Guerra a Gaza: il deputato israeliano dice che a Gaza non ci sono innocenti e che dovrebbe essere “bruciata adesso”

I commenti incendiari di Nissim Vaturi sono gli ultimi tra i legislatori del partito Likud al potere, in vista del caso di genocidio all’ICJ.
Un deputato israeliano del partito al governo Likud ha ribadito i commenti fatti il ​​mese scorso secondo cui Gaza dovrebbe essere “bruciata adesso”, affermando che lì non sono rimaste persone innocenti.

Secondo un articolo apparso mercoledì su Haaretz , Nissim Vaturi ha affermato di non aver visto nulla di sbagliato nelle sue precedenti dichiarazioni e di esserle rimasto fedele.

È meglio bruciare e abbattere edifici piuttosto che ferire i soldati”, ha detto mercoledì il parlamentare durante un’intervista alla stazione radio israeliana Kol Barama.

Ha affermato che tutta la zona settentrionale della Striscia di Gaza è stata evacuata in modo “ordinato”.

Nissim Venturi, “Gaza deve essere bruciata adesso, non ci sono innocenti a Gaza”

Da quando è scoppiata la guerra il 7 ottobre, Israele ha sfollato con la forza quasi 1,9 milioni di persone a Gaza. Molti palestinesi sono stati uccisi mentre alzavano bandiere bianche e fuggivano su strade designate come sicure da Israele.
“Non credo che ci siano innocenti lì adesso, né adesso né quando ho detto quelle cose”, ha detto Vaturi.

Le dichiarazioni di Venturi non sono stati i primi commenti incendiari espressi da parlamentari e ministri appartenenti al partito Likud del primo ministro Benjamin Netanyahu dall’inizio della guerra di Gaza.

Una serie di commenti incendiari
Nei primi giorni del conflitto, la deputata del Likud Revital “Tally” Gotliv ha esortato l’esercito israeliano a utilizzare “un’arma apocalittica” a Gaza, in quello che si pensava si riferisse alle armi nucleari.

“Vi esorto a fare tutto e a usare senza paura le armi del giorno del giudizio contro i nostri nemici”, ha scritto Gotliv sulla piattaforma di social media X, invitando Israele a usare “tutto ciò che ha a disposizione”.

Tally Gotliv, “usare un’arma apocalittica contro Gaza”….

A novembre, Galit Distel Atbaryan, ex ministro della diplomazia pubblica israeliana, ha chiesto che Gaza fosse “cancellata dalla faccia della Terra”, affermando che l’enclave assediata avrebbe dovuto essere “spazzata via” da un esercito israeliano “vendicativo e feroce”.

“Vi esorto a fare tutto e ad usare le armi del Doomsday senza paura contro i nostri nemici”

Revital Gotliv, deputato del Likud

Dopo aver visto un video degli attacchi del 7 ottobre sferrati dai combattenti palestinesi contro le comunità israeliane del sud, Distel Atbaryan ha postato su Facebook esortando gli israeliani a investire le loro energie sui “mostri” di Gaza, espellendoli con la forza in Egitto o semplicemente “lasciandoli andare”. morire”.

Giorni dopo, il ministro israeliano del patrimonio culturale Amichai Eliyahu ha ventilato la possibilità di ricorrere alle armi nucleari a Gaza. Interrogato durante un’intervista radiofonica con Kol Barama su un’ipotetica opzione nucleare nella guerra, ha risposto: “Questa è una soluzione”.

Eliyahu è stato successivamente sospeso dalle riunioni di gabinetto fino a “nuovo avviso” e si è rivolto ai social media per suggerire che le sue osservazioni fossero “metaforiche”.

La settimana scorsa, il deputato Moshe Saada ha affermato che gli appelli diffusi che aveva sentito dal pubblico israeliano a “distruggere tutti gli abitanti di Gaza” avevano dimostrato che “la destra aveva ragione sulla questione palestinese”.

Moshe Saada, “distruggere gli abitanti di Gaza”

Le osservazioni di Saada sono arrivate dopo che il Sudafrica ha intentato una causa contro Israele presso la Corte internazionale di giustizia, accusandolo di aver violato la Convenzione di Ginevra del 1948 nella sua guerra a Gaza. Giovedì si terrà la prima udienza all’Aia.

Gli attacchi guidati da Hamas contro le comunità del sud di Israele il 7 ottobre hanno ucciso circa 1.200 israeliani, la maggior parte dei quali erano civili.

Da allora, l’esercito israeliano ha condotto un’incessante campagna di bombardamenti sulla Striscia di Gaza, uccidendo più di 23.200 palestinesi, tra cui oltre 9.000 bambini.

Fonte: Middle Eat Eye

Traduzione: Luciano Lago

11 commenti su “Guerra a Gaza: il deputato israeliano dice che a Gaza non ci sono innocenti e che dovrebbe essere “bruciata adesso”

  1. Questi elementi non definibili come persone umane evidentemente non hanno appreso niente da quello che hanno subito da parte dei nazisti tedeschi. Evidentemente sono uguali se non peggiori dei nazisti tedeschi

  2. La “élite” israeliana è simile alle altre “élite” occidentali: falsone, disumane, idiote.
    Se i sionisti fossero stati amanti del loro popolo, sapendo che NON sono originari della Palestina, “semiti”, ma un popolo di etnia dell’Asia Centrale ………………….. si potevano far dare dai loro amici anglosassoni una parte dell’Australia o del Canadà, senza
    prendere in giro il loro stesso popolo “ebreo” e causare tutte queste guerre e lutti e il male.
    Ma come si constata, per un malinteso biblico (!!!!) e cioè erano convinti che Gerusalemme sarebbe diventata la capitale del mondo. Vatti a fidare del vecchio testamento scritto da tante mani e non da Dio.

  3. Oggi ci sono stati 3 giornalisti uccisi da Israele in un giorno
    1) Nafith Okasha, ucciso in un attacco missilistico nel sud di Gaza
    2) Ahmad Bdeir, ucciso in un attacco aereo sul cancello dell’ospedale di Al-Aqsa nel centro di Gaza
    3) Fuad Abu Khammash, ucciso in un attacco aereo su un’ambulanza della Mezzaluna Rossa nel centro di Gaza
    Poco prima dell’uccisione di Abu Khammash, l’ufficio stampa del governo ha annunciato che Israele aveva finora ucciso 115 giornalisti a Gaza dal 7 ottobre.
    Per non parlare dei dipendenti ONU uccisi a Gaza, oltre un centinaio.
    A cui bisogna aggiungere gli oltre 20000 civili uccisi e i 60000 feriti dal 7 ottobre, praticamente pare che l’1% della popolazione di Gaza sia già stato ucciso o ferito.
    L’esercito sionista sta comunque pagando con centinaia di soldati uccisi e molte migliaia feriti solo a Gaza, mentre le perdite al nord contro Hezbollah sarebbero molto più elevate.
    L’entità sionista ha speso già 60 miliardi di dollari per questo genocidio, e sono solo all’inizio.
    I politici americani sostengono in pieno il genocidio, l’ex presidente Pence è andato in Palestina addirittura a firmare le bombe fornite dagli americani e destinate ad uccidere i bambini palestinesi, la candidata repubblicana Nikki Haley sostiene in pieno in massacro, mentre l’altro candidato DeSantis, che deve essere stato filmato mentre abusava di una delle minorenni di Epstein, come governatore della Florida ha firmato un documento che facilita l’iscrizione degli studenti universitari ebrei alle università del suo stato, in quanto nelle altre università sarebbero vittime degli studenti e degli accademici filo-palestinesi.
    La classe politica americana è costituita da ebrei oppure da giudeolatri, del resto pure qualche media o analista russo non nasconde la simpatia per l’entità sionista.
    Il potere degli ebrei nel mondo non è mai stato così enorme, l’Iran farà bene ad arrivare alla bomba atomica il prima possibile.

    1. Non polemizzo, tutto l’occidente sta sprofondando, AVVIZZISCE, grazie alla grande intelligenza (si fa per dire) dei padroni americani. SONO PERDENTI TOTALI. Un populista americano ha detto che gli Stati Uniti sono diventati una repubblica delle banane, e io aggiungo: pure la famigerata e stupida Unione Europea è una repubbliche delle banane.
      Ha ha ha ha ha!

  4. Israele non sa quello che sta facendo. Ha ucciso poeti, artisti, professionisti di altissimo livello, gente pacifica e istruita. La prossima generazione sarà composta di soldati pronti a qualunque azione pur di riscattare il sangue dei loro genitori.
    E sarà pane amaro per i sionisti.

  5. Purtroppo si sono così radicati nei governi europei, americano, canadese, inglese ecc ecc, che non vedo come si possa uscirne. L’unica consolazione è che quando ci estingueremo, anche loro spariranno FINALMENTE una volta per tutte.

  6. Auschswitz, Dachau, Treblinka, Birkenau ecc. ecc. …. ovvero impara “l’arte” e mettila da parte … e infatti l’allievo sionista ha superato di molto il maestro nazista … e fingo di dare per scontato che la cosiddetta shoa sia andata come raccontano i libri di storia scritti dai vincitori !

  7. Ci sarà un giorno ,ne sono certo, in cui questi assassini, i loro familiari, i loro amici, pagheranno per quello che stanno facendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM