Guerra commerciale USA Cina, dollaro e Bitcoin

Gli Stati Uniti e la Cina non torneranno mai più al vecchio stato di cose. Quel mondo è finito.

di Michael Krieger

Oggi è il primo giorno di un lungo periodo in cui i mercati finanziari sembrano disposti a considerare almeno la realtà della situazione geopolitica sul campo per quello che è, al contrario di ciò che la maggior parte della gente vorrebbe che fosse. Come ho notato per mesi, la “guerra commerciale” è solo una battaglia in una lotta molto più ampia e sempre più instabile tra Stati Uniti e Cina per il potere e la leva globale per modellare il prossimo paradigma della storia mondiale.
L’incapacità di comprendere quanto è grande questo scontro è davvero il motivo per cui gli investitori sono stati così disponibili a ingoiare discorsi irrealistici e felici da entrambe le parti. Il rischio che deve essere scontato sul mercato non è il rischio di tariffe più alte, ma il rischio di una Terza Guerra Mondiale.. Gli Stati Uniti e la Cina non avrebbero mai firmato un accordo commerciale e sarebbero ritornati beatamente ai modi in cui stavano le cose. Quel mondo è finito. Ora ci troviamo nei primissimi giorni di una storica lotta per influenzare il futuro.

L’Oro

A gennaio, ho scritto un thread su Twitter incentrato sull’oro che è diventato molto popolare. Sono passati circa cinque mesi da allora, quindi voglio fornire un rapido aggiornamento.

Avevo delineato quattro ragioni per cui ero diventato sempre più ottimista.

I primi tre fattori rimangono in gioco per quanto mi riguarda, ma l’azione di trading è stata penosa nel 2019 fino ad oggi quando le azioni sono salite alle stelle. Tuttavia, trovo molto interessante il fatto che, nonostante l’S & P 500 abbia raggiunto un nuovo record da un paio di settimane, il mercato in termini di oro non sia mai arrivato così vicino ai record.
L’azione sui prezzi è stata meno positiva di quanto pensassi finora, ma ho sempre sostenuto che il 2019 sarebbe stato un errore. Abbiamo ancora sei settimane per cancellare $ 1,350 – $ 1,370, quindi vedremo. In caso contrario, mi aspetto ancora una rottura all’inizio del 2H19, poiché la realtà della situazione economica e geopolitica globale diventa impossibile da ignorare.

Bitcoin

Bitcoin è stato di recente in crisi, ma voglio sottolineare qualcosa di molto più importante dell’azione sui prezzi. Lo scorso venerdì, il rappresentante della California Brad Sherman ha detto qualcosa che non mi sarei mai aspettato che un politico seduto ammettesse pubblicamente sulla reale funzione dell’US Dollar e sul suo ruolo centrale nell’imperialismo USA.
Il prezzo è salito più in alto dopo il suo commento e ho subito iniziato a chiedermi. Perché sta dicendo questo ora? Le banche statunitensi o il governo hanno indicazioni che i paesi sanzionati stanno acquistando o utilizzando Bitcoin?

Come ho accennato nel post della scorsa settimana, “The Old World is Dying” , Bitcoin è una risorsa trasformativa che consente agli esseri umani di fare cose che non avrebbero mai potuto fare prima. La vecchia guardia sta finalmente iniziando a sudare quando vedono i loro arcaici strumenti di potere centralizzati diventare sempre più irrilevanti? Questa è solo una prova ulteriore del fatto che il vecchio mondo, in effetti, sta morendo.

Proteste contro l’indebitamento degli studenti

La bolla del debito globale

Al centro di tutto ciò che è insostenibile e destabilizzante riguardo al “vecchio mondo” in cui viviamo, si trova la bolla del debito globale in continua espansione. All’inizio del 2018, ho scritto un pezzo di opinione per The Hill intitolato, Bitcoin Is not the Bubble – Il sistema finanziario globale è , in cui ho notato:

Mentre siamo sul tema delle bolle, sembra che la bolla veramente gigantesca del mondo non sia bitcoin, ma piuttosto il mercato globale del debito. Questo leviatano si attesta ora intorno ai 233 miliardi di dollari , pari al 318% del PIL mondiale. Ancora più preoccupante, si stima che $ 11 trilioni di debito pubblico ora siano scambiati a rendimenti negativi. Ciò significa che chiunque stia acquistando questo documento lo sta facendo, nonostante sia garantito che perderà denaro sull’investimento. Gran parte di questo acquisto è stato spinto dalle banche centrali che possono stampare la propria valuta e acquistare debito indiscriminatamente. Questa non è la caratteristica di un sano sistema finanziario (in particolare tanti anni in una ripresa globale), ma piuttosto di uno zombi che è stato artificialmente sostenuto dalla crisi finanziaria.

Qui sta il nocciolo del problema. Il bitcoin e l’ecosistema di beni cripto che ha generato sembrano essere una reazione logica al nostro sistema finanziario zombificato, che è costruito sulle fondamenta instabili di una gigantesca bolla del debito. L’ascesa del bitcoin prefigura l’emergere di qualcosa di potente e nuovo nel regno del denaro e della finanza, che è anche qualcosa di cui il mondo ha disperatamente bisogno.

Da allora, il debito globale ha aggiunto altri 11 trilioni di dollari a 244 trilioni di dollari e rimane appiccicoso intorno al 318% del PIL.

Mentre è da capogiro pensare in questi termini, diventa ancora peggio quando si guarda sotto il cofano. In un articolo da leggere assolutamente pubblicato da Bloomberg la settimana scorsa, abbiamo appreso che la più grande entità che pompava la bolla finanziaria in America, la Federal Reserve, sta iniziando a preoccuparsi pubblicamente.

Nel suo rapporto del lunedì, la Fed ha detto che le norme di credito sembrano essere scivolate da quando ha pubblicato la sua ultima analisi di stabilità finanziaria nel novembre 2018. La banca centrale ha aggiunto che i prestiti alle imprese con debito particolarmente elevato superano i picchi precedenti nel 2007 e 2014.

“Il livello storicamente elevato del debito delle imprese e la recente concentrazione della crescita del debito tra le imprese più rischiose potrebbero rappresentare un rischio per quelle imprese e, potenzialmente, per i loro creditori”, ha affermato la Fed.

Sai che è brutto quando anche la Fed lo ammette. Considera te stesso avvertito.

Fonte: Liberty Blitzkrieg

Traduzione: Lisandro Alvarado

4 Commenti

  • Sed Vaste
    16 Maggio 2019

    Ma questi fingono guerre simulano son dei brotherhood sono dei fratelli hanno piani che nemmeno immaginate solo che il popolino profano crede di sapere quel che veramente accade dalla stampa per schiavi ,pia illusione, ho visto Duterte sovranista alla Salvini , Duterte parla di prima ai filippini che se un turista va a Manila scappa via prende I’ll primo volo da tanta poverta’ ci sta ,a riempirsi I’ll becco son capacity Tutti lo fa anche Salvini prima agli italiani e poi ci stanno I negher che girano con cuffie scarpe vestiti come dei gaga
    e poi come scazzo finale invece di dare le case prima agli italiani le Danno ai ROM questi politici raccontano delle gran fole

  • Sed Vaste
    16 Maggio 2019

    Digitate” bush Putin Xi Ping Freemason ” ma ci sta anche un video di 10 second I ancora piu esplicito ” UniCredit Spot Pecore” Piu di cosi ‘ ! Ormai ve lo dicono in modo Sfacciato che siete delle pecore ma andate pure da quello la’ degli adelphi Della dissoluzione che chissa a a quale circolo di apofesimeni appartiene , pecore !

  • eusebio
    16 Maggio 2019

    La Cina essendo la protagonista del commercio mondiale, detenendo il 32% della manifattura globale in ascesa, sta imponendo lo yuan come moneta di riferimento del commercio globale, e lei e i paesi sotto la sua influenza sono coloro che in gran parte controllano il debito pubblico USA.
    Il fallimento nel cambio di regime in Venezuela e Iran, che continuano a vendere il loro petrolio alla Cina in cambio di yuan, attestano il fallimento della politica aggressiva degli USA.

  • Idea3online
    16 Maggio 2019

    Dobbiamo convincerci che nei prossimi decenni vivremo in un Pianeta come fosse un Purgatorio. Ancora non riusciamo a capire in che periodo storico ci troviamo. Terza Guerra Mondiale e Terzo Tempio a braccetto, due facce della stessa medaglia. L’Elite occidentale ha l’obiettivo di dividere l’Oriente, dividere l’India, la Cina e la Russia. L’Obiettivo della Russia, di Putin, è unire l’Oriente, in un unico Regno multipolare.

Inserisci un Commento

*

code