"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Guerra in Siria, l’Italia con chi sta? Con Al-Nusra

Oltre due milioni di euro finiti nelle casse di Al-Nusra, la principale sigla di terroristi salafiti che in Siria seminano morte e distruzione, combattendo contro le truppe regolari siriane di Assad. E’ stata questa la traccia seguita dagli inquirenti italiani che ha portato a 14 arresti. Persone, a vario titolo, coinvolte nell’operazione di finanziamento degli utili idioti che, in nome di un Islam falso e distorto, combattono facendo gli interessi di chi vuole destabilizzare e spaccare secondo le linee di frazionamento etnico-religioso quella regione.

Il giudice italiano che ha seguito l’inchiesta non usa mezzi termini: “Al-Nusra finanziata con il traffico dei migranti”. Questo conferma, ancora una volta, che l’immigrazione incontrollata è foriera di manovre di finanziamento dei terroristi che, in Siria e non solo, combattono le truppe regolari siriane di Assad e, al contempo, fungono da basi addestrative per i foreign fighters che tornano poi a seminare panico e morti nelle città occidentali.
(Azione Tradizionale)

(www.repubblica.it) – 11/05/2018 – Blitz con 14 arresti da Brescia a Cagliari. Il giudice: “Al-Nusra finanziata con il traffico dei migranti”

I provvedimenti di custodia cautelare partiti da due distinte indagini di polizia e guardia di finanza in Sardegna e in Lombardia. Due milioni di euro la cifra trasferita in Siria, Turchia e Libano. Dall’Italia i soldi per i kalashnikov. Secondo gli investigatori, i due gruppi finanziavano con le loro attività le milizie qaediste in Siria.

Il terrorismo siriano si è finanziato anche attraverso il traffico di migranti sulla rotta Balcanica. Il particolare, interessantissimo per gli analisti dell’Antiterrorismo, emerge dall’inchiesta “Foreign fighters” della Guardia di Finanza e della Polizia di Stato, coordinata dalle Direzioni distrettuali antimafia di Brescia e Cagliari e dalla Procura nazionale antiterrorismo, che questa mattina ha portato all’arresto di undici siriani e tre marocchini, e all’iscrizione sul registro degli indagati di altre sedici persone tra cui un’italiana, Cristina Agretti. La donna è la moglie di uno degli arrestati e si è prestata a fare da corriere transnazionale del denaro. Tra gli arrestati, quattro sono accusati di associazione a delinquere con finalità di terrorismo.

MOVIMENTATI DUE MILIONI DI EURO
Due gruppi criminali distinti in Lombardia e in Sardegna, uno costituitosi attorno alla figura di Daadoue Anwar, l’altro che aveva in Bazkka Alaa il vertice riconosciuto, hanno messo in piedi un capillare sistema di movimentazione denaro “Hawala”, riconosciuto dalla tradizione islamica ma del tutto nascosto ai circuiti bancari e più volte oggetto di inchieste dalla Finanza, grazie al quale hanno raccolto circa 2 milioni di euro in denaro contante principalmente da cittadini siriani domiciliati in Italia, in Svezia, in Ungheria, per trasferirlo a connazionali in Austria, Germania, Olanda e Danimarca, ma anche in Siria, Turchia e Libano. Il Gruppo Anwar si tratteneva per il “disturbo” una percentuale dal 5 all’8 per cento, il gruppo Bazkka una percentuale tra lo 0,5 e il 4 per cento. Per questo sono indagati per associazione a delinquere, riciclaggio e autoriciclaggio. Ma non solo.

Foreign Fighters europei

IL SOLDI DALL’ITALIA PER I KALASHNIKOV
“Il denaro contante – si legge nell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Brescia – era destinato a sostenere l’attività dei fronti combattenti antigovernativi siriani e, in particolare, a finanziare gli appartenenti ed affiliati al gruppo jihadista salafita armato denominato fronte “al Nusra” o “Jabhat Fateh al Sham” e alle fazioni dell’E.S.L. operanti rispettivamente nella provincia siriana di Idlib e sul confine libanese”.
Le indagini, che hanno potuto fruire di informazioni di intelligence messe a disposizione dall’Aisi, il nostro servizio segreto interno, si sono appoggiate sulle dichiarazioni rese il 3 aprile 2017 da Abdulmalek Mohamad, indagato a Cagliari per terrorismo internazionale e amico stretto del capo Daddue Anwar. Sul flusso di denaro partito dall’Italia e finito in Siria ha raccontato: “L’unica cosa che è stata acquistata dall’Italia sono i mirini ottici per Kalashnikov, comprati da tale Ibrahim, ma non so a chi sono andati, se ad Al-Nusra o ad altri gruppi”. Precisando che, quanto all’acquisto di armi, la maggior parte “partiva dalla Turchia” grazie al servizio finanziario fornito da Anwar. E ancora: “I soldi andavano ad Al-Nusra poiché i miei connazionali si fidavano principalmente di Al-Nusra, che, a differenza di altri gruppi, è sempre rimasto compatto. Chiaramente, i soldi che (il gruppo Anwar, ndr) manda in Siria non sono solo suoi, ma anche raccolti da altri paesi, quali Svezia, Germania e così via. Sono i soldi di coloro che vogliono contribuire alla causa dei combattenti anti governativa”.

IL RACKET SULLA ROTTA BALCANICA
Daddue Anwar, dunque, è il capo del gruppo di siriani in Sardegna. E’ residente ad Olbia ma si è trasferito in Svezia, vicino alla città di Norrkoping. Nonostante sia formalmente indigente e beneficiario di prestazioni previdenziali ed assistenziali erogate dallo Stato svedese, aveva la gestione di quello che lui stesso definiva “un ufficio che lavora su tutta l’Unione Europea”. Ad Olbia risulta ancora il rappresentante legale dell’Associazione Culturale Assalam (costituita nel 2012), nonché amministratore unico e socio della S.I.M. Costruzioni S.r.l..
I suoi uomini di fiducia sono i fratelli siriani Chdid (arrestati) che hanno sfruttato la disperazione dei migranti siriani in fuga dal loro Paese in guerra. “Una volta aperta la rotta balcanica – ha dichiarato Abdulmalek Mohamad – i fratelli Chdid si trasferirono in Ungheria per gestire il traffico di migranti. Compravano le macchine in Italia, tramite dei contatti e, servendosi di autisti stranieri ed italiani, li facevano venire in Ungheria. Quando uno degli autisti veniva arrestato in Austria, faceva due mesi di galera e poi tornava fuori”. Il reclutamento di autisti italiani e stranieri per il trasporto di immigrati era pagato 400-500 euro

*

code

  1. televisione falsa 3 mesi fa

    Quindi l’Italia per quello che fa si merita altri milioni di immigrati , tanto l’affitto per la casa agli immigrati lo paga lo Stato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. geometrio ellittico 3 mesi fa

    Puntualizzazione; io sto con l Italia guidata da italiani che perseguono il bene della nazione Italia . Questa Italia è stata uccisa negli ultimi 30 anni o forse da ancora prima. Tutti coloro che hanno fatto parte della politica negli ultimi 30 anni, chiaramente sono legati tra loro dall onta del tradimento al servizio di strutture sovranazionali. Io li processerei tutti e andrei a chiedetegli indietro i soldi guadagnati prendendolo dalle tasse degli italiani.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Walter 3 mesi fa

    Quattordici arresti per due milioni di euro mi sembra un buon risultato. Se si applicasse lo stesso rapporto numerico negli USA, dovrebbero arrestare almeno un milione e mezzo di americani. Visto il risultato, direi che il titolo è inadeguato: l’Italia non finanzia al-Nusra; al contrario, l’Italia mette in galera chi finanzia i terroristi. Bisogna sempre dire merda dell’Italia, anche quando non è il caso?

    Rispondi Mi piace Non mi piace