delle armi occidentali. In ogni caso stanno avanzando e le forze di Kiev, per lo poù, sarebbero allo sbando se non ci fossero gli istruttori occidentali. Tutto può succedere nei prossimi giorni se saranno coinvolti direttamente nel conflitto altri paesi della NATO.
      Saluti

      Luciano Lago

      • Sarabanda 82
        Inserito alle 11:15h, 30 Aprile Rispondi

        Posso accettare parzialmente queste giustificazioni, ma dovevano essere messe in preventivo anticipatamente, del sistema russo di guerra elettronica che interrompeva le comunicazioni GPS della regione che avevi parlato nell’articolo del 9 febbraio è stato messo in funzione oppure ……………..
        I rifornimenti di armi possono arrivare via terra dal confine Polacco ci sono solo tre linee ferroviare per poterlo fare 2 da Lublin e una da Przemy, non credo sia così difficili da controllare o renderle inoffensive: improbabili dalla Slovacchia e Romania in quanto non credo di siano ferrovie per farlo, escludiamo a priori l’Ungheria.
        Rimane la via aerea, non credo ci siano tanti aereoporti dove possono atterrare i cargo o i c.130 ci vuole delle piste lunghe per poter atterrare con tali volumi e pesi di trasporto, se come sempre avete riferito l’aviazione Ukraina non esiste quasi più ed i Russi hanno il controllo dei cieli Ucraini non dovrebbere essere così difficile intercettare questi TIR dell’aria e costringeli a cambiae rotta o farli atterrare in aeropoto sotto controllo Russo.
        Capisco che in teoria e fatto da dietro una scrivania sembri facile, in pratica molto meno, ma l’efficenza di un esercito si vede anche da queste cose, la logistica a volte è molto molto importante.

  • luther
    Inserito alle 21:39h, 29 Aprile Rispondi

    Se posso permettermi, vorrei porre una domanda. Come mai in Ucraina non si sono verificate le classiche invasioni di campo a suon di bombardamenti indiscriminati tipici della NATO e degli americani come in Afghanistan, Iraq, Jugoslavia, per citarne alcuni? Tutto si limita, almeno per ora, all’invio di armi e mercenari che l’esito della guerra non stanno cambiando di certo. Perché nonostante tutta la retorica da quattro soldi quello stordito di Biden non manda in campo le sue forze”leggendarie” per risolvere la situazione? Perché nemmeno gli europei lo fanno? Io penso che, nonostante le apparenze, abbiano paura di cosa potrebbero davvero trovare laggiù , se no non si sarebbero limitati a proclami isterici e sanzioni che non hanno nessun senso, anzi danneggiano chi le fa. A dispetto delle apparenze penso e credo che l’esercito russo stia volutamente risparmiando le strutture non militari e il popolo, di fatto però colpiscono dove gli pare e con risultati catastrofici anche, per gli ucro-nazi. Certo se Putin avesse voluto avrebbe potuto fare molto più male ma lui, non è americano.Le strategie sono differenti. Ha semplicemente scelto un metodo, come dire, diverso. Noi siamo occidentali “americanizzati” possediamo solo un martello, il mondo però, non è fatto solo di chiodi!

  • Sergio
    Inserito alle 23:08h, 29 Aprile Rispondi

    L”esercito Ucraino praticamente è stato ridotto del 60% cento dei suoi effettivi in due mesi di guerra .
    Al”inizio della guerra l”esercito Ucraino disponeva di 120 mila uomini nè ha persi 60 mila tra morti feriti e prigionieri .
    Oggi possiede sempre 120 mila uomini l” Ucraina però sono civili militarizzati con la forza che non sono nemmeno pagati nè addestrati adeguatamente vengono però inviati al macello .
    Se l”esercito Ucraino non ha ceduto a livello strutturale è merito dei Mercenari Privati che fanno azioni di guerriglia con imboscate e di disturbo molto diffuse ci sono anche i mercenari STATALI ma quelli di solito se nè stanno al sicuro !

  • natalino
    Inserito alle 00:16h, 30 Aprile Rispondi

    In tutta questa storia brilla la guerra economico-finanziaria mossa su indicazione di un pietoso e incompetente Draghi e di un’altrettanta figura meschina agli annali Yellen.
    A questi due personaggi hanno fatto eco altri personaggi come l’oca giuliva von der Leyen, Johnson, The Bidon, Blinken, Di maio o bibitaro e via seguito tutti i compari di merende.
    Si facevano intervistare dai media nostrani chiaramente compiacenti e dichiaravano in pompa magna che avevano fatto accasciare l’economia russa con il rublo ormai sprofondato negli abissi.
    Tutti facevano a gara per esporre previsioni buie e tenebrose sul futuro economico e militare della Russia. Il tutto condito da interventi di esperti (della grepia) e specialisti che facevano a chi la sparava piú grossa. C’era un esperto mer.dosodi economia con la faccia di rospo all’anagrafe LUTTWAK che si sgolava dicendo che la Russia aveva un’autonomia massimo di 1 mese perché aveva un PIL inferiore all’Italia
    Io misero cittadino senza arte ne parte ebbi subito a dire che Draghi era un pescivendolo e che di economia e finanza capiva, e non molto, solo la parte relativa al debito mostruoso in cui vive l’occidente.
    Con un minimo di raziocinio si doveva capire subito che sanzionare chi ci stava fornendo energia, alimento e materie prime era come darsi martellate sui coglio.ni. La russia ha tutte le leve per volgere a proprio vantaggio la postura svergognata e arrogante dell’occidente soprattutto dell’Europa.
    Dopo le fanfarronate dichiarate dai nostri vertici economici e politici, vediamo che il rublo si é rivalutato significativamente nei confronti dell’euro (circa il 20% rispetto ad un anno fa) ma anche nei confronti del dollaro con trend positivi che lo stanno valorizzando giorno dopo giorno. Con queste dinamiche stiamo assistendo ad un arricchimento dell’economia russa.
    Nessuno blatera piú sulla disfatta del rublo e dell’economia ed é calato un imbarazzante e vergognoso silenzio. Senza fare nomi, un certo Draghi se avesse un po di decoro si dovrebbe togliere dalla scena invece di continuare a parlare di sanzioni e armi a sproposito
    Ora la gran cassa sta suonando sulla guerra. Anche su questo argomento vedo e sento, a mio parere, bocche piene di stupidaggini e insulsaggini.
    Io direi di aspettare qualche mese per veder cosa succede. Magari si paleseranno le stesse dinammiche dello sderenamento del rublo e dell’economia.

  • Andrea1964
    Inserito alle 02:21h, 30 Aprile Rispondi

    Chi sono quei schifosi deficenti delinquenti di giornalisti italiani televisivi oppure di politici-economisti-dottori in stronzologia cantanti attori comici che diffondo false notizie sulla guerra in Ucraina e che incitano gli italiani ad Odiare i Russi e li incitano a fargli guerra ?
    Sono gli stessi dementi-deficenti-di italiani “scienzinisti ” PRO-VAX FOLLI E VIOLENTI che diffondevano la PROPAGANDA DEL REGIME DITTATORIALE PRO-VAX E SEMINAVANO ODIO è VIOLENZA CONTRO CHI NON VOLEVA VACCINARSI !
    Sono le stesse Troie Televisive di donne dementi deficenti e di uomini coglioni e dementi deficenti che prima diffondevano la PROPAGANDA Pro-Vax piena zeppa di false notizie è bufale assurde !
    Oggi queste persone di merda Televisive diffondo beate è candide False Notizie Pro-Ucraina Pro-Armi al”Ucraina Pro Tasse ai cittadini italiani perchè devono pagare la guerra a quei pezzi di merda di Ucraini perchè lo vuole Draghi e tutto ciò viene fatto dalle sedi Radio-televisive della Rai-Mediaset-La7 -Sky -OVUNQUE SU OGNI CANALE RADIO O TELEVISIVO .
    Qualche Radio Privata per esempio Radio Gamma 5 diffonde notizie vere sulla guerra tra Russia e Ucraina e critica le schifezze del regime dittatoriale italiano e tenta di far funzionare il cervellino dei cittadini italiani ma sono solo 2 o 5 Radio locali private in tutta Italia quelle che osano criticare e divulgare fatti reali .
    Per la cronaca qui in Italia vige la da sempre la Censura con la relativa Chiusura di giornali-radio-tv che osano diffondere Notizie Vere il giornalista che osa diffondendere notizie vere potrebbe finire in galera in Italia è non te la cavi con 400 euro di multa come fanno i “cattivi” Russi .

    • Luig De Vincentis
      Inserito alle 13:51h, 01 Maggio Rispondi

      Amico Andrea….Condivido tutto in merito quanto hai scritto in riguardo la melma dell’informazione,condivido che le stesse “figurine” femminili (che tu definisci troie) della campagna pro vax ora promuovono la campagna pro Ucraina. Ti dico di più: SONO CONVINTO CHE LE LIMITAZIONI IMPOSTE DURANTE LA PANDEMIA SONO STATE UNA SORTA DI “PROVA DEL MELONE”..TESTARE CIOE’ LE CAPACITA’ DI SOPPORTAZIONE DEL POPOLO ITALIANO…..iO,DURANTE IL LOKDAWN (perdonami se lo scrivo forse inestatto) SONO USCITO TUTTE LE SERE, PERCHE’ NON SOPPORTAVO DI FARMI TENERE IN GABBIA .
      Quanto sopra, però non mi ha impedito di fare tre dosi di vaccino, primo perchè sono biologo, secondo perchè ho perso degli amici a causa del Covid.
      Voglio dire, cioè, che quando facciamo l’addizione non possiamo sommare i pomodori con le patate. In altre parole non dobbiamo mettere sullo stesso piano la faccenda pro o novax, con qualla pro o contro Ucraina, perchè così facendo, prestiamo il fianco proprio a quelle TROIE e ai loro compari cui a ragione ti riferisci tu, dando loro l’occasione di definire chi è contro il PENSIERO UNICO PRO UCRAINA ( che è poi pro usa) una minoranza che è nata CONTRO.
      A scansi di equivoci, per quanto riguarda il mio pensiero, circa la crisi Russia /Ucraina ti invito a leggere i miei interventi.
      Ti saluto.

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 08:43h, 30 Aprile Rispondi

    Mai avuto dubbi in proposito!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Flown
    Inserito alle 14:28h, 30 Aprile Rispondi

    Ho letto solo un primo pezzo dell’articolo e direi una cosa: non è vero che esiste “l’opacità” per alcuni, che possono fare quello che vogliono, come scagnozzi e “armi armate”. Tutti sono soggetti ai medesimi obblighi e controlli e devono andare in una sola direzione, a ancor più lo fanno quelli che casomai inducono anche gli altri ad andare nella stessa direzione, ma mai possono anch’essi dire e fare qualcosa di diverso.

  • antonio
    Inserito alle 18:01h, 30 Aprile Rispondi

    gli Ascari de nazi – metà askenazy.polacchi e metà azov.yankee ?

Inserisci un Commento