Gli USA istigano la guerra civile in Venezuela


Clamorosa interferenza USA negli affari interni di una paese latinoamericano
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha riconosciuto il leader dell’opposizione del Venezuela, Juan Guaido, come presidente ad interim, in una mossa provocatoria contro il governo eletto di Nicolas Maduro.
“Oggi, riconosco ufficialmente il Presidente dell’Assemblea nazionale venezuelana, Juan Guaido, come presidente ad interim del Venezuela ” , ha dichiarato Trump in una dichiarazione pubblica.

Lo stesso Trump ha definito il governo di Maduro come “illegittimo” e ” direttamente responsabile di ogni minaccia” posta al popolo venezuelano.

Trump ha aggiunto che avrebbe usato ” tutto il peso del potere economico e diplomatico degli Stati Uniti per premere per il ripristino della democrazia venezuelana” e ha incoraggiato altri governi nell’emisfero occidentale a riconoscere anche Guaido.
In un tweet, il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha affermato che la decisione di Guaido di dichiararsi presidente ad interim è “coraggiosa” e ha detto che gli Stati Uniti sosterranno i suoi sforzi per ” istituire un governo di transizione” e prepararsi per elezioni “giuste ed eque” .
Guaido, che è attualmente il presidente dell’Assemblea nazionale, ha sostenuto un giuramento e si è dichiarato presidente ad interim mercoledì mentre migliaia di persone sono scese in piazza per chiedere a Maduro di lasciare l’incarico.
Trump ha costantemente esteso le sanzioni economiche contro il Venezuela negli ultimi mesi mentre dichiarava un sostegno costante per il popolo venezuelano. Le sanzioni sono state pesantemente criticate da molti analisti che affermano che il popolo venezuelano è quello che le sanzioni danneggeranno di più.

All’inizio di questa settimana, Maduro aveva chiesto una revisione delle relazioni diplomatiche del Venezuela con gli Stati Uniti dopo che il vicepresidente Mike Pence ha apertamente chiesto un cambio di regime nel paese in difficoltà.

Maduro ha detto che gli Stati Uniti hanno interferito spudoratamente negli affari interni del suo paese e ha respinto il suo ” interventismo imperialista ” che ha detto promosso “instabilità e violenza ” .
Maduro ordina la “revisione totale” dei legami diplomatici tra Venezuela e Stati Uniti dopo che Pence chiede un cambio di regime.
Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha ordinato una revisione delle relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti dopo che la Casa Bianca ha apertamente invitato l’opposizione a unire e rovesciare il “dittatore senza pretese legittime al potere”.
“Basta con le aggressioni e le cospirazioni, ne abbiamo abbastanza!” , Ha detto Maduro, respingendo l ‘ “interventismo imperialista” e aperto richieste di colpo di stato che ha definito senza precedenti nella storia dei 200 anni delle relazioni USA-Venezuela.
“Nessuno in America Latina crede seriamente che il governo degli Stati Uniti sia interessato alla democrazia e alla libertà … perché hanno sostenuto tutte le dittature che abbiamo sofferto in America Latina da decenni”, Atilio Borón, professore di scienze politiche all’Università di Buenos Aires Aires, ha detto RT.
Stanno creando una crisi umanitaria e poi vogliono apparire come quelli che possono risolvere tutti i problemi.

Proteste in Venezuela contro intromissione USA

“Questa è una mossa disperata, perché non possono sconfiggere Maduro alle urne e stanno promuovendo una sorta di insurrezione pubblica che potrebbe ritorcersi contro”, ha aggiunto Boron. “Se vogliono aiutare, la prima cosa che dovrebbero fare è smettere di bloccare le relazioni estere con il Venezuela e altri paesi che sono pronti a vendere i loro beni in Venezuela”.
È così ironico che l’establishment politico degli Stati Uniti abbia gridato al lupo sulla Russia e si sia accusato il presidente Trump di essere in combutta con i russi, ma quando si tratta di politica estera, quando si parla di imperialismo e intervento USA – specialmente l’America latina – c’è consenso tra l’elite dominante nel nostro establishment politico, con il pretesto di diffondere democrazia e libertà “, ha osservato Andrew King, candidato al dottorato di ricerca in politica pubblica presso l’Università del Massachusetts.

Nota: Di tutto poteva avere bisogno il Venezuela, data la crisi economica e sociale che attraversa da tempo il paese latino americano, ma non certo di una aperta istigazione alla guerra civile ed al caos che viene fatta scopertamente da Washington in spregio di tutte le norme internazionali. La smascherata azione di interferenza degli USA e le tante azioni di sobillazione fatte in precedenza ricordano da molto vicino l’operazione fatta a Maidan in Ucraina nel 2014 con il golpe sobillato da USA e Germania. Andando più indietro nel tempo, ci sono molte somiglianze con il golpe sobillato da Washington in Cile che portò al potere il generale Pinochet. Cambiano i tempi e le forme di intervento ma il modo di operare di Washington rimane sempre lo stesso per assicurarsi il dominio nella regione che considera il suo “patio trasero” (cortile di casa) e dove deve imporre i suoi interessi tramite governi fantoccio. Sarà Juan Guaido il prossimo fantoccio degli USA in America Latina?

Fonte: RT News

Traduzione e nota: Luciano Lago

7 Commenti

  • atlas
    24 Gennaio 2019

    a quei ‘dissenzienti’ venezuelani gli farei venire la ‘dissenteria’

  • atlas
    24 Gennaio 2019

    ultim’ora: Trump ha dichiarato espressamente che se Maduro userà la forza per gli usa tutte le opzioni sono aperte. Bene, con base permanente subito mezzi e uomini Russo Cinesi in Venezuela allora. Puntati direttamente contro gli ameri cani. Non ci si può assolutamente permettere un danno così grande a quegli interessi. Succeda quel che succeda. Tanto quel che deve succedere è solo rimandato

  • josey wales
    24 Gennaio 2019

    Previsioni del tempo , zona caribe.

    Maduro ,giustamente ,dopo gli ultimi eventi ha dato 72 ore di tempo alla rappresentanza diplomatica usa
    per lasciare il paese..
    Gaido subito dopo la sua proclamazione ha dichiarato che non avrebbe consentito espulsioni delle rappresentanze
    diplomatiche dal paese.
    Voila’ il pretesto e’ gia’ pronto, se Maduro fara’ sgomberare con la forza le ambasciate usa, ci saranno scontri tra
    chavisti e golpisti, forse qualche funzionario o dipendente dell ambasciata sara’ ferito ,o ucciso, a quel punto
    Trump avra’ un pretesto per giustificare davanti all opinione pubblica americana un intervento usa .
    Nb. tutti i paesi latinoamericani ,ad eccezione di bolivia e messico hanno riconosciuto ,la presidenza Gaido
    Entro due o tre giorni show down..

  • Idea3online
    24 Gennaio 2019

    Cambiano i tempi e le forme di intervento ma il modo di operare di Washington rimane sempre lo stesso per assicurarsi il dominio nella regione che considera il suo “patio trasero” (cortile di casa) e dove deve imporre i suoi interessi tramite governi fantoccio. Sarà Juan Guaido il prossimo fantoccio degli USA in America Latina?

    Cambiano i tempi e le forme di intervento ma il modo di operare della Russia potrebbe cambiare per assicurarsi il dominio nella regione che considera il suo “patio trasero” (cortile di casa) e dove deve imporre i suoi interessi tramite un Presidente eletto. Chi Sarà il Presidente della Russia in Ucraina?

  • Idea3online
    24 Gennaio 2019

    La Russia potrebbe rispondere in modo simmetrico, attivare il controllo dell’Ucraina, in Libia. Ed tutelare i confini a Est ed a Sud della Russia e destabilizzare l’Europa. Applicando il ragionamento del Cortile di Casa, l’Europa è il cortile di casa della Russia. Gli USA hanno apertamente dimostrato quello che nel passato era impensabile, come se avessero senza mezzi termini fatto vedere la mano che tira le pietre…….hanno alzato il livello di scontro, in Ucraina sono stati più eleganti, altri Tempi, periodo terminale del Mondo Unipolare, adesso gli USA, si mettono in gioco senza utilizzare teste di legno. La Russia approfitterà della situazione, per rivendicare apertamente quello che desidera. In poche parole gli USA hanno azionato una marcia in più verso la fase HARD della Terza Guerra Mondiale.

  • josey wales
    24 Gennaio 2019

    Deception strategy

    Risulta evidente come le elite’ abbiano creato uno scenario di scontro ,tra’ quelli che il main stream mediatico
    dipinge come leder populisti/nazionalisti

    Trump/ Putin e tutto il corollario di capi di stato che vengono descritti come appartenenti a tale categoria.
    Maduro nel caso specifico, , Lo scontro artatamente progettato , sara’ attribuito all irresponsabilita’ sciovinista
    nazionalista ed antiglobalista di tali capi di governo.
    Al fine della giostra tutto il circo mediatico ,cantera ‘in coro ,che l unica alternativa pacificante , e’ quella di’ un governo mondiale.
    Stavolta gestito non da politici irresponsabili ma’ da’ tecnocrati ,
    Menti raffinate. le definiva uno che fu’ fatto saltare in aria.

  • atlas
    25 Gennaio 2019

    vabbè, ma gli usa hanno ragione a non volere Maduro che è un dittatore socialista e non democratico: non è all’altezza di Pinochet …

Inserisci un Commento

*

code