Guerra a Gaza: l’Occidente sta dando a Israele più tempo per portare a termine il suo genocidio

di Emilio Badarin
Israele – con il pieno sostegno dell’Occidente – continua a sottoporre 2,3 milioni di uomini, donne e bambini assediati a una campagna implacabile di sfollamento, sterminio e fame senza troppe distrazioni esterne.

Non solo è sorprendente che Israele e i suoi alleati abbiano utilizzato praticamente ogni artificio e menzogna propagandistica per descrivere il genocidio come una guerra “giusta” di autodifesa, ma anche che abbiano piena fiducia che il pubblico verrà ripetutamente ingannato.

“ Guadagnare tempo ” per realizzare la distruzione di Gaza è l’obiettivo finale della campagna di inganno, come affermato dal primo ministro Benjamin Netanyahu nell’ottobre 2023.

La tanto decantata hasbara israeliana (la narrazione ufficiale) prende a prestito il discorso coloniale euro-americano, ben collaudato e ampiamente applicato , per disumanizzare i palestinesi.

Figure politiche, militari, intellettuali e mediatiche israeliane di alto rango hanno presentato i palestinesi come “animali umani”, “figli delle tenebre”, selvaggi, incivili, terroristi, decapitatori, bambini bruciati, predatori sessuali, nuovi nazisti e simili. tutto per dipingere il genocidio come una linea di condotta legittima.

Pertanto, non c’è voluto molto perché l’establishment liberale occidentale e i media corporativi abbracciassero questo discorso e andassero ancora oltre, cancellando la Palestina e l’espropriazione palestinese dalla narrazione. Il New York Times è un esempio emblematico.

Le tattiche dell’inganno hanno funzionato durante le prime settimane dell’assalto su Gaza, quando i leader politici occidentali hanno agito come sostenitori dell’assalto. Israele ha guadagnato tempo per sottoporre 2,3 milioni di uomini, donne e bambini assediati a una campagna incessante di sterminio, sfollamento, distruzione e fame senza troppe distrazioni esterne.

Repressione del dissenso
Quando la campagna di propaganda ha perso il suo effetto sotto il peso del genocidio in corso, Israele e i suoi sostenitori si sono dedicati invece a reprimere coloro che ne avevano testimoniato e qualsiasi voce dissenziente.

Fin dall’inizio Israele ha fatto ricorso a metodi fisici. Mentre ai giornalisti stranieri non è stato permesso di riferire liberamente da Gaza, dal 7 ottobre Israele ha ucciso oltre 100 giornalisti locali e membri delle loro famiglie.

Recentemente Al Jazeera, l’unico canale mediatico internazionale che trasmette notizie in diretta da Gaza, è stato costretto a chiudere.

Inizialmente, i governi e le istituzioni liberal-democratiche occidentali avevano impiegato tattiche morbide per reprimere il dissenso, tra cui la censura, l’esclusione dai media mainstream, la diffamazione e la distorsione dei fatti.

Tuttavia, quando le proteste hanno iniziato a penetrare nella base intellettuale della società, in particolare tra gli studenti universitari, le tattiche di repressione si sono spostate verso la repressione fisica.

Migliaia di studenti universitari, accademici e docenti sono stati arrestati e aggrediti dalla polizia e da altri agenti di sicurezza. Alcuni paesi dell’UE sono arrivati ​​al punto di vietare agli accademici di esprimere il proprio dissenso, sia di persona che online.

Bambini feriti a Gaza

L’antisemitismo è stato citato per giustificare una repressione fisica del dissenso in Occidente.

Israele, i governi occidentali e i media corporativi alleati hanno intensificato i loro sforzi per mettere al centro della scena la falsa equivalenza tra antisionismo e antisemitismo .

Per fare ciò, gli Stati Uniti e molti paesi europei, tra cui Regno Unito , Francia e Germania, hanno utilizzato strumenti sia giudiziari che extragiudiziali sviluppati dopo la pubblicazione della definizione operativa di antisemitismo dell’IHRA, pesantemente criticata, nel 2016, che è stata utilizzata come arma e “utilizzato intenzionalmente per creare un effetto agghiacciante” sulla libertà accademica, come affermato dal suo autore principale Kenneth Stern.

Questo ha segnato un ulteriore tentativo di mettere a tacere le crescenti voci critiche nei confronti di Israele, soprattutto tra gli studenti universitari e i docenti.

Strutture coloniali
Questa equivalenza capovolge le cose. Non solo interdice il dissenso, la libertà di parola e di riunione e la libertà accademica, ma presenta anche in modo fuorviante la lotta e la protesta contro l’oppressione coloniale dei coloni, l’apartheid e il genocidio condotti dallo stato israeliano, dai funzionari governativi e dall’esercito come espressioni di razzismo. e incitamento all’odio contro tutti gli ebrei.

Tale equivalenza è allo stesso tempo anacronistica e incoerente, in particolare nella sua associazione totale di tutti gli ebrei con Israele e il sionismo, che di per sé è una generalizzazione antisemita. In realtà, molti ebrei non sono mai stati né vogliono essere associati a Israele o al sionismo, e alcuni sono esplicitamente antisionisti. (……).
Tutto questo rende la Palestina qualcosa di più di una lotta provinciale per la giustizia e la libertà.

La Palestina è intrecciata con la più ampia lotta contro le strutture, l’etica e la conoscenza coloniali che per decenni hanno autorizzato e incoraggiato lo sfruttamento e la violenza eliminatrice contro le nazioni colonizzate, sia nel sud che nel nord del mondo.

La colonizzazione della Palestina da parte di Israele è parte integrante di queste strutture coloniali. Israele non solo applica la tecnologia e le armi occidentali per uccidere in massa, ma usa anche la stessa conoscenza, ragione ed etica per giustificarlo.

Congiuntura globale cruciale
La ricerca palestinese per la libertà e un futuro non coloniale vivifica potentemente la doppia coscienza, per usare il concetto di WEB Du Bois , degli oppressi in tutto il mondo.

Da un lato, la Palestina evoca ricordi di sfruttamento, espropriazione, umiliazione, bambini rubati, schiavitù, leggi Jim Crow, apartheid, supremazia bianca e genocidio inflitto dalle potenze coloniali euro-americane. Questi crimini coloniali furono anche giustificati e razionalizzati come pratiche morali e guerre giuste.
Per il Sud del mondo e le nazioni indigene del Nord del mondo, comprese le nazioni indigene degli stati democratici più liberali come Svezia e Norvegia, tali discorsi e pratiche suprematiste e coloniali servono a ricordare le loro esperienze passate e presenti di oppressione liberale e colonialismo, come catturato perspicacemente da Naledi Pandor , ministro delle relazioni internazionali e della cooperazione in Sud Africa.

Attraverso la lente di Gaza, il presidente della Namibia Nangolo Mbumba ha visto le atrocità della Germania in Africa, in particolare il genocidio dei popoli Herero e Nama tra il 1904 e il 1908, per il quale la Germania deve “ancora completamente espiare”, come ha affermato.

Combattenti palestinesi

D’altro canto, la lotta palestinese ha rinvigorito la nostra attenzione alla metafisica, alle culture, alle tradizioni, alla storia, alla conoscenza, alle lingue e alla spiritualità indigene, elementi che l’Europa coloniale ha soppresso, bloccato o distrutto.

Questo sviluppo crea nuovi percorsi per il pensiero decoloniale e l’emancipazione oltre le catene dei modelli coloniali.
Il risveglio della coscienza si sta svolgendo in un momento globale cruciale, mentre il dominio occidentale nei regni del potere, dell’economia e della conoscenza si sta allontanando.

Oltre alla forza bruta, il dominio euro-americano si basava sul potere normativo/soft power, in particolare sulle affermazioni di verità universale, obiettività, civiltà e, recentemente, sul cosiddetto ordine internazionale basato su regole. Il potere normativo coloniale è servito da baluardo che ha alienato le nazioni colonizzate e bloccato la loro fiducia.

L’ascesa dei paesi Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa) ha segnato la fine del dominio globale occidentale.

Nel frattempo, la complicità euro-americana nel genocidio di Gaza ha distrutto in modo irreversibile il suo potere normativo. Tale complicità va oltre il potere statale ufficiale e le istituzioni associate agli organismi che sostengono questo potere, come i media aziendali, le amministrazioni universitarie, l’élite della società, i filosofi senior , le aziende e molti altri.
(………..)

Fonte: Middle East Eye

Traduzione: Luciano Lago

4 commenti su “Guerra a Gaza: l’Occidente sta dando a Israele più tempo per portare a termine il suo genocidio

  1. Piena fiducia che il pubblico si lascerà ingannare, fiducia fondata per chi non ignora che l’uso acritico e continuato della navigazione errante dei social genera indifferenza e asocialità come asseriscono autorevoli psicologi.

  2. Non a caso, da più di cinquant’anni anni, la sentiamo definire “la madre di tutte le guerre” piu che un che di colonialismo e basta ha proprio anche tinte forti di “crociatismo”. Una guerra di dominio e supremazia. Siamo i più potenti vi schiacciamo come insetti. Israele rappresenta, perché sostenuta da un intera comunità occidentaloide, il lato peggiore e nauseabondo del sistema capitalistico Usa-Ue-Israele.

  3. Il Sionismo, l’origine di tutti i mali. Hanno, questi esseri immondi, creato le condizioni ideali per perpetrare i loro crimini e restare impuniti. Dal sacrificare il loro stesso popolo, durante la seconda guerra mondiale, attraverso l’Olocausto, per poi avere carta bianca negli anni a venire ; mica scemi sti sionisti !
    Ed al giorno d’oggi sono intoccabili e rappresentano l’entita` piu` potente sul pianeta , infiltrata ovunque e con il controllo di ogni aspetto della vita dei restanti 9 miliardi di anime !

    Che Dio li maledica

  4. Sionisti di merda, pianificatori e responsabili dell’Olocausto per aver a tutt’oggi carta bianca per urinare in testa a tutti noi ! Che Dio vi maledica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM