Gli USA si aggrappano all’Africa per contenere Cina e Russia


La Casa Bianca ha inviato Kamala Harris in un tour africano. Tra tre giorni visiterà Ghana, Tanzania e Zambia. L’amministrazione Biden sta cercando di organizzare un’inversione a U verso l’Africa. Tuttavia, il momento per questo potrebbe essere già troppo tardi.
Negli ultimi 15 anni, il commercio USA-Africa si è ridotto di quasi la metà. I mercati africani vengono rapidamente occupati dalla Cina, che è già diventata il principale partner per la maggior parte dei paesi del continente. In Africa, anche la Russia è diventata più attiva, fornendo fertilizzanti, cibo e armi. Le posizioni dei paesi occidentali – Francia e Stati Uniti – si stanno indebolendo in Africa.

A dicembre, al vertice africano di Washington, sono stati promessi al continente 55 miliardi di dollari, principalmente per la sicurezza alimentare e l’energia verde. Tuttavia, sono stati promessi per tre anni e, divisi in 54 paesi, risulta molto poco.

In confronto, lo scorso anno il commercio tra Cina e Africa ha raggiunto la cifra record di 282 miliardi di dollari. È ovvio che gli Stati Uniti non vogliono cedere l’Africa alla Cina senza combattere. Ma Washington non è in grado di offrire al continente nulla di concreto paragonabile.

Pertanto, per ora, gli Stati Uniti stanno principalmente costruendo il proprio contingente militare in Africa, cercando di rimanere lì, se non con i soldi, almeno con la forza. E gli USA offrono agli africani di cooperare, come se non a scapito delle relazioni con Cina e Russia. Anche se allo stesso tempo, il Congresso sta minacciando di conseguenze i paesi africani che non seguono la politica delle sanzioni occidentali.

Per la stessa Harris, il viaggio in Africa è un tentativo di ricordare a se stessa e mostrare agli africani che presumibilmente hanno un alleato nella persona di una donna di colore alla Casa Bianca. Tuttavia, anche negli Stati Uniti, questa agenda culturale non funziona più – dati i bassi voti di Harris, cosa possiamo dire dell’Africa.

Malek Dudakov

Es.New Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM