"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Gli Usa evacuano comandanti dell’ISIS da Deir Ezzor

Nella provincia di Deir Ezzor, gli elicotteri della coalizione a guida Usa continuano ad evacuare comandanti e personalità di spicco dell’Isis; il sito al-Ahd ha reso noto che due elicotteri della coalizione hanno effettuato un’operazione di evacuazione nella regione di Kab al-Mala, nei pressi del villaggio di Bu Leil, a sudest di Deir Ezzor. Ad essere prelevato, insieme ai suoi beni, è stato un comandante dell’Isis responsabile del campo petrolifero di al-Tayem; con lui sono stati evacuati altri quattro daesh non siriani con le loro famiglie.

Non è affatto una notizia isolata: il sito web Rudaw in lingua curda, citando fonti locali, ha reso noto che la scorsa settimana elicotteri Usa hanno prelevato un gruppo di terroristi nella regione di al-Souh, a sudovest di al-Masrab, a occidente di Deir Ezzor.

Lo stesso Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, vicino ai “ribelli”, nei giorni scorsi ha affermato che gli Usa avevano condotto almeno 10 operazioni per evacuare con gli elicotteri personale daesh. Secondo diverse fonti, gli Usa stanno evacuando mercenari ed elementi di rilevante importanza, soprattutto coloro che hanno gestito gli ingenti traffici economici dell’Isis, prima che le Forze della Resistenza li catturino.

US Forces in Syria

Col repentino crollo del “califfato”, per gli Usa e i loro alleati è divenuto imperativo far sparire le tracce dei loro molteplici rapporti inconfessabili con i terroristi, prelevando i soggetti con cui hanno avuto relazioni e, se del caso, utilizzandoli altrove per i loro scopi. Una pratica antica per lo Zio Sam, basti guardare a quanto accadde in Vietnam e in tutto il sudest asiatico, e poi via via nella sterminata serie di operazioni più o meno “coperte” che da allora Washington ha intrapreso in ogni parte del mondo.

di Redazione

Fonti  : Il Faro sul Mondo

Sputnik mundo

*

code

  1. mardunolbo 3 mesi fa

    Beh, se sono stati intercettati elicotteri della coalizione dei Serpenti, perche’ non sono stati prontamente abbattuti ?
    “Oh, ci dispiace, forse e’ stato un errore; volevamo colpire l’Isis…!”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Eugenio Orso 3 mesi fa

    Mercenario Usa che scappa, buono per la prossima volta? In quale parte del mondo sarà, la prossima volta?

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. animaligebbia 3 mesi fa

      Afghanistan,Bangladesh,Filippine e chi lo sa?E’ cosi bello viaggiare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. lister 3 mesi fa

        Yemen, Libia, Sudan…e perché no, Italia.
        Le fabbriche di armi ammeregane devono pur campare, no?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Manente 3 mesi fa

    Al nemico che fugge, ponti d’oro, ma un ponte verso l’inferno sarebbe certamente meglio ! A meno di accordi segreti, lasciare a questi criminali la possibilità di salvare al pelle, significa ritrovarseli nuovamente fra i piedi. Qualche missile che abbatta questi elicotteri “per errore”, sarebbe quantomai opportuno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. animaligebbia 3 mesi fa

      Se mi ricordo bene Piero Valleregia aspettava una foto del genere.Finalmente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Eugenio Orso 3 mesi fa

    Per quanto riguarda elicotteri militari americani che, a sud di Deir Ezzor, portano in salvo caporioni isis con tanto di famiglia, ci sono testimonianze ufficiose, anche se non ufficiali di fonte russa o siriana.,
    Lo mette in evidenza anche Stefano Orsi su Saker Italia: http://sakeritalia.it/video/la-grande-battaglia-per-deir-ezzour-sitrep-con-stefano-orsi/

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Aldus 3 mesi fa

    Li tengono pronti per spedirli in Italia, come fecero con i mafiosi siculi, ma questa è una cosa peggiore: sollevandosi l’Italia, semmai ciò avvenga, sobilleranno gli islamici già presenti, faranno entrare in campo generali italioti alla Maugeri antico traditore e servizi segreti servi loro, armeranno i negracci che sono già sbarcati (spesso gente in fuga dalle loro galere, criminali di strada, ecc.), porranno l’ISIS nel Lazio, faranno indire un “governo tecnico particolare per il bene dell’Italia” alias una specie di Batista a più teste, indi muoveranno le truppe dei servi NATO ai confini pronte per intervenire in nome della “democrazia”. La Chiesa si spaccherà in due perché Franceschello si leverà subito a proteggere le mene americane e inglesi e imbrodolare i fedeli rincoglioniti dichiarando che ” nulla sta accadendo, state sereni figlioli” e allora i cattolici più svegli costituiranno un’altra Chiesa in opposizione a questa. Ma gli altri, i Rivoltosi, terranno duro e dall’Adriatico verrà l’aiuto Russo, perché Croazia, Serbia, Ungheria, Cechi e Slovacchi, lasceranno i varchi aperti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Anonimo 3 mesi fa

      Naturalmente, la Russia e’ la nostra ultima speranza (pero’ la vedo dura)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. mardunolbo 3 mesi fa

    Tanto i bastardi americojons stanno traendo gli ultimi respiri da “padroni del mondo”.
    E’ notizia recente che lo yuan e’ salito in modo vertiginoso di quotazione nel mercato finanziario: per forza, sta attuando la politica dello yuan-oro, cosi’ da sbattere nell’angolino il mercato del dollaro !
    Le transazioni iniziate con lo yuan-oro al posto del dollaro, cominciano a fare effetto.
    Manca che quelli di noi hanno risparmi in dollari, spostino, imponendosi sulla banca, sullo yuan, ed il gioco diventa ampio e~d il crollo del dollaro come moneta unica diventa accresciuto e travolgente.
    Nemmeno una guerra li salverebbe dal tracollo.
    E sarebbe la nostra salvezza..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Zerco 3 mesi fa

    Li portano in Birmania

    Rispondi Mi piace Non mi piace