Gli USA allarmati dalle difese elettroniche russe in Siria

ANALISTI STATUNITENSI: I SISTEMI DI GUERRA ELETTRONICA RUSSA SCHIERATI IN SIRIA IMPEDISCONO LE OPERAZIONI DELLA COALIZIONE USA E DI ISRAELE

Nell’aprile 2018, il capo del comando delle operazioni speciali , il generale Raymond Thomas, aveva lamentato che i russi stanno usando le loro capacità di guerra elettronica (EW) in Siria al fine di scoraggiare le azioni della coalizione guidata dagli Stati Uniti.

“In questo momento in Siria operiamo nell’ambiente EW più aggressivo del pianeta creato dai nostri avversari. Ci stanno testando ogni giorno, abbattendo le nostre comunicazioni, disattivando i nostri EC-130, eccetera “, naturalmente Thomas ha finge di ignorare il fatto che la coalizione a guida Usa aveva invaso illegalmente il paese mentre i russi erano in Siria su richiesta del suo governo legale.

Analisti statunitensi: i sistemi di guerra elettronica russa schierati in Siria consentono ad Assad di effettuare attacchi chimici
Il 30 novembre, l’Istituto per lo studio della guerra (ISW), un think tank con sede negli Stati Uniti affiliato con grandi appaltatori della difesa, ha rilasciato una nuova relazione, che lamenta anche la decisione russa di espandere le sue capacità EW in Siria e ripete le osservazioni che ha un impatto negativo sulla situazione nel paese.

In particolare i reprots con indirizzo ISW sui seguenti sistemi ( fonte ):

Krasukha-4: la Russia ha schierato il Krasukha-4 nella base aerea di Hmeimim entro ottobre 2015 [23]. Il sistema è in grado di sopprimere la navigazione satellitare, le reti di comunicazione, i sistemi di preallarme per via aerea e i radar terrestri a distanze fino a trecento chilometri [24]. Secondo quanto riferito, la Russia avrebbe schierato un secondo Krasukha-4 in Siria nel settembre 2018 [25]. Questo sistema è probabilmente posizionato nella base aerea T4 (Tiyas) nella Siria centrale accanto al nuovo battaglione degli S-300.

Leer-3: la Russia avrebbe schierato la Leer-3 (RB-341V) in Siria prima di marzo 2016. [26] Il Leer-3 utilizza veicoli aerei senza equipaggio per bloccare dispositivi mobili come telefoni cellulari e tablet computer in un raggio di cento chilometri. [27] Può anche fornire le coordinate di tiro per la posizione di questi dispositivi per artiglieria e bombardamenti aerei. La Russia potrebbe aver usato questo sistema per interrompere le operazioni dei gruppi di opposizione in vista delle operazioni militari a favore del regime [28]. Probabilmente anche la Russia ha usato il sistema per identificare e individuare strutture collegate all’opposizione come gli ospedali [29].

Zoopark-1: la Russia ha schierato Zoopark-1 (1L219) a Palmyra nella Siria centrale nel marzo 2016. [30] Zoopark-1 identifica l’origine dei colpi di artiglieria nemici per il fuoco contro la batteria. [31] Probabilmente la Russia ha usato questo sistema per sostenere le operazioni a favore del regime per assicurare Palmyra e i giacimenti di petrolio e gas circostanti da ISIS nel 2016. [32]

Moskva-1: la Russia potrebbe aver schierato Moskva-1 (1L267) in Siria. La Russia ha precedentemente implementato questo sistema in Ucraina alla fine del 2015, secondo il ministero della Difesa ucraino. [33] La Russia ha testato altri sistemi di guerra elettronica sia in Ucraina che in Siria, inclusi Krasukha-4 e Leer-2. [34] Moskva-1 fornisce informazioni mirate per aumentare l’efficacia dei sistemi di guerra elettronica contro gli aerei in un raggio di fino a quattrocento chilometri. [35] La Russia avrebbe potuto utilizzare il sistema per proteggere le sue strutture in risposta agli intensi attacchi aerei di Israele in Siria nel 2017.

Tuttavia, l’affermazione più interessante è che i sistemi EW russi sarebbero stati schierati nel paese arabo, secondo il Think Tank, per aiutare Assad “effettuare attacchi con armi chimiche”.

Il think tank scrive:

La Russia punta alla fine a utilizzare le sue capacità tecniche come parte della sua più ampia campagna per forzare il ritiro della coalizione anti-ISIS statunitense dalla Siria. La Russia può usare questi sistemi per ridurre la generale libertà di manovra – e aumentare il rischio complessivo – affrontato dagli Stati Uniti in Siria. Le reti di difesa aerea e di guerra elettronica combinate della Russia aumenteranno il costo delle operazioni aeree e navali da parte degli Stati Uniti in Siria e nel Mediterraneo orientale. Aumenta il costo dei futuri attacchi aerei per dissuadere gli attacchi di armi chimiche dal presidente siriano Bashar al-Assad. Aumenta anche il costo dei futuri attacchi di Israele contro l’Iran in Siria. Gli Stati Uniti e Israele devono essere entrambi pronti a sopprimere un numero maggiore di sistemi di difesa aerea e utilizzare aerei stealth più costosi come l’F-35 in Siria.[42] La Russia è in grado di ottenere un vantaggio strategico a lungo termine rispetto alla NATO attraverso le sue nuove capacità in Siria. Gli Stati Uniti e la NATO devono ora giustificare il rischio di una pericolosa escalation in Medio Oriente in mezzo a qualsiasi scontro con la Russia nell’Europa orientale.

Traducendo in un linguaggio normale, il think tank afferma che le crescenti capacità di EW in Russia e le capacità di difesa aerea siriane hanno un impatto negativo sulla capacità degli Stati Uniti e di Israele di compiere atti di aggressione illegale contro la Siria. La democrazia è in pericolo (secondo loro).

Fonte: South Front

Traduzione: Sergei Leonov

1 commento

  • Orazio
    9 Dic 2018

    Certamente… SECONDO LORO…

Inserisci un Commento

*

code