Gli USA minacciano la Cina per la questione del Mar Cinese meridionale

Gli Stati Uniti hanno minacciato di imporre sanzioni alla Cina per le accuse di sfruttamento delle risorse marine da parte di Pechino nella maggior parte del Mar Cinese Meridionale.

Il massimo diplomatico americano per l’Asia orientale ha dichiarato martedì che Washington potrebbe rispondere con sanzioni contro i funzionari e le compagnie cinesi coinvolti in quella che ha affermato di essere la “coercizione” nel Mar Cinese Meridionale. Washington non riconosce la sovranità cinese sulle isole di questo mare, cosa che ha motivato vari incidenti navali e aerei.

“Niente è fuori dal tavolo … C’è spazio per quello. Questa è una lingua che i cinesi comprendono: azione dimostrativa e tangibile “, ha dichiarato David Stilwell, sottosegretario di Stato per l’Asia orientale, a un gruppo di esperti di Washington quando gli è stato chiesto se le sanzioni sarebbero state una possibile” risposta “da parte degli Stati Uniti al Azioni cinesi.

La minaccia di Stilwell è arrivata il giorno dopo che gli Stati Uniti hanno respinto la richiesta della Cina di sfruttamento delle risorse offshore nella maggior parte del Mar Cinese Meridionale come “completamente illegale”.

All’inizio della giornata, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian aveva condannato il rifiuto degli Stati Uniti di riconoscere la sovranità cinese, invitando Washington a interrompere le sue azioni volte a compromettere la pace e la stabilità in questa regione. .

“Gli Stati Uniti sono il paese distruttore e quello che mina la pace e la stabilità regionali. La comunità internazionale lo vede molto chiaramente “, ha detto Zhao in un briefing regolare.

“Suscita intenzionalmente la controversia sulla rivendicazione della sovranità marittima, distrugge la pace e la stabilità regionali e agisce in modo irresponsabile”, ha aggiunto il portavoce.

Gruppo navale US. Navy

“Come paese al di fuori della regione, gli Stati Uniti, per interessi egoistici, non vedono altro che instabilità nel Mar Cinese Meridionale e fanno tutto il possibile per causare problemi lì, danneggiare le relazioni tra i paesi della regione e La Cina e interrompe gli sforzi della Cina e dei paesi dell’ASEAN per mantenere la pace e la stabilità nel Mar Cinese Meridionale “, ha affermato Zhao, riferendosi all’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico.
Gli USA e la Cina stanno sempre più scivolando verso la guerra fredda che rischia di coinvolgere gli altri paesi delle Regione.

Fonte: premere TV

Traduzione: Luciano Lago

6 Commenti

  • fabrizio cruzzu
    16 Luglio 2020

    la Cina predatrice ed insaziabile è tempo che sta sfruttando anche il mar mediterraneo. Oltre a questo i pescherecci sono militarizzati e costituiscono un problema generalizzato

  • eusebio
    16 Luglio 2020

    Speriamo che si cominci a sparare, le vecchie carrette tuttoponte ammereCane vecchie di mezzo secolo ormai servono solo per il tiro al piccione dei missili ipersonici antinave russo-cinesi, l’unica recente, la Gerald Ford, è stata costruita con i cessi che non funzionano, per dire quanto gli yankee sono a corto di fondi e con la filiera industriale distrutta.
    Ormai solo il mainstream sionista crede che gli USA siano ancora una grande potenza, quando prendono sganassoni da tutti, e non sono più in grado di difendere nessuno.

  • Monk
    17 Luglio 2020

    La Cina inizia ad essere pericolosa e i filo-cinesi non hanno capito proprio una mazza: tre mostri: Giudei, Deep State americano e cinesi

    • atlas
      17 Luglio 2020

      questa volta sono perfettamente d’accordo con te. La Cina alleato militare della Russia, bene per straziare gli odiati giudeo-ameri cani. Ma dopo con questi idolatri dagli occhi a mandorla si dovranno fare i conti, saranno un pericolo per il mondo intero, maglio la Russia cristiana e con tanti Musulmani veri al suo interno che non sono nè slafiti nè wahhabiti a comandare

      Putin è l’uomo che più si avvicina alla perfezione

  • Aureliano71
    18 Luglio 2020

    Mi sembra che fra USA e Cina sia chiaro chi è l’aggressore e chi l’aggredito. Questo non vuol dire che mi senta filo-cinese ma quanto meno riconosco alla Cina di muoversi all’interno dei trattati internazionali (che non sono certo fatti per garantire giustizia e autonomia ma comunque costituiscono un piccolo argine). Gli USA no, hanno iniziato a stracciare trattati scritti da loro stessi dai tempi del grande sterminio dei nativi americani e da allora non hanno mai smesso.
    Unica risposta possibile l’invio di una flotta cinese a protezione delle coste venezuelane, armata di testate nucleari puntate direttamente sulle maggiori città americane. Gli USA capiscono solo questo linguaggio.
    PS: distinguere Cina e Russia dicendo che la Cina è male e la Russia è bene è puro esercizio di fantasia, i due paesi hanno un’alleanza di ferro e si muovono in modo coordinato.

    • atlas
      18 Luglio 2020

      ora

      ma le cose possono cambiare. Razze diverse, culture diverse, religioni diverse, spiritualità diverse, animosità diverse e poi ci saranno interessi diversi

      infatti si dovrebbe guardare alla luna e non al dito

Inserisci un Commento

*

code