Gruppi armati iracheni hanno annunciato il bombardamento del centro di Israele

I gruppi armati sciiti iracheni della Resistenza islamica in Iraq hanno annunciato un attacco al centro di Israele.
Il bombardamento è stato effettuato utilizzando un missile da crociera a lungo raggio Arkab ed è avvenuto diversi giorni fa, hanno riferito i gruppi, riferisce RIA Novosti .

Si dice che l’attacco abbia colpito un “obiettivo vitale” nel centro di Israele. I gruppi hanno aggiunto che continueranno a effettuare “attacchi più intensi” contro le roccaforti israeliane.

In precedenza era stato riferito che gruppi sciiti iracheni, facenti parte della Resistenza islamica in Iraq, avevano effettuato massicci bombardamenti contro le basi militari americane in Iraq e Siria.
Media iraniani: a causa dei crescenti attacchi, l’esercito americano lascia la base in Siria
A causa dei crescenti attacchi da parte di gruppi armati locali, l’esercito americano sta lasciando la grande base Hemo in Siria. È considerato un sito strategico poiché si trova a soli quattro chilometri dall’aeroporto di Qamishli, nella provincia di Hasakah, nel nord-est del paese.

L’agenzia di stampa iraniana Tasnim riferisce dell’inizio dell’evacuazione, citando fonti.
Finora non è arrivata alcuna conferma di queste informazioni da parte del comando delle forze armate o dei funzionari statunitensi.

Secondo i media iraniani, nella base americana, situata a circa 350 chilometri dalla capitale siriana, erano di stanza 700 soldati.

Gruppi armati sciiti stanno attaccando le installazioni militari statunitensi situate in Siria e Iraq. Gli attacchi più comunemente usati sono missili e droni . Ad esempio, il 12 gennaio, un drone sconosciuto ha attaccato una base americana ad Al-Hasakah, provocando tre esplosioni.
Come ha riferito il portavoce del Pentagono Patrick Ryder, al 9 gennaio, le forze armate statunitensi erano state attaccate in Iraq e Siria 127 volte dalla metà di ottobre dello scorso anno. Allo stesso tempo, si sono verificati 52 attacchi contro obiettivi in ​​territorio iracheno e 75 in territorio siriano.

Fonti: Top War + Agenzie

Traduzione: Luciano Lago

7 commenti su “Gruppi armati iracheni hanno annunciato il bombardamento del centro di Israele

    1. Giorgio, non hai pietà per i poveri liberatori-ladri. Ha ha ha ha ha!
      Arrivano alle forze del male missili da ognidove, oramai impazziscono. Ha ha ha ha ha!

      1. Grande ARMIN, siamo sulla stessa lunghezza d’onda, e dalla parte giusta della storia !
        W l’asse della resistenza !

  1. Quando tiri troppo la corda si spezza. Quando ti senti al di sopra di tutto, prima o poi sprofondi. Ed è proprio ciò che sta accadendo al dominio imperialista anglosassone. Il genocidio palestinese partito oltre 3 mesi fa, gli si ritorcerà contro e i sionisti spariranno dalla faccia della terra. Dovranno nascondersi nelle fogne… Che continuino a scavare in profondità

  2. Il colpo grosso sarebbe far scappare gli invasori statunitoidi dalle due principali basi (illegali) in Siria, cioè, al-Tanf ai confini con la giordania zerbino di angli e usa, quella base che rifornisce e arma i resti dell’isis nelle aeree desertiche, con lo scopo di impedire che la guerra in Siria finisca, e la base di al-Omar, oltre la sponda settentrionale dell’Eufrate, che controlla con la complicità curda e di elementi isis che hanno “cambiato casacca” le risorse petrolifere rubate allo stato siriano, utili per la ricostruzione del paese.

    Ricordiamo che i russi sono arrivati in Siria alla fine del settembre 2015, con il consenso del legittimo governo e della legittima presidenza siriani, mentre la presenza armata statunitoide è chiaramente illegale e gli armati usa presenti in Siria sono forze di occupazione del paese.

    Cari saluti

  3. finalmente! quando i coloni chiedono a Netanyahu di distruggere Gaza, devono pur sapere cosa intendono. Spero che vadano avanti fino a che gli ebrei non decidano di cacciare quell’infame sionista che li sta portando alla rovina e al disonore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM