APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Gli USA si preparano ad attaccare nuovamente la Siria

Dichiarazioni del segretario di Stato USA John Bolton: “Attaccheremo più duramente se Damasco utilizza le armi chimiche”.
“Washington è disposto a rispondere con una azione militare più forte di quella già lanciata nel passato contro il regime di Bashar al-Assad”, se quest’ultimo utilizzerà armi chimiche, lo ha dichairato il consigliere alla sicurezza John Bolton.
Nel frattempo un funzionario russo ha assicurato che sono entrate nuove forze aeronavali USA nel Golfo Persico con l’obiettivo di attaccare la Siria. Si tratta del distruttore USA The Sullivan e del bombardiere strategico B-1B.

Dal Ministero della Difesa Russo si informa:

Gli Stati Uniti e i loro alleati stanno preparando nuovi attacchi aerei in Siria, lo ha dichiarato il ministero della Difesa russo, aggiungendo che i miliziani appoggiati dagli USA sono pronti a organizzare un attacco di armi chimiche per incastrare Damasco e fornire un pretesto per i bombardamenti.
L’attacco chimico sarebbe utilizzato come pretesto per attacchi aerei statunitensi, britannici e francesi su obiettivi siriani, come ha riferito il portavoce del ministero della Difesa russo, generale Igor Konashenkov. L’unità navale USA, “The Sullivans”, un Aegis guidato da un cacciatorpediniere di classe Arleigh Burke, era già stata schierato nel Golfo Persico un paio di giorni fa, ha aggiunto.

Il cacciatorpediniere ha a bordo 56 missili da crociera, secondo i dati del ministero della Difesa russo. Un US Rockwell B-1 Lancer, un bombardiere supersonico equipaggiato con 24 missili da crociera, è stato schierato anche alla base aerea del Qatar, a Al-Udeid.

Sembra sia stato il Consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton a chiedere ad Al-Qaeda di organizzare più attacchi chimici in Siria
Le provocazioni sono state preparate dai militanti del Fronte Al-Nusra (ora noto come Tahrir al-Sham) nella provincia di Idlib, nella Siria nord-occidentale,

Per mettere in scena l’attacco, alcune  bombole di cloro (sembra otto) sono state consegnate al villaggio vicino alla città di Jisr al-Shughur per l’uso dei terroristi, ha aggiunto. Un gruppo separato di miliziani, preparato dalla società di sicurezza privata britannica Olive, è arrivato anche nella zona. Il gruppo sarà travestito da volontari del gruppo White Helmets e simulerà un’operazione di salvataggio che coinvolgerà la popolazione locale presumibilmente ferita nell’attacco, secondo il funzionario militare.

Secondo il portavoce del Ministero della Difesa, le recenti dichiarazioni del Consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton – in cui ha minacciato di bombardare la Siria – potrebbero essere interpretate come un’implicita conferma di tali attacchi aerei. Il 22 agosto, Bolton ha dichiarato che “… se il regime siriano usa armi chimiche, risponderemo molto forte e dovrebbero davvero pensarci su da molto tempo.”

Portaerei USA

Ad aprile, Stati Uniti, Regno Unito e Francia hanno scatenato una campagna di bombardamenti sulla Siria. I raid aerei sono stati effettuati in risposta a un presunto attacco di gas a Douma il 7 aprile, per cui l’Occidente aveva incolpato del governo di Bashar Assad. L’operazione era iniziata ore prima che una squadra dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) raggiungesse la città.

A quel tempo, le difese siriane vennero mobilitate per respingere circa 103 missili da crociera e missili aria-terra lanciati contro obiettivi civili e militari dal trio occidentale. Le difese erano riuscite a intercettare almeno 71 missili, come aveva riferito il ministero della Difesa russo al momento dell’attacco.
Anche il quel caso si era dimostato che l’attacco chimico era una provocazione (“false flag”) predisposta appositamente dal gruppo dei White Elmets, un gruppo sovvenzionato dai servizi di intelligence britannici che risulta in stretto collegamento con i terroristi. Un gruppo che agisce su comando della coalizione USA per fabbricare i pretesti che possano giustificare gli attacchi della coalizione USA in Siria.

Fonti: Hispan Tv  Al Masdar News   RT News

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

*

code

  1. Mardunolbo 4 settimane fa

    Si sente già il sibilo dei Serpenti Uniti per la distruzione…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Anonimo 4 settimane fa

      Presto le cose cambieranno.
      Da serpentiUniti
      A vermiUniti

      Rispondi Mi piace Non mi piace