Governo Conte: Doveva essere un Governo “sovrano” nei suoi proclami ma si rivela l’ennesimo governo al guinzaglio degli USA e della UE

di  Luciano Lago

Nei suoi discorsi e nei suoi proclami, il Governo Conte/Salvini si presentava come un Governo che voleva recuperare la sovranità dell’Italia, nei confronti dell’Europa e delle vecchie logiche a cui si sottomettevano i governi di Centro Sinistra/ Destra . Finalmente! si mormorava fra i sostenitori della nuova coalizione e si attendevano azioni concrete e coraggiose.
Tuttavia, alla prova del nove che avviene in questi giorni, malgrado i tanti proclami, lo “sforare ” i vincolo del 3% è diventato prima “sfiorare” e poi adeguarsi a quanto prescritto dalla Commissione Europea, in una retromarcia poco coerente con i programmi politici preelettorali.

Ancora peggio per quanto riguarda un possibile recupero di autonomia dell’Italia rispetto alla politica di totale subordinazione praticata dai governi di centro sinistra.


Il governo 5 Stelle-Lega ha dimostrato il suo orientamento: legare ancora più strettamente la politica estera italiana alle decisioni prese a Washington. Questa la conseguenza dell’incontro del presidente Conte col presidente Trump, che ha caratterizzato la prima visita importante del Presidente del Consiglio all’Estero. Le decisioni prese in quell’incontro avranno i loro effetti sulla collocazione internazionale dell’Italia e certamente non faranno accrescere il peso dell’Italia.

Si è visto con l’aggravarsi della crisi libica dove l’Italia aspetta “istruzioni” da Washington su come muoversi mentre la Francia di Macron si è mossa spregiudicatamente a danno degli innteressi italiani per cercare con tutti i mezzi di prendere il controllo della Libia e delle sue grandi risorse: si tratta non soltanto delle sue – enormi riserve di petrolio, di gas naturale, di riserve di acqua – ma anche del lo stesso territorio libico di grande importanza geostrategica nel Mediterraneo, a sud della Sicilia.

A tal fine la Francia di Macron pesca nel torbido e appoggia le milizie del generale Haftar che combattono il «governo» di Fayez al-Serraj, il pupazzo dell’ONU che l’Italia si ostina a sostenere e che dovrebbe salvaguardare i grandi interessi nel paese dell’Eni. In realtà da un momento all’altro, il Governo Serraj rischia di essere defenestrato “manu militari” e lo stesso Serraj di fare una “brutta fine”.

Nonostante questo, il Governo Conte aspetta fiducioso che da Washington parta la “cabina di regia” promessa da Trump a Conte e che dovrebbe incaricarsi del Mediterraneo e, nella strategia Usa/Nato, si dovrebbe estendere fino al Mar Nero e, a sud, fino al Golfo Persico e all’Oceano Indiano. Mentre Conte aspetta, la situazione in Libia precipita.
Il premier Conte si illude che l’Italia sia il punto di riferimento degli USA nel Mediterraneo, alleato in una “cooperazione strategica” con Washington dove in realtà all’Italia spetta il ruolo di comparsa e di sottostare alla funzione di ponte aereo per le operazioni belliche che gli USA intendono compiere nel Mediterraneo, in Africa e in Medio Oriente, grazie alle basi USA sulla penisola ed alle servitù militari. L’Italia si affida in pratica a coloro che hanno provocato i peggiori disastri in nord Africa ed in Medio Oriente (sic).

Libia milizie

Si è visto che la regia di ogni operazione rimane strettamente in mano agli USA e all’Italia compete il solito ruolo subalterno che prevede di adeguarsi alle decisioni di oltre Atlantico, anche quando queste sono palesemente in contrasto con l’interesse nazionale. Sarebbe questa la politica sovranista del Governo Conte/Salvini ? Peggio che andar di notte.

Questa quindi appare l’opzione “sovranista” dell’Italia, quella di ridurre ancora di più la propria funzione a satellite degli USA al servizio del Pentagono e delle strategie belliche decise dal gruppo dei neocon che guidano attualmente la politica estera di Washington, con tutti i risvolti di complicità nell’aggressione contro paesi terzi (dalla Siria allo Yemen, all’Iran) che nessuna ostilità avevano mai manifestato con il nostro paese. Quale sia in questo ruolo il concetto di sovranità e di difesa dell’interesse nazionale, rimane da comprendere.

Ad aggravare l’impressione di una sovranità espressa solo a chiacchiere, si era avuto poco prima il rinnovo delle sanzioni alla Russia per altri sei mesi, una decisione presa dai capi di governo dei 28 paesi UE, sanzioni che colpiscono in particolare i settori dell’energia e finanziario, che erano in scadenza il 31 luglio.
Ma non basta : a pochi mesi dalla vicenda del caso Skripal, con l’avvelenamento con gas nervino dell’ex agente del Gru Sergei Skripal e della figlia Yulia a Salisbury, attacco attribuito da Londra alla Russia, mai provato ma che risulta una sicura montatura dei servizi di intelligence britannici, i leader europei hanno sollecitato l’”adozione il prima possibile di un nuovo regime di misure restrittive” contro la Russia. Questo dicono, “per affrontare l’uso e la proliferazione di armi chimiche” di cui naturalmente è accusata Mosca.

Rimane chiaro che l’utilizzo dei bombardamenti al fosforo da parte della coalizione USA in vari paesi, dal Medio Oriente al Nord Africa, come anche quello dell’uranio impoverito (utilizzato anche nella ex Jugoslavia), rimane un uso lecito quando ad usarlo sono gli USA ed i loro alleati.

I nostri rapporti con la Russia, nonostante le dichiarazioni ufficiali di Salvini e di Conte, vengono quindi compromessi ed il danno per le aziende italiane, colpite dalle sanzioni di ritorsione varate da Mosca, risulta ingentissimo (almeno 5 miliardi afferma la Confagricoltura).

Il Goveno italiano di Conte/Salvini/Di Maio, che si proclama a parole “sovranista”, avalla tutto questo e si prostra alle logiche delle centali dominanti di Washington, di Londra e di Parigi in quella che si dimostra la solita incontenibile “libidine di servilismo” caratteristica della politica estera italiana da oltre 40 anni e più.

20 Commenti

  • Alfvanred
    6 Set 2018

    Spiace molto a doverlo ammettere,ma è proprio così. Al momento stanno deludendo parecchio.

  • Idea3online
    6 Set 2018

    Non hanno deluso, è masochismo credere, però razionalmente Salvini è un bravo politico, ma tra il dire ed il fare c’è di mezzo l’Oceano Atlantico, però tra Roma-Mosca la distanza è di 3.063,9 km, tra Roma-Washington è 7.212 km. L’Europa o parte di essa si farà attrarre dalla Russia, più la Russia si rafforzerà nel Mediterraneo, più l’Europa cederà, in Libia probabilmente in questi giorni c’è lo zampino di Putin, per scoraggiare l’Occidente sia in Siria che Ucraina, e li tiene buoni così….in attesa del momento quando Putin, darà onore a Saif al-Islam Gheddafi…..e macinerà le coronarie dell’Elite Occidentale.

    • nicholas
      6 Set 2018

      speriamo al più presto

    • vaffa vaffa
      6 Set 2018

      Piu che un bravo politico lo definirei un chiappa polli,
      E visto che sei un estimatore dell’imbonitore mi spieghi che fine ha fatto la promessa di rimpatriare 500 000 glandestini,
      Perche x adesso ha programmato di rimpatriarne 900 in tre anni,
      Direi che sono un po pochini, non trovi?

      • redfifer
        7 Set 2018

        Visto il commento, illuminami… se questi sono acchiappa polli in solo tre mesi di attività, i precedenti con decenni di furbate fatte sulle spalle degli italiani come li definisci “fotti italiani” o cosa?

      • Robyt
        7 Set 2018

        La masdoneria finanziaria è troppo forte per questi schemi. Spiega tu come faresti mentre la mafia siciliana attraverso i suoi burocrati togati distrugge la tua persona e gli altri traditori del popolo condannano il tuo partito a morire senza uno straccio di verdetto, per le colpe di una singola persona di un partito che non esiste più. La raggi entro un anno è stata subito indagata. No potrei continuare all’infinito, i 5s purtroppo prenderanno il posto dei servitori che c erano prima, i pdioti, se non combineranno casini con gli amici degli amici. Francamente se questo governo salta chi mai fermerà questa invasione e ridarà il tempo di respirare a un popoloormai schiacciato e assistito dalle banche internazionali per l’eutanasia di massa?

  • nicholas
    6 Set 2018

    Quindi non abbiamo più speranze di acquisire,almeno un pò, di sovranità nazionale.
    Siamo fritti!!!!!!

  • Luca Z
    6 Set 2018

    Ma che cavolo vi aspettavate, che al “pronti, via!”, questi spaccavano con la Ue?
    Certe cose hanno bisogno di anni ed anni per essere fatte, oltre ad una convergenza di opinioni con altri importanti Paesi, come Germania o Francia.
    Io sono contento che Di Maio e Salvini (quest’ultimo da me votato), non si siano rivelati dei pazzi suicidi, dei kamikaze.
    E’ da fuori di testa pensare che un progetto, quello della plutocrazia atlantica, portato avanti da decenni, possa essere rovesciato in pochi mesi.

    • Robyt
      7 Set 2018

      Concordo. Però le cose si mettono male man mano che la manovra finanziaria si avvicina, prevedo qualche ministro salterà. Se non il governo.

  • Fabio Franceschini
    6 Set 2018

    Vorrei ricordare al nostro l.l. che tra il dire e il fare notoriamente c’è di mezzo il mare!

  • redfifer
    6 Set 2018

    Che vi piaccia o no il mondo non è una entità in costruzione, ma purtroppo una entità costituita in cui ci sono entità nazionali che hanno più importanza di altre, e quindi non c’è da meravigliarsi se per poter contenere taluni bisogna allearsi con altri.

    Chi è che oltre all’attuale governo italiano sta facendo la guerra alla Germania, l’America? Diventa cosi naturale che per non rimanere soggiogati alla Germania, l’Italia si trovi a dover appoggiarsi a chi più grande di lei sia poi capace di abbattere il muro che la sola Italia non ce la farebbe mai ad abbattere, è per questo e non per nulla che il Governo italiano pur di non continuare a dipendere deve prendere posizione o la piccola voce grossa che prova questa a fare rimarrà inascoltata e non a caso si definiscono poi alleanze,, quelle che piccoli stati fanno con quelli più grandi e si presume capaci.

    Stare ora a sindacare sul fatto che tale governo nato con una specifica per poterla attuare sia quasi obbligato a fare qualche riverenza, dimostra non sudditanza ma ignoranza da parti di chi si avvale della critica, più che della mera intelligenza che non fa certo difetto all’attuale governo,semmai ai tanti che pur senza aver capito come funziona la politica, pensano di risolvere i problemi come quando erano ragazzini ai giardinetti, incapaci di capire che i grandi prevalevano sui piccoli, rimanevano esclusi poi dal giocare a pallone assieme agli altri.

    Articoli come questo sono la dimostrazione pratica che, non solo chi scrive non ha una mente critica, ma altrettanto chi legge a sua volta critica senza aver capito!

    • mosca tze tze
      6 Set 2018

      Ottima analisi

  • mosca tze tze
    6 Set 2018

    Forse che forse all’articolista è sfuggito un piccolo particolare
    L’italia ha dico ha perso una guerra e da allora siamo diventati una colonia, niente di tragico direte,
    Ma di fatto la sovranita ce l’hanno altri,
    Premesso questo, partendo dal governo berlusconi prodi dalema berlusconi lega letta renzi e il patto del nazzareno con berlusconi hanno fatto a gara a chi regalava piu sovranita ora alla francia ora alla Germania ora all’inghilterra, e dopo decenni di disastri dive non c’è piu niente che funzioni voi pretendete che questa compagine di governo che ha tutti i centri di potere contro in appena 3 dico 3 mesi metta in campo esercito armi e cannoni e spiani il mondo?
    Forse sarebbe bene che prima ci spiegaste che roba vi fumate.

    • Animaligebbia
      6 Set 2018

      Aspettiamo le elezioni europee e vedrete come la musica cambiera’.La fatiscente baracca ue crollera’ miseramente e i popoli europei cominceranno a vedere oltre la cortina di menzogne che ci ha intossicato negli anni.

      • atlas
        8 Set 2018

        ci vuole tempo. E resistenza. Penetrare i gangli vitali delle pubbliche amm.ni di cui anche i servizi di sicurezza (contigui alla nato) non solo la magistratura, fanno parte, è indispensabile per la sopravvivenza o si muore. I danni creati dalla P2 sono quasi cronici, le metastasi hanno colpito ovunque, non si rimuovono in pochi mesi (in cui peraltro si è aggrediti continuamente e in ogni forma). Basti pensare che contro Foa alla rai si sono mossi i suoi ‘alleati’ …

        articolo che non mi convince. Per niente

  • Mardunolbo
    7 Set 2018

    Mah, come persona entusiasta del nuovo governo, mi aspetterei comunque più delle grandi parole offerte al popolo. I proclami di nazionalizzazioni oppure di reimbarco di clandestini o di riduzione di tasse, paiono sempre più delle grida per imbonire il popolo, più che frasi dettate da validi motivi supportati dalle leggi in vigore !
    Capisco che le modifiche da farsi in questa Italia massacrata da decenni, siano tante, ma una delle prime è sostituire i traditori nominati dai precedenti governi, con altri . Quando, dove e come si farà ? Perchè se non si sostituiscono gli ammiragli che pensano a sinistra(come successe qualche giorno fa con la riconferma dell’ammiraglio della Guardia Costiera) col cavolo che si ottiene obbedienza alle direttive ministeriali !
    Questo è quanto ci si aspetta dal nuovo governo dei tre mesi….Quando ,dove e come le sostituzioni ? Il resto che viene emanato giornalmente dai social (dato che tv e giornali non sono “accondiscendenti”) sono solo parole,parole per modificare senza atti pratici ed incisivi.
    La riconferma delle sanzioni alla Russia, cosa è ? Un’astuta mossa per ingannare il resto d’Europa ? Non diciamo cretinate: è un asservimento senza nessun costrutto e senza nessuna furbizia nascosta ! Perchè fu fatto ? Quale strana ragione politica ? Nessuna ! Questa è la realtà e mi spaventa molto Salvini che con sicumera afferma che con le elezioni europee cambierà tutto: tutto cosa ? Bisogna aspettare perchè ?
    Se non si comincia a cambiare ora, impostando una politica estera forte, sia facendo le necessarie “epurazioni” nei ministeri, non si cambierà nulla. E mi fa paura, pure, sapere che Salvini vuole dotare la polizia pure dei “taser” a scarica elettrica : vuole dotare la polizia (che è sempre quella, con gli stessi dirigenti,nessuno cambiato) di ancor più armi ! Invece di agire sulla magistratura che ostenta la sua ideologia politica in tutti i modi e che annulla le azioni di polizia ,quando ci sono, si danno ancor più strumenti di aggressione contro i cittadini ….ma è intelligente ?
    E’ prudente stuzzicare la magistratura dicendo “io non voglio immunità parlamentare, processatemi pure !” E’ responsabile degli elettori un politico che si espone ad un processo, mentre avrebbe tantissimo da fare (se fosse coerente con gli impegni assunti) senza essere imbarcato in processi ?
    Lascio ad altri ogni risposta sensata su come agisca con logica il politico Salvini.

  • Max
    7 Set 2018

    Unica via Comitato Liberazione Nazionale Veneto.
    Siamo gli unici che stanno applicando le leggi internazionali
    Relative all’autodeterminazione dei popoli e la decolonizzazione.

  • songanddanceman
    7 Set 2018

    Il problema è che Noi Italiani non abbiamo alternative .
    Dopo aver cacciato i traditori della Patria del PD ,
    credevamo che le promesse sovraniste del M5st.&Lega
    potessero liberarci dal giogo EUROpeista ,
    invece questi , dopo le promesse elettorali,
    hanno fatto un’inversione ad “U” su tutto
    (tranne , pare, sul problema dell’invasione dall’africa ).
    Adesso che anche questo governo si è dimostrato
    un bluff ( ad essere meglio di quello del PD non ci voleva molto )
    non sappiamo più a che maniglia aggrapparCi
    per non essere dei colonizzati e riprenderCi la N/S. libertà .
    p.s.: Al limite ci sarebbero un paio di parti-tini ,
    attualmente fuori dal parlamento ,
    che hanno nel programma l’uscita dall’EUROzona & UE
    ma sono senza mezzi e senza nessun media a favore
    e con poche personalità di rilievo ( tipo ad es. l’econ. A.Micalizzi o l’avv. M.Mori ).

  • sto diventando nazionalista
    7 Set 2018

    Ricordiamoci sempre che siamo una colonia americana, siamo proprietà della massoneria ebraica e delle loro banche. Siamo terra da pascolo e noi siamo le pecore da tosare.
    Di cosa stiamo discutendo? Mi aspettavo almeno l’onore delle armi. Piuttosto che crepare di inedia con il calcagno degli invasori americani sulla faccia
    e il giogo dei sionisti sulle spalle, avrei preferito un moto di orgoglio: legge marziale, arresto di tutti i proprietari privati della banca d’Italia, presa con la forza delle ex-industrie di stato, blocco dei conti corrente con reintroduzione di una moneta sovrana. Il tutto sarebbe costato vite civili, ma preferisco un mese di disastri sociali a questo lento stillicidio.

Inserisci un Commento

*

code