Gli USA vogliono distruggere la Siria

placeholder

All’alba di venerdì 26 febbraio, un raid americano ha preso di mira una posizione in Siria al confine con l’Iraq, con l’autorizzazione di Joe Biden.

“Su ordine del presidente Joe Biden, l’esercito americano ha effettuato attacchi aerei contro una struttura usata dalle milizie sostenute dall’Iran nella Siria orientale”, ha detto il portavoce del Pentagono John Kirby, in un comunicato stampa.
Secondo lui, questi attacchi sono stati effettuati “in risposta a diversi attacchi” effettuati contro obiettivi americani in Iraq e diversi edifici sono stati distrutti.
La televisione libanese di notizie al-Mayadeen Tv ha riferito di un martire nelle file delle brigate Hezbollah irachene e di un certo numero di feriti.

Questi attacchi sono stati decisi per indicare che gli Stati Uniti desiderano punire le milizie senza vedere la situazione evolversi in conflitto, ha spiegato un rappresentante ufficiale americano, parlando a condizione di anonimato, riferisce l’agenzia russa Sputnik.

Da parte sua, la Russia ha condannato fermamente questi attacchi aerei americani, assicurando di non essere stata informata dell’attacco fino a 5 minuti prima della sua esecuzione.

“Gli Stati Uniti hanno informato l’esercito russo 4-5 minuti prima degli attacchi contro la Siria, per evitare attriti, ma è inutile”, ha detto il ministro degli Esteri Sergei Lavrov. Ha rivelato di avere informazioni secondo le quali “gli Stati Uniti non intendono lasciare la Siria e vorrebbero distruggere questo Paese”.

Ha proseguito: “Questo riguarda certamente l’aspetto militare della questione. Ma questo non deve in alcun modo essere separato dal fatto che gli Stati Uniti si trovano illegalmente in Siria, in violazione di tutte le norme del diritto internazionale, comprese le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza sull’insediamento della Repubblica Araba Siriana ”.

Secondo Lavrov, “a livello diplomatico e politico, dovrebbero essere ripresi i contatti e speriamo che la nuova amministrazione formi presto le sue squadre”.
“Chiediamo il rispetto incondizionato per la sovranità e l’integrità territoriale della Siria. Riaffermiamo il nostro rifiuto di qualsiasi tentativo di trasformare il territorio siriano in un’arena per regolare i conti geopolitici “, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

Il portavoce di Vladimir Putin ha detto che Mosca sta monitorando da vicino la situazione causata dagli attacchi, pur rimanendo in contatto permanente con Damasco.

Siria: Desolazione e d effetti dei bombardamenti

Secondo il presidente della commissione per gli affari esteri della Duma, Leonid Sloutsky, gli attacchi missilistici contro la Siria sono un segno che l’amministrazione Biden continuerà la politica di Barack Obama, che inciderà negativamente sulla stabilità in Siria.
“Biden segue Obama, colui che ha acceso la fiamma della guerra in Siria per cambiare il governo al potere che Washington rifiuta. È chiaro che la pace sul suolo siriano e la lotta al terrorismo non sono tra le priorità della nuova amministrazione americana ”, ha sottolineato.
Secondo lui, nel raid aereo, combattenti di formazioni filo-iraniane sono stati uccisi mentre combattevano a fianco delle forze governative siriane contro i gruppi terroristi.

Distruzioni in Siria, dopo 10 anni di guerra. Il paese è sottoposto anche a embargo e sanzioni da USA e UE, mancano cibo emedicuinali per la popolazione.

In precedenza, il presidente della Commissione internazionale del Consiglio federale russo Constantin Kosachev aveva indicato che il comportamento americano in Siria potrebbe peggiorare la situazione nella regione e mettere a repentaglio l’accordo nucleare.
In Iraq, il vice membro del Comitato per la difesa e la sicurezza in Parlamento, Katea al-Rokabi, ha assicurato che il raid americano nella Siria orientale non ha causato perdite, definendolo un atto inammissibile.

Negli Stati Uniti, il deputato Ran Paul ha criticato violentemente il raid americano definendolo su Twitter “una stupida avventura militare”, considerando che il fatto “di trascinare gli Stati Uniti nella “guerra civile” siriana (guerra per procura n.d.r.), rappresenta un grosso errore”.

fonte: https://french.almanar.com.lb/

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus