APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Grave sconfitta della coalizione saudita sulla costa occidentale dello Yemen

Durante le operazioni svoltesi nelle ultime 48 ore dall’esercito yemenita e dai comitati popolari yemeniti, 376 mercenari assoldati dalla coalizione saudita sono morti o sono rimasti feriti, ha riferito il ministero della Difesa yemenita.

Secondo l’agenzia di stampa iraniana Fars, la dichiarazione del ministero della Difesa yemenita pubblicata sabato sera, aggiunge che il bilancio delle vittime delle ultime 48 ore supera i cento.

Al Masirah ha riferito che le forze dell’esercito e di Ansarullah hanno sollevato una forte resistenza sul fronte Duraihimi nella provincia di Hudaidah, essendo riusciti a fermare l’avanzata delle forze di aggressione degli Emirati della coalizione diretta dall’Arabia Saudita sulla costa occidentale del paese.

“Durante le 48 ore di scontri con gli aggressori a Duraihimi, 140 militari e mercenari pro-Riyad sono stati uccisi e 236 feriti”, ha detto la dichiarazione ministeriale.

Sottolinea inoltre che 40 mercenari, che erano in fuga, sono stati perseguiti e uccisi dai combattenti sauditi.

Secondo questo rapporto, le forze della coalizione saudita hanno lanciato un attacco al distretto di Duraihimi attraverso tre assi di avanzata, ma non sono riusciti a sfondare la linea di difesa yemenita. Il Ministero della Difesa yemenita ha anche riferito della distruzione di 15 veicoli corazzati e altri mezzi militari, tra cui un Oshkosh fabbricato negli Stati Uniti.

Il ministero della Difesa yemenita ha annunciato martedì che dal lancio dell’operazione della coalizione pro-Riyadh per occupare Duraihimi, almeno 180 mercenari sono stati uccisi e altri 136 sono stati feriti.

Dopo il fallimento della prima fase della sua operazione militare nella città e nel porto di Hudaidah in giugno, la coalizione saudita ha lanciato un’altra operazione il 12 agosto a sud di Hudaidah, in particolare nella regione di Duraihimi.
Nonostante l’appoggio logistico e di intelligence fornito dagli USA, le forze saudite non sono riuscite a piegare la resistenza yemenita.

Fonte: Al Manar

Traduzione: L. Lago

*

code

  1. Mardunolbo 4 settimane fa

    I mercenari sono come i ratti di fogna, in Siria, eliminarli senza pietà. Farne pezzi da concime a colpi di cannonate e missili.
    Aspetto con gioia il momento in cui i cammellieri sauditi arriveranno a chiedere un armistizio avendo falcidiato le loro truppe in inutili assalti contro le forze yemenite.
    Che l’Iran aiuti questi mi sembra giusto dato che la “coalizione” di altri stati mira ad eliminare il governo che la popolazione tutta accetta.
    RICORDIAMOCI DI QUESTA RESISTENZA AGLI INVASORI DI ALTRE NAZIONI, SE MAI UN GIORNO TENTASSERO LO STESSO IN ITALIA ! LA LEZIONE SIRIANA SIA DI ESEMPIO ED ORA LO YEMEN.
    Forza Houti !

    Rispondi Mi piace Non mi piace