Grande rischio”: il fronte in Ucraina potrebbe crollare – Politico

In Ucraina esiste il “grande rischio” di un crollo della prima linea, scrive la rivista americana Politico.
Le ultime dichiarazioni dell’imprenditore ribelle Elon Musk, riportate dalla stampa, riguardo alla guerra in Ucraina hanno messo la situazione sul filo del rasoio, poiché ha avvertito che, anche se Mosca “non ha alcuna possibilità” di conquistare tutta l’Ucraina, “più a lungo va avanti la guerra, più territorio guadagnerà la Russia”. finché non conquistano il Dnepr, che è difficile da superare”.

“Tuttavia, se la guerra dura abbastanza a lungo, anche Odessa cadrà”, ha avvertito.
Gli ufficiali delle forze armate ucraine, nelle conversazioni con i giornalisti, confermano che la linea del fronte può crollare in diverse direzioni, dove i generali dell’esercito russo decidono di concentrare la loro offensiva.

Grazie alla superiorità numerica delle forze armate russe, nonché tenendo conto dell’uso delle bombe guidate , che da diverse settimane distruggono attivamente le posizioni ucraine, le truppe russe saranno probabilmente in grado di “sfondare la linea del fronte e distruggerla”. in alcune parti”, osserva la pubblicazione.

Più a lungo proseguiranno i combattimenti, più territori conquisterà la Russia: fino a quando le forze armate russe non raggiungeranno il Dnepr, scrive Poliitco.

Allo stesso tempo, se le ostilità dovessero durare abbastanza a lungo, le forze armate ucraine sarebbero costrette a lasciare Odessa.

La Russia, nel frattempo, sta studiando dove posizionare al meglio i suoi sistemi missilistici e radar S-400 per massimizzare l’area che possono coprire per ingaggiare i caccia F-16. Questi complessi dovrebbero essere situati lontano dalla linea del fronte e lontano dagli hub logistici russi.
In sostanza, tutto ora dipende da dove la Russia deciderà di indirizzare le sue forze nell’offensiva che dovrebbe essere lanciata quest’estate. In uno scontro pre-offensivo – che si estende da Kharkiv e Sumy nel nord fino a Odessa nel sud – gli attacchi missilistici e di droni della Russia sono aumentati ampiamente nelle ultime settimane, prendendo di mira le infrastrutture e rendendo difficile indovinare dove effettuerà la sua maggiore spinta.

Fonte: Politico

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

17 commenti su “Grande rischio”: il fronte in Ucraina potrebbe crollare – Politico

  1. Sintesi più che corretta. Se Odessa cade, e cadra’ o la Svo avrà avuto poco senso, quello che rimarrà dello stato Ucraino sarà solo un enclave impotente e poco significativa economicamente e geopoliticamente.

  2. Io credo che il Dnepr non sia un ostacolo insormontabile, le truppe aviotrasportate sono lì per quello: e non voglio evocare scenari troppo tragici per l’Ucraina, ma quanto basta perché Zelenskyller e i suoi gerarchi siano defenestrati, il Paese smilitarizzato o comunque, escluso dalla N.A.T.O., Crimea e Novarossija tornino alla madrepatria e il nuovo governo se la veda col vicinato, ansioso di avere la sua parte, visto che, con la scusa che la Russia non si allarghi troppo, cercano di allargarsi loro.

  3. Si cita elon musk, un “miliardario democratico” (perché non oligarca?), su questioni geopolitiche che riguardano i futuri assetti geopolitici in Europa (e forse nel mondo), come se un semplice imprenditore fosse la massima autorità e avesse voce in capitolo più di tutti gli altri … Ciò ci rivela che la fogna chiamata occidente è dominata e governata, seppur indirettamente, dai grandi capitali privati e non soltanto ebrei, perché musk non è ebreo/ nazi adunco.

    Allora, visto che sembra che il francese “miliardario democratico” bernard arnault, patron del gruppo LVMH acquisito grazie a un inciucio con la banca lazard, fondata naturalmente da ebrei, recentemente è risultato più ricco di musk, strappandogli il primo posto sul podio della moderna crematistica creata dagli ebrei (almeno secondo forbes, che stila la classifica dei “miliardari democratici”/ oligarchi), perché non chiedere anche il suo parere, oppure chiederlo ai vertici della banca ebrea lazard, che lo ha appoggiato nella sua travolgente ascesa?

    A parte questo, la Federazione Russa non ha mai avuto l’intenzione di annettersi tutta l’ukraina, anche se oggi scopriamo che ha i mezzi militari per farlo … A che scopo accollarsi trenta milioni o quasi di disperati senza più nulla, da accudire, nutrire e finanziare alla fine del conflitto?

    Per i russi e il buon Medvedev, alcune regioni occidentali e nord occidentali dello stato fallito ukraino potrebbero benissimo essere “acquisite” dalla polonia, dalla romania e dall’Ungheria di Orban, senza che i suddetti facciano una piega o abbiano qualcosa da eccepire, perché prima sparirà l’ukraina, o si ridurrà ai minimi termini, priva di risorse e demilitarizzata, e meglio sarà non soltanto per i russi, ma per tutti i popoli di Europa che rischiano un conflitto nucleare.

    Per quanto riguarda la durata della OMS russa in ukraina, personalmente credo che avremo buone notizie fra maggio e giugno di quest’anno, o comunque durante l’estate, perché sempre più numerosi e diffusi sono i segni dell’avvicinarsi del collasso ukronazi su tutto il fronte.

    Cari saluti

  4. Ribadisco, non c’ è niente d’ imprendibile per i russi. Bisogna vedere solo le tempistiche, loro segreti militari. Finora hanno usato armi obsolete ed antiquate. Stanno arrivando i bombardieri tu22sm i tu160m2 armati delle nuove fab1500 e fab3000. 3 tonnellate di carica esplosiva, finora hanno usato le 500kg (fab500). Inoltre è notizia di ieri che hanno autorizzato l’ invio del nuovo semovente d’ artiglieria msta SV con cannone da 152mm con tiro utile ad 80km. Tanto per capirsi quelli in azione adesso sono ‘solo’ di 125mm. Da adesso in poi non vorrei essere NEL nemico dei Russi.

  5. Se non fosse per la gravità della situazione, con queste analisi da santone ci sarebbe da sganasciarsi dalle risate: “finché non conquistano il Dnepr, che è difficile da superare”… certo, infatti l’hanno già superato quando fecero correre Napoleone ed Hitler (e chissà quanti altri). Se sarà necessario lo supereranno eccome il Dnepr, può stare tranquillo il buon Elon, anche l’oceano attraverseranno, e verranno a prenderci a calci nel cu…. a tutti quanti.

  6. lo ripeto non sono così ottimista come tutti voi commentatori sull’esito della guerra, non vi scordate che gli Ukraini colpiscono ancora i territori Russi di confine anche raffinerie e impianti agricoli di produzione di carni, oltre a far sfollare dai villaggi i bambini per la loro sicurezza, so benissimo che colpiscono con i droni e non con le truppe, ma purtroppo è uno smacco per tutto l’esercito russo.

  7. Perfino il Gerarca milardario USA di Elon Musk ha finalmente capito che la Russia ha ormai vinto la guerra contro gli Ucraini e contro i paesi USA & NATO che hanno subito una umiliante e sconvolgente sonora sconfitta militare !
    USA & NATO lanciano piccoli aereomodelli esplosivi radiocomandati contro bersagli civili in territorio Russo perciò la Russia ha dovuto far evacquare dalle zone a rischio Terrorismo i bambini e alcune famiglie per evitare che venissero assassinate dagli USA o dalla NATO !
    Tra qualche giorno ci dovrebbe essere il tracollo e la fuga disordinata delle forze armate Ucraine perciò il fronte di guerra si allontanerà molto distante dal confine Russo e le azioni Terroristiche USA & NATO contro la Russia cesseranno !

  8. Elon è un genio, sia a livello imprenditoriale che di analisi politiche.Lui nell’intimo è anti Biden e appoggia Trump ,anche se non lo perdona per la questione delle.macchine elettriche,Trump li detesta, ma nel contempo analizza liberamente.Come fate ad condannare colui che ha creato Tesla, lavora sulla I. A. in campo medico impiantistico e già da 10 anni studiava e sperimentava i satelliti comm.nei cieli di Toronto.?.ps.personalmente ho avuto il piacere, e meraviglia ,ad osservarli una domenica di agosto 2012 in nord-Toronto.

    1. Ciao Vincenzo. Non nascondo che le qualità genialoidi che descrivi nell’ individuo, ci sono. Geniali e truffaldine. Tesla pure Electric, ma anche tutte le altre sono degl’ inutili bidoni. Enormi giocattoli a batteria, inquinanti, con un autonomia ridicola, costosi e proprio come tali irriparabili se si rompono., Specie se si verifica un danno alle batterie. Ma poi la Tesla stessa si da le arie a supercar ed all’ interno è rifinita peggio della mia panda III serie. No il futuro dell’ automotrice sarà ad idrogeno. Spero per lui, Musk, che si disintossichi dalla chetamina e che i satelliti siano migliori delle sue pessime auto giocattolo. Saluti

      1. Lollo 73 le tesla qui in Can.hanno le batterie garantite x 8 anni.Adesso ,dato che in Nord-America non c’è stata la vendita preventivata li discontano di 10000 doll.-can..La base è di 50000 e ti posso dire che ,incredibile,a meno 30 gradi partono normalmente.Personalmente non mi piacciono ed è vero che all’interno sono spartane.Per chiarire Musck. È nato in Sud-Africa ma è canadese ,come me. L’intuizione dell’elettricità come mobilità è nata da un hobby di famiglia e hanno già l’idea delle batterie -perenni- ma ,dato che Usa e Canada sono autosufficienti x gli idrocarburi, per una questione macroeconomica di interesse nazionale , non la può pubblicizzare.Inoltre il Canada è autosufficiente per derivati petroliferi perché abbiamo le famose sabbie bituminose dell’Alberta, anche se l’estrazione comporta inquinamento.Comunque ti e mi complimento per l’approccio educato e franco dei tuoi commenti.

      2. Ciao Lollo73 .Non so se pubblicheranno solo questa risposta o altre due,simili.Le altre due risposte erano più prolisse ed esaustive ,dove ti ringraziavo per.i tuoi commenti sempre saggi ,eleganti e sopratutto EDUCATI.I due commenti precedenti ,le mie risposte a Lei, forse non saranno pubblicate perché all’atto dell’ ‘ invio mi diceva ,testuale, …scrivi troppo veloce.Comunque ,vi invito ad non essere conformista e.a non ragionare x luoghi comuni sulle nazioni che non conoscete.Mi riferisco al Nord-America..L’apparenza inganna .Saluti.

        1. Ciao Vincenzo, lungi da me fare di tutta un erba un fascio. Ma Musk e solo un ebreo ricco che scopiazza idee altrui di base, forse le migliorerà ma dubito. L’ idea dei veicoli elettrici è dell’ elettricità gratuita e ovunque diffusa viene da un mirabile scienziato slavo Nikola Tesla, morto negli States i primi del’ 900, in miseria. A lui si devono quelle idee rivoluzionarie e non ad Elon che, ad oggi, era solo talmente tanto ricco da poterle rispolverare. Tant’è vero che le macchine portano il suo nome, Tesla. Farà qualcosa di buono per l’ umanità? Forse sono prevenuto, ma ne dubito. Non ho mai vissuto in America vero, ma ho conosciuto i suoi laidi figli arruolati assieme a me nella Kfor in Jugoslavia e nella base Nato non ufficiale in toscana a Camp Derby. Mucchi d’ arroganti bastardelli senza nessuno rispetto se non per il proprio paese d’ origine. Saluti

          1. Musck non è ebreo,come sangue e di Tesla ,il genio dei Balcani morto povero perché Bell gli rubò i progetti e gli incendio’ gli uffici ,volevo parlarti io.A 150 KM da dove vivo io, abbiamo le cascate delNiagara, sono alte ma non altissime ma l’impressione è la massa della caduta dell’acqua…impressionante.Sotto le cascate abbiamo ,sul lato canadese, un grande edificio ,stile fine 800 .È la centrale.idrica dove Tesla lavorava per la corrente alternata gratuita,,,,tramite magnetismo a trasmissione.alternata””’ Lo visitato più volte.Quando gli Americani lo seppero lo fecero passare di sponda,il fiume Niagara segna il confine Can-Usa e iniziarono guai.Gli americani rubarono a noi l’idea della radio e a Meucci,se non erro ,tecnico teatrale l’idea del telefono.Per quello che dici per gli Americani, anche noi canadesi li consideriamo pieni di boria…Forse vi sto assillando ..Un saluto a voi caro Lollo73.

  9. Devo rispondere ai molti commentatori che citano Elon Musk ! Uno dei tanti, cosiddetti, “miliardari democratici e filantropi”. Personalmente non credo minimamente che un miliardario abbia qualcosa in comune con i tanti poveri cristi che anche negli USA vengono buttati sul lastrico da un sistema economico ultra liberista, la cui economia non dipende dalla volontà del governo o dal presidente di turno, ma dai guru di Wall Street che “giocano” in borsa a spese del proprio e degli altri popoli ! Ma si sa che i media occidentali ogni tanto scoprono e “pompano” l’uomo rivelazione del momento, il solito miliardario made in USA, tipo Bill Gates, Jobs, Zuckemberg, Bezos, e ora Musk, proponendolo al popolo bue dell’occidente come esempio di successo imprenditoriale, beneficienza, virtù e progresso, nascondendo il loro ruolo di parassiti e squali della finanza e l’appartenenza a quella èlite malefica che pretende di dominare il pianeta !

    1. Giorgio devi perdonare i pazzi scemi creduloni italiani che osannano i ricchi Gerarchi dei paesi USA & NATO che speculano sulla stupidità ed ignoranza dei popoli Occidentali !
      Se accendo la TV italiana in un qualsiasi canale pubblico o privato ormai da 44 anni compare il ricco evasore fiscale “democratico” ( Sai Baba fallito e parassita che viene mantenuto dagli incentivi Statali Italiani ) che ha la residenza al” estero però detta legge in Italia e non creano nemmeno REALI posti di lavoro in Italia poiché quasi sempre assumono personale straniero perfino clandestino !
      Sempre sulle TV italiane ormai da 44 anni i vecchi industriali che hanno creato milioni di posti di lavoro in Italia industrializzandola e hanno pure costruito quartieri e scuole e perfino Ospedali per i loro operai tutti italiani tra il 1800 e inizio 1900 vengono quasi trattati da criminali e accusati di tutto .
      Se vivi in una società impazzita cioè in una NAZIONE MANICOMIO E CARCERE A CIELO APERTO USA & NATO è logico che NON SI PREMI MAI IL MERITO !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM