Grande successo! Combattenti sostenuti dagli Stati Uniti sequestrano missili fabbricati dagli Stati Uniti diretti ad altri miliziani sostenuti dagli Stati Uniti in Siria

In un’insolita svolta degli eventi in Siria, i miliziani, una volta sostenuti dagli Stati Uniti, hanno sequestrato una spedizione di missili fabbricati negli Stati Uniti che si stava dirigendo verso i combattenti attualmente sostenuti dagli Stati Uniti.

I missili, made in USA, anticarro TOWs, sono stati sequestrati nel March 28 dalle Syrian Task Force, una forza congiunta della Polizia Turca , Unità antiterrorismo e Esercito nazionale Siriano (SNA), vicino alle forze di occupazione Turche nella città di Azaz nel nord della zona di Aleppo .

Secondo il ministero dell’Interno turco, i trafficanti hanno confessato di aver tentato di trasferire armi alle Unità di protezione del popolo curdo (YPG) e al Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) nella città di Manbij, nella campagna nord-orientale di Aleppo.

Oltre a due missili guidati anticarro TOW (ATGM), la spedizione di armi includeva 24 fucili d’assalto di tipo AK, un fucile da tiratore designato, due tubi di pistola e munizioni.

La maggior parte delle fazioni SNA una volta erano sostenute dagli Stati Uniti, che hanno fornito loro missili anticarro ATGM TOW fino alla fine del 2017. Le YPG e il PKK, invece, sono il nucleo delle forze democratiche siriane (curdi), che ricevono ancora il sostegno degli Stati Uniti.

Tra il 2012 e 2017, gli Stati Uniti hanno inviato centinaia di tonnellate di armi in Siria in un tentativo di rovesciare il governo di Bashar al-Assad.
La Central Intelligence Agency (CIA) e il Pentagono hanno guidato questi sforzi per armare i ribelli siriani con il supporto diretto degli alleati statunitensi in Medio Oriente, in primis Turchia, Giordania, Arabia Saudita e Qatar.

Gli sforzi degli Stati Uniti non solo fallirono nel rovesciare il governo di Damasco, ma finirono anche per trasformare la Siria in un grande mercato nero per armi avanzate. Molte delle armi fornite dagli Stati Uniti e dai loro alleati sono finite nelle mani di gruppi terroristici come l’ISIS e Hay’at Tahrir al-Sham, collegato ad al-Qaeda. Alcune di queste armi sono state trovate in Iraq e persino in Libano.

Oggi, armi come gli ATGM TOW, vengono utilizzate dai miliziani una volta supportati dagli Stati Uniti contro gli attuali delegati di Washington in Siria e viceversa.

I piani degli Stati Uniti per armare i ribelli siriani hanno infiammato la guerra, minacciato i paesi vicini e hanno persino finito per mettere gli strumenti di Washington l’uno contro l’altro. Alcuni utenti non molto tolleranti dei social media chiamerebbero questi grandi risultati un brillante esempio di “clusterfuck” (maledetto imbroglio).

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

7 Commenti

  • giorgio
    29 Marzo 2021

    Usa Cia e Pentagono si sono ingarbugliati da soli …… e i governi e i media europei sono troppo presi dal virus ….

  • Marco
    29 Marzo 2021

    Giorgio i media europei non sono presi dal virus, semplicemente sono dei fantocci e in gran parte servi dei loro editori e scrivono quello che fa piacere a chi li foraggia. Di quello che succede in Siria, Yemen e Iraq ne parlano poco perché sono ipocriti come gran parte della politica europea guidata dalla finanza sionista e asservita al potere degli USA. Dei crimini commessi dagli yankee e israeliani ed europei in Medio Oriente non parla nessuno. L’industria delle armi fa affari d’oro. Tutti si girano dall’altra parte, Erdogan fa comodo agli europei ipocriti blocca i profughi siriani. l’Europa è complice dell’uccisione di 500 mila siriani grazie all’embargo e alla sporca guerra creata dagli yankee e loro alleati.

    • sublime
      29 Marzo 2021

      Hai detto tutto

      • Hadrian
        30 Marzo 2021

        Analisi perfetta

    • atlas
      29 Marzo 2021

      i sieri sono stati autorizzati in via eccezionale (infatti non è mai accaduto che un vaccino sia arrivato dopo 10 mesi) e non approvati (e c’è una bella differenza tra autorizzare ed approvare)
      infatti:
      – la sperimentazione Pfizer termina a Dicembre 2023
      – la sperimentazione Moderna termina a Dicembre 2022
      – la sperimentazione Johnson & Johnson termina a Febbraio 2023
      – la sperimentazione AstraZeneca termina il 14 Febbraio 2023

      prima di quella data il farmaco é in fase di test sperimentale su volontari (in gergo si chiamano cavie).

      Autorizzazione speciale alla sperimentazione su umani perché, a loro dire, non si poteva aspettare.

      Ulteriore appunto. Il prodotto viene dato agli Stati ad una condizione: esonero di ogni responsabilità

      Lo Stato accetta a patto che il paziente (cavia) firmi che è consapevole della sperimentazione e deresponsabilizzi chiunque per gli eventuali effetti avversi della sperimentazione.

      Giusto per dare qualche informazioni vera e corretta

      intanto, mentre chi più si diverte a giocare con gli organismi umani, chiunque tocca lo Sputnik V di Stato, o nega l’influenza delle multinazionali, muore

      https://tg24.sky.it/salute-e-benessere/2021/03/29/vaccino-sputnik-slovacchia-matovic-dimissioni?social=twitter_skytg24_photo_null

      • Giorgio
        29 Marzo 2021

        Atlas la tua ricostruzione sulla “situazione” sperimentale dei vaccini è a dir poco perfetta …… la verità è semplice ……
        tra i tanti ottusi qualcuno avrà conservato ancora un barlume di ragione …… spero ……

    • Giorgio
      29 Marzo 2021

      i governi e i media europei sono troppo presi dal virus …… era una frase ironica …… per il resto pienamente d’accordo ……

Inserisci un Commento