APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Gruppi per i diritti umani minacciano azioni legali contro la Francia per le esportazioni di armi in Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti

Due gruppi per i diritti umani hanno concesso al governo del presidente francese Emmanuel Macron due mesi per porre fine alle esportazioni di armi verso l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti (EAU), che sono coinvolti in un devastante conflitto da tre anni nello Yemen, o altrimenti mettere in moto procedimentoìi legali .

L’Organizzazione legale non governativa “Droit Solidarite e Aser”, specializzata in questioni relative agli armamenti, sostiene che la Francia sta infrangendo la legge internazionale fornendo armi per l’aggressione a guida saudita contro lo Yemen devastato dalla guerra e conseguentemente sta commettendo crimini di guerra in quel paese.

“La Francia non sta rispettando i suoi impegni internazionali”, ha detto alla Reuters il presidente di Aser, Benoit Muracciole.

Gli avvocati che agiscono per conto delle due ONG hanno già inviato una lettera all’ufficio del primo ministro Edouard Phillipe chiedendo la sospensione delle licenze di esportazione.

“Aser e Droit Solidarite” porteranno il loro caso alla più alta autorità legale francese, nota come Conseil d’Etat, nel caso in cui il governo di Parigi non riesca a rispettare la loro scadenza.

“Andremo al Consiglio di Stato dal 1 ° maggio se c’è un rifiuto esplicito o implicito del governo a rispondere”, ha sottolineato Muracciole.

L’azione arriva mentre la Norvegia ha sospeso le esportazioni di armi verso gli Emirati Arabi Uniti.
Il governo tedesco ha anche detto che avrebbe “immediatamente” fermato le esportazioni di armi a chiunque partecipi alla guerra nello Yemen.

Bambini nello Yemen bombardato

La Francia, che è il terzo maggiore esportatore di armi al mondo, ha venduto obici e munizioni da artiglieria Caesar, fucili da cecchino e veicoli blindati in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi.

Circa 14.000 persone, civili fra cui fran parte bambini, sono state uccise dall’inizio della campagna militare dell’Arabia Saudita contro lo Yemen nel marzo 2015. Gran parte delle infrastrutture del paese della penisola araba, inclusi ospedali, scuole e fabbriche, è stata ridotta in macerie a causa della guerra.

Le Nazioni Unite dicono che un numero record di 22,2 milioni di persone hanno bisogno di aiuti alimentari, tra cui 8,4 milioni minacciati da una grave carestia per fame.

Un alto funzionario dell’ufficio di aiuti delle Nazioni Unite ha recentemente messo in guardia contro le condizioni di vita “catastrofiche” nello Yemen, affermando che vi è un crescente rischio di carestia e colera nel paese.
“Dopo tre anni e più di conflitto, le condizioni nello Yemen sono catastrofiche“, ha detto al Consiglio di sicurezza dell’ONU il 27 febbraio John Ging, direttore delle operazioni di soccorso dell’ONU.

Strage e colera nello Yemen

Ha aggiunto: “Le vite delle persone hanno continuato a perdersi. Il conflitto si è intensificato da novembre, espellendo ancora altre 100.000 persone circa dalle loro case “.

Ging ha inoltre osservato che il colera ha infettato 1,1 milioni di persone nello Yemen dallo scorso aprile, e un nuovo focolaio di difterite si è verificato nel paese arabo devastato dalla guerra dal 1982.
Si aspetta che altri paesi prendano l’iniziativa per fermare il genocidio della popolazione causato dall’Arabia Saudita, dagli Emirati Arabi e dagli Stati Uniti che forniscono apppoggio logistico e di intelligence all’aviazione saudita che effettua bombardamenti indiscriminati.

Bambini nello Yemen

Nota: Un appello urgente è stato inviato dall’inviato delle Nazioni Unite ai Governi di USA e Gran Bretagna, direttamente coinvolti nelle operazioni belliche ma, fino a questo momento, l’appello non è stato raccolto. I media europei tendono ad occultare il conflitto per non irritare il governi dell’Arabia Saudita e degli Stati Uniti che sono direttamente coinvolti nel massacro dello Yemen;  una forma di autocensura di fatto da parte degli stessi media che spesso e volentieri si appellano al rispetto “dei diritti umani” come forma di retorica strumentale.

Fonte: Press Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

*

code

  1. amadeus 2 settimane fa

    Si pensava che il nazismo avesse toccato il fondo per le atrocità in guerra, ma a paragone della coalizione saudita, i nazi erano chierichetti, questi sono belve sanguinarie che vanno annientati perché non sanno cosa é la pietà per gli umani, finché esisteranno loro il mondo non avrà mai pace !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 2 settimane fa

      non credo tu conosca il Nazional Socialismo Tedesco, ma io conosco cosa sono i giudei

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. amadeus 2 settimane fa

    Concesso due mesi ? IMMEDIATAMENTE !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Max 2 settimane fa

    E da un anno che Arabia, bombarda lo Yemen.
    I sopravvissuti stanno morendo di fame.
    ONU presenta azione legale dopo un anno.
    Ma chi volete prendere in giro?
    Funzionari ONU =quaraqqua!

    Rispondi Mi piace Non mi piace