Guerra in Ucraina: le nefaste strategie degli Stati Uniti

di Thorsten Hinz

Gli scienziati politici Ulrike Guérot e Hauke ​​​​Ritz denunciano la massiccia influenza statunitense nell’Europa orientale come l’impulso decisivo per la guerra in Ucraina. Secondo loro, Washington non può più essere considerata la custode del Santo Graal dei “valori occidentali”. Secondo loro, gli Stati Uniti oggi sono “ socialmente decrepiti e culturalmente esausti ”.

La politologa Ulrike Guérot ha osato dire quello che ha portato in modo prevedibile e logico al suo bando dal pubblico: con Hauke ​​Ritz, dottore in filosofia e specialista in Russia, ha scritto un libro che assume la visione opposta della lettura che è stata fatta della guerra in Ucraina.
Vi riconosce una manipolazione dell’opinione pubblica degna del 1914: ” Ovunque si guardi, c’è un’esuberante presa di posizione a favore dell’Ucraina, demonizzazione totale dell’avversario, riduzione del nemico a una sola persona (Putin), assenza di contestualizzazione , netta divisione tra bene e male, rifiuto indignato della corresponsabilità, moralità al posto della geostrategia ”.

Guérot e Ritz hanno collegato due serie di motivazioni: in primo luogo, la presa di coscienza “ che l’UE ha fallito come progetto politico ”; secondo, “ che l’immagine della Russia in Occidente è falsa o quantomeno insufficiente ”. Le due cose sono dialetticamente legate: il loro fallimento rende l’UE incapace di assumere una posizione autonoma nella guerra in Ucraina e di esercitare un’influenza pacificatrice sul conflitto. La continuazione della guerra, a sua volta, rende perfetto il suo fallimento.
Il conflitto geopolitico diventa così un “gioco finale” per l’Europa, con la prospettiva di degenerare definitivamente in una pre-quadra e una massa a disposizione degli Stati Uniti. L’obiezione che l’Europa e l’UE non sono identiche non dovrebbe essere presa in considerazione qui.

Una “guerra per procura americana”
Quella che i media chiamano costantemente “la guerra di aggressione di Putin” è per Guérot e Ritz ” una guerra per procura americana preparata da tempo “, le cui radici risalgono ai primi anni 1990. Hanno recensito libri, articoli e dichiarazioni di pensatori e strateghi americani e hanno preso estratti da essi. Citano Zbigniew Brzeziński, George Friedman, Robert Kagan, Charles Krauthammer e Paul Wolfowitz.

Ulrike Guérot

Quest’ultimo è stato vicesegretario alla Difesa sotto George W. Bush ed è determinato a “ impedire a qualsiasi potenza ostile di dominare una regione le cui risorse, sotto un controllo consolidato, sarebbero sufficienti a generare potenza mondiale ”. Chiunque cerchi di generare un potere paragonabile a quello degli Stati Uniti è considerato un nemico. Mentre gli Stati Uniti hanno immediatamente identificato l’Europa come un potenziale concorrente dopo il 1989, gli europei hanno avuto una visione “universale” della cosiddetta comunità di valori occidentale.
La strategia di Washington di separare l’Europa dalle risorse russe mediante un cordone sanitario non ha suscitato alcuna riflessione strategica.
L’Ucraina diventerà totalmente dipendente dagli Stati Uniti
Le “rivoluzioni colorate” e i “cambi di regime” nelle ex repubbliche sovietiche facevano parte della strategia americana. Nei paesi dell’Europa centrale e orientale, ” giovani élite americanizzate con legami con Harvard e Washington ” occupavano posizioni di alto livello nello stato e nei media, ” il prototipo era ad esempio Radek Sikorski, il futuro ministro degli Affari esteri polacco “, che ha salutato su Twitter l’esplosione dei gasdotti Nord Stream con un “Grazie, USA”.

Barack Obama ha elogiato la capacità degli Stati Uniti di ” formare l’opinione pubblica mondiale, ha contribuito a isolare completamente la Russia “. L’incendio alla Camera dei sindacati di Odessa nel 2014 da parte di nazionalisti ucraini, che ha causato la morte di 48 russi, è stato così completamente nascosto. Gli accordi di Minsk, che prevedevano una struttura federale del Paese con maggiore autonomia per l’Ucraina orientale, sono stati sabotati sotto l’influenza di Washington, perché per fare dell’Ucraina una zona di schieramento militare della Nato occorre un potere centrale molto rigoroso a Kiev.

Così, la “guerra di aggressione di Putin” appare piuttosto come un attacco difensivo volto a sfuggire alla morsa della NATO. Il risultato è un’Ucraina gravemente danneggiata dalla guerra, fortemente indebitata e politicamente totalmente dipendente dagli Stati Uniti. Gli autori si chiedono: “ Può l’Europa volere al suo interno un tale vassallo? »

Secondo i nostri due autori, gli Stati Uniti oggi sono culturalmente esausti
Dovrà volerlo. Se le cose si fanno davvero difficili tra Stati Uniti e Germania, gli americani metteranno sul tavolo materiale di intelligence e sarà “ o partecipi o sei preso ”. Fu in questi termini che nel 2013 Günter Heiß, allora coordinatore delle relazioni tedesco-americane, riassunse la sua esperienza con la prima potenza occidentale nel programma “Beckmann” del canale ARD.

Per Guérot, gli Stati Uniti non possono più essere considerati i custodi del Graal dei “valori occidentali”, sono oggi ” socialmente fatiscenti e culturalmente esausti “. La realtà in Occidente è caratterizzata da ‘wokeness’, divieto di parlare, ‘cancel culture’, metodi di censura, chiusure di account, sorveglianza digitale e biometrica, giornalismo di stato e guerra psicologica contro la popolazione.

Senza dubbio, questa donna e il suo coautore hanno coraggio! Il loro libro è stimolante, ma è anche vulnerabile. Può passare inosservato un errore di distrazione quando si dice che il presidente francese François Mitterrand, contrario alla riunificazione, andò a trovare Egon Krenz nella RDT nel marzo 1990. In realtà, Mitterrand era già a Berlino Est nel dicembre 1989. A quel tempo, Krenz era già già fuori sede, e il suo interlocutore era il primo ministro Hans Modrow.

Forze USA Ucraina

Fantasticherie antinazionali
La famosa euforia post-nazionale di Guérot, che in linea di principio non conosce confini, ha gravi conseguenze. Poiché la Germania ha colpevolmente trascurato di acconsentire a un’unione di trasferimento dell’euro fin dall’inizio, la guerra condotta ” sull’integrità territoriale storicamente assurda che è l’Ucraina ” deve ora provocare ” la catarsi europea prevista, vale a dire la dissoluzione delle strutture statali nazionali. Un inizio è già stato fatto, in quanto la decisione di accogliere i rifugiati ucraini nel sistema tedesco Hartz IV è “ di fatto già foriera di non differenziare più i diritti civili in base alla nazionalità ”.

Tali vuoti sogni ad occhi aperti non possono essere ragionevolmente criticati. Da un punto di vista storico, quasi tutti i confini in Europa non hanno senso. Ma cosa significa questo? Invece di un lavoro di precisione, Guérot ci offre alla fine una logica da bulldozer e schiaccia a metà il suo convincente intervento e quello di Ritz contro la lettura ufficiale della guerra in Ucraina. Facilita così il compito ai suoi avversari, ma lo rende difficile a coloro che sono d’accordo.

Fonte: Junge Freiheit tramite Euro-Synergies

Traduzione: Luciano Lago

1 Commento
  • antonio
    Inserito alle 19:52h, 04 Gennaio Rispondi

    United Satana States

Inserisci un Commento