Gli USA alzano la posta nella guerra in Ucraina mentre la Russia gioca a carte scoperte.

placeholder


di Luciano Lago

Dietro la nebbia della propaganda, sempre più persone hanno ormai compreso che la guerra in Ucraina è una guerra istigata e promossa dagli Stati Uniti per indebolire la Russia, sottomettere l’Europa e quindi ridurre la forza derivante dall’alleanza della Russia con la Cina.
Questo spiega l’ostinazione di Washington nel proseguire ad oltranza il conflitto, pompando sempre più armi micidiali all’Ucraina e sabotando qualsiasi tentativo di negoziato.

Il motivo di fondo che guida le azioni delle elite di potere anglostatunitensi è quello di fermare il processo di un mondo multipolare che ormai è partito e si dimostra irreversibile, affossando la vecchia egemonia unipolare degli USA ed il loro Impero fondato sulla violenza e sulla menzogna.
Quello che guida le decisioni dei componenti della élite di guerrafondai di Washington è sostanzialmente la paura del potere crescente nei mercati mondiali e il potere geostrategico della Cina. Con questo si paventa il rischio di perdere i colossali profitti che i grandi gruppi finanziari, banche e corporations, riescono a ottenere con lo sfruttamento delle risorse degli altri paesi e con il sistema delle guerre perpetue che alimentano il colossale apparato militare/industriale/finanziario che si trova al vertice del sistema anglosassone.
Tuttavia il tempo stringe per i neocons estremisti come la triade settaria costituita dalla Nuland, Blinken/Sullivan, i veri decisori della politica estera USA. Questo perché l’economia americana deindustrializzata e finanziarizzata si sta afflosciando, le statistiche truccate dell’amministrazione Biden non raccontano dell’iperinflazione, del debito pubblico fuori controllo, della gigantesca area di non occupati, emarginati ed homeless che superano i 100 milioni di persone e che costituiscono il bacino per l’enorme epidemia di tossicodipendenza che ne fa il paese con il maggior numero di tossicodipendenti al mondo. In sostanza un paese allo sbando, guidato da un piccolo gruppo di pazzi fanatici e millenaristi, gli stessi che vogliono incitare una guerra etnica di annientamento contro gli slavi ortodossi. La NATO serve a questo in Ucraina, a fare terra bruciata e sterminio di massa della popolazione di etnia russa e, in prospettiva, annientare la Russia come Stato e come potenza.

Forze russe schierate

L’escalation è ormai partita, i decisori di Washington alzano la posta e stabiliscono il livello di armi da consegnare ai governanti ucraini, sperando che queste vengano utilizzate all’interno del territorio ucraino e non innescano una risposta russa di ritorsione che porti alla terza guerra mondiale. Le promesse iniziali di non fornire certo materiale bellico all’esercito ucraino, sono diventate menzogne, missili a lunga gittata fino ad arrivare alle bombe a grappolo, immorali e illegali per molti paesi (e per la stessa ONU). L’Ucraina, sconfitta sul campo, mira a colpire il territorio russo per scatenare una reazione e coinvolgere la Nato.
Le uccisioni di civili sono assicurate, anche degli stessi cittadini ucraini, e una cosa è certa: l’esercito russo darà una risposta adeguata all’uso di queste bombe contro di loro.
L’America sta perdendo la guerra per procura, non segue le sue previsioni e aumenta il livello di danno che le armi che fornisce possono causare, con l’impegno scritto dell’Ucraina a non abusarne. Impossibile essere più ridicoli, più cinici e più stupidi di chi presta fede a questa congrega di bugiardi.

La NATO è lo strumento militare ed egemonico di chi detiene il potere negli Stati Uniti. La capacità sanzionatoria, il potere economico e militare risiede negli Stati Uniti, non nella NATO, che è un organismo di complemento per mostrare che c’è un’istituzione che parla con una voce sola, che rappresenta molti e membri diversi che sono sottomessi alle direttive degli Stati Uniti. Il fattore condizionante è l’obbedienza all’egemone, con la certezza che, se non si obbedisce, si rischia una dura punizione e sanzioni, come si vede in Siria, Venezuela, Cuba, Iran e Russia, ma molto più grave in paesi con parte delle popolazioni abituate alla bella vita, al consumo, al turismo e al lusso.

Gli USA sono prigionieri solo delle proprie ossessioni e non accettano compromessi o forme di accordi con quelli che considerano i propri nemici. Quando lo fanno, firmano pezzi di carta che poi stracciano quando a loro conviene. Così è stato per tutti i trattati che hanno firmato in passato. Da ultimo, dopo i finti accordi di Minsk, la Russia e la Cina non hanno alcuna fiducia nei possibili accordi con gli USA, se pure ve ne fosse la possibilità.

Per questo Putin preferisce giocare a carte scoperte e promettere quello che farà: volete attaccare? Noi risponderemo con le nostri armi nucleari, secondo la nostra dottrina militare. Lui non scherza più ma parla, avvisa e poi agisce. Lo aveva predetto fin dal discorso di Sochi del 2007, se pensate di espandere la Nato fino a spingere le vostre basi militari fino sotto le nostre frontiere, noi reagiremo. Gli occidentali non gli hanno prestato attenzione e la Russia ha reagito sull’Ucraina.

Putin avverte l’Occidente
La risposta russa costringerà gli Stati Uniti a dover alzare il livello del materiale bellico consegnato all’Ucraina, autorizzando l’uso di munizioni a carica atomica ridotta o agevolando l’intervento dell’aviazione che ora la rallenta, ovviamente può farlo a fronte di un coinvolgimento diretto della NATO nel conflitto.
Tutto quello che accade sembra obbedire ad una regia che cerca di nascondere l’essenziale e si basa su una finzione alimentata dalla propaganda e manipolazione dei media occidentali.

Tuttavia dall’altra parte del mondo c’è la Cina, interessata a sostenere la Russia e ben consapevole di essere il prossimo obiettivo di una possibile aggressione americana. Così Pechino non si fa abbindolare dalle false promesse degli USA. La Cina grazie all’irresistibile forza della sua economia è naturalmente portata ad egemonizzare l’Asia-Pacifico, ma la sua spinta economica arriva anche all’Africa ed all’America Latina e questo minaccia gli interessi degli statunitensi.
Il mondo sta ormai rifiutando l’egemonia degli Stati Uniti e dell’occidente, I BRICS sono in espansione e stanno rafforzando i loro legami. I vecchi alleati voltano le spalle agli Stati Uniti e si uniscono al blocco capeggiato da Cina e Russia. Il processo multipolare è ormai in corso ed è irreversibile, che piaccia o no agli anglosassoni.

12 commenti su “Gli USA alzano la posta nella guerra in Ucraina mentre la Russia gioca a carte scoperte.

  1. Questo piano malefico proviene dai malefici banksters e serve per distruggere l’Europa e creare un melting pot come voleva il buon kalergi. Chi ci rimette in questo nuovo paradigma sono gli europei. Lo Zar ci dava gas a buon prezzo e loro hanno dato ordine ai loro servi di bucare i tubi. I politici europei ubbidiscono ai piani dell’elite, i banksters maledetti che sono azionisti anche delle banche cinesi e asiatiche. Il piano di distruggere l’Europa va avanti lento ma inesorabile fin dalla creazione dell’eurolager a fine del 900.

  2. Come diceva jacques attali, fedelissimo dei rothschild: cosa credeva la PLEBAGLIA europea che l’euro l’abbiamo creato per la loro felicità?

  3. Perché i banksters vogliono eliminare gli europei? Perché noi siamo stati, siamo stati, i migliori ingegneri, architetti, scultori, pittori musicisti e compositori della storia recente che conosciamo

  4. sentite questa, una bomba: https://t.me/lamiarussia/17915. Vi ricordate della foto di una esplosione nel donbass provocata dai ciuffi, dove la nube veniva dipinta come la dea Kali? L’India poi fece le sue rimostranze perchè quell’articolo di giornale andava ad offendere centinaia di milioni di credenti Hindù. Ebbene ora la dea Kali si vendicherà di persona, i mitici gurkha, i terribili taglia gole spetnaz nepalesi, andranno a combattere con i russi contro chi offese la loro Dea.
    e’ sempre più Oriente versus occidente, satanland verrà sconfitto, W l’ORIENTE, W SERSE!

  5. Sanno che la russia non usa la bomba quindi mandano armi sofisticate e vinceranno a piccoli passi ma sempre avanti.

    1. I soliti commenti “alla Benedetto”. Dobbiamo ringraziare il fatto che la Russia non abbia usato l’atomica…non saremmo più qui a commentare, caro Benedetto. Drogati di meno e vai a fare compagnia a Sarabanda82 su Rainews24

  6. completamente daccordo con riki e tutti i commentatori nonchè il gestore del sito web informativo , calma e saggie verità fattuali vengono descritte. Tuttì’altro all’opposto della vergognosa fanghiglia della propaganda nato dei discorsi e delle dichiarazioni dei policastri e giornalettisti lacchè della rai mediaset : il core business della macchina ue.

  7. No Zelenky No Meloni —- gli italiani sono con i BRICS — sono con le leggi internazionali contro gli abusi golpe corruzioni terrorismi e frodi del Potere Goldfinger USA GB NATO

  8. Gli anglo jankee (e gli europei al guinzaglio) sono alla frutta.
    Hanno die possibilità:
    accettare:
    Il multipolarismo,
    e di avere un ruolo (ridimensionato) nel mondo oppure muovere guerra aperta al blocco (granitico) sino-russo col rischio di buscarle e perdere tutto

  9. vero benedetto e safrabanda ,agari unico account sparaminchiate direttamnete dalle fauci di Rainews 24 , che poi sarabbe Tele Zelensko e le informazione prese dai troll NAFO sui social gestiti sempre dai medesimi….che compagnie intressanti….si per un buon e salutare tso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM