Guerra a Gaza: l’Occidente sarà sul banco degli imputati accanto a Israele nel tribunale del genocidio

di Jonathan Cook
Gli alleati di Israele non stanno semplicemente chiudendo un occhio sui campi di sterminio di Gaza. Hanno applaudito lo spargimento di sangue, hanno fornito copertura diplomatica e fornito armi.
Israele sta esortando gli stati occidentali a schierarsi al suo fianco mentre la Corte internazionale di giustizia si prepara ad ascoltare questa settimana il caso del Sud Africa secondo cui Israele sta commettendo un genocidio a Gaza .

Pretoria ha chiesto alla corte di emettere un’ingiunzione immediata che ordini a Israele di fermare il suo attacco militare contro la piccola enclave, per evitare ulteriori vittime.

Si sa che finora circa 23.000 palestinesi sono stati uccisi da Israele, la maggior parte dei quali erano donne e bambini, e si ritiene che molte altre migliaia giacciano sotto le macerie. Decine di migliaia sono gravemente feriti . La maggior parte della popolazione ha perso la casa a causa della campagna di bombardamenti durata tre mesi.

Israele ha preso di mira intensamente e ripetutamente le presunte “ zone sicure ” verso le quali ha ordinato ai civili palestinesi di fuggire.

Ha distrutto quasi tutte le infrastrutture di Gaza e sta impedendo alla maggior parte degli aiuti di raggiungere l’enclave. È probabile che carestia e malattie aumentino rapidamente il bilancio delle vittime.

La memoria di 84 pagine del Sud Africa sostiene che la campagna di bombardamenti e l’assedio di Israele viola la Convenzione sul genocidio del 1948, che definisce il genocidio come “atti commessi con l’intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso”.

Israele si aspetta il sostegno delle capitali occidentali perché hanno da temere da un verdetto contro Israele quasi quanto Israele stesso. Hanno sostenuto fermamente la follia omicida, con gli Stati Uniti e il Regno Unito , in particolare, che inviano armi che vengono utilizzate contro la popolazione di Gaza, rendendo entrambi potenzialmente complici .

Activists hold up a banner denouncing Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu for Israel’s actions during the war with Hamas as they demonstrate at the entrance of the International Criminal Court in The Hague, Netherlands, Monday, Oct. 23, 2023. Dutch authorities detained 19 activists who occupied the entrance to court. (AP Photo/Aleks Furtula)

Israele spera che, date le difficoltà nel portare avanti una causa legale in difesa delle sue azioni, la pressione diplomatica e politica sui giudici della corte avrà invece la meglio.

Secondo un cablogramma del ministero degli Esteri israeliano, trapelato sul sito Axios, Israele spera che, date le difficoltà di intentare una causa legale in difesa delle sue azioni, prevalgano invece le pressioni diplomatiche e politiche sui giudici della corte.

L’amministrazione Biden ha aperto la strada alla fine della scorsa settimana respingendo la dettagliata memoria legale del Sud Africa come “priva di merito, controproducente e completamente priva di qualsiasi base di fatto”.

Ciò suonerebbe palesemente ridicolo per il pubblico occidentale se avesse avuto una copertura seria su Gaza. Ma Israele ha fortemente limitato l’accesso all’enclave, uccidendo i giornalisti palestinesi a un ritmo senza precedenti per fermare i loro servizi.

Inoltre, i media occidentali si sottomettono volontariamente – e segretamente – al gravoso regime di censura israeliano .

Incitamento al genocidio
L’“obiettivo strategico” di Israele alla corte, secondo il dispaccio trapelato, è quello di dissuadere i giudici dal decidere che sta commettendo un genocidio. Ma più urgente è la necessità di Israele di impedire alla Corte dell’Aia di ordinare una sospensione provvisoria dell’attacco.

Bambini a Gaza

I funzionari israeliani sosterranno, riferisce Axios, che il suo prolungato attacco a Gaza non riesce a raggiungere la soglia del genocidio, che richiede “la creazione di condizioni che non consentano la sopravvivenza della popolazione, insieme all’intento di annientarla”.
Israele cercherà di convincere i giudici che sta cercando di aumentare gli aiuti umanitari a Gaza e ridurre al minimo il pedaggio sui civili.

La sua argomentazione è in contrasto con le prove accumulate dal Sudafrica.

Il suo brief contiene nove pagine di dichiarazioni di leader israeliani che mostrano un chiaro intento genocida, comprese le dichiarazioni del primo ministro Benjamin Netanyahu, di figure di spicco del governo, del presidente Isaac Herzog e di molti ex comandanti militari israeliani in servizio.

Giora Eiland, consigliere del ministro del Consiglio di Guerra, Benny Gantz, ha definito l’obiettivo di Israele la creazione di “condizioni in cui la vita a Gaza diventi insostenibile”. Un portavoce militare israeliano ha dichiarato fin dall’inizio che l’obiettivo era infliggere il “ massimo danno ” a Gaza.

Herzog suggerisce che l’intera popolazione civile sia un obiettivo militare legittimo , mentre Netanyahu si riferisce ai palestinesi come “ Amalek ”, un nemico biblico. Nell’Antico Testamento, Dio comanda agli Israeliti di annientare gli Amaleciti, mettendo “a morte uomini e donne, bambini e neonati”.
Una delle disposizioni della Convenzione sul genocidio è il divieto assoluto di incitamento al genocidio. I politici e i comandanti militari più anziani di Israele hanno indiscutibilmente violato quella sezione della convenzione.

Una lettera inviata la settimana scorsa al procuratore generale israeliano da un gruppo di accademici, avvocati, attivisti per i diritti umani e giornalisti israeliani ha sottolineato questo punto. Hanno avvertito che l’incitamento al genocidio è diventato “una questione quotidiana in Israele ”.

La lettera aggiungeva: “Il discorso normalizzato che chiede l’annientamento, la cancellazione, la devastazione e simili può avere un impatto sul modo in cui i soldati [a Gaza] si comportano”. (…..9

Fonte: Middle East Eye

Traduzione: Gerard Trousson

6 commenti su “Guerra a Gaza: l’Occidente sarà sul banco degli imputati accanto a Israele nel tribunale del genocidio

  1. Chi compie un genocidio, può continuare a professarsi vittima di un genocidio subito da padri e nonni ?
    Israele si sta rovinando con le proprie mani

  2. l’occidente ovvero politici , burocrati , decisori e infine anzi i n primis i creatori dei balle on line ovvero google youtube facebook Igram etc etc …

  3. Quale sarebbe il tribunale che dovrebbe giudicarlo? Da come vedo il sistema giuridico internazionale è gestito dai sionisti, quindi come faranno a giudicarli?

    1. Per Zorro.
      Tieni presente che l’occidente è sempre più piccolo e di importanza decrescente…………………(mi viene da ridere).
      Gli anglosassoni e i loro accodati – gli occidentali e gli “ebrei” non sono onnipotenti come ci vogliono far credere.
      Oramai sono relegati nel loro ridotto spazio, nervosi e rabbiosi poiché tutto gli va male!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus