GLI STATI UNITI UTILIZZANO IL CIRCUITO SWIFT COME UNA SPECIE DI “CLUB” PER LA LORO POLITICA ESTERA: ESPERTO


Secondo Mike Maharrey del Centro per il Decimo Emendamento, i paesi di tutto il mondo che stanno tentando di ritirarsi dal dollaro USA lo fanno per una “questione di autodifesa”, e questo avrà un effetto molto negativo sull’economia statunitense.

Per ridurre il loro uso del dollaro, i paesi dovrebbero evitare l’uso del circuito SWIFT, il più grande sistema di pagamento del mondo, che viene utilizzato da 11.000 istituzioni finanziarie in 200 paesi e che dipende in larga misura dal dollaro.

Maharrey scrive che, mentre lo SWIFT sostiene di essere politicamente neutrale, “è molto ovvio che gli USA e altre potenze occidentali stanno utilizzando lo SWIFT come strumento per la diplomazia economica “.

Maharrey, direttore nazionale delle comunicazioni per il movimento sociale per il Centro Decimo Emendamento , ha spiegato che “gli Stati Uniti hanno utilizzato il sistema SWIFT come una sorta di club del club, come strumento di politica estera.”

L’esperto ha sottolineato che questo è solo un “riflesso naturale” per i paesi che si trovano dall’altra parte di quel ” billy club” per evitare tale situazione e per creare indipendenza per le proprie economie.

L’esperto ha notato che SWIFT ha ripetutamente bloccato l’accesso alle banche russe e cinesi, a causa delle sanzioni statunitensi. Tutto questo ha portato Mosca e Pechino ad adottare varie politiche per la protezione delle loro economie nazionali.

FMI Head quarter

“Sappiamo che la Russia ha creato un proprio sistema di pagamento interno che è diventato molto popolare nel paese. “E stiamo anche vedendo che le banche centrali comprano oro che è un vero denaro internazionalmente stabile al posto del denaro fiduciario creato da tutte queste banche centrali”, ha detto.

Secondo Maharrey, la neutralità politica di SWIFT è la stessa della Federal Reserve statunitense o del Fondo monetario internazionale. “Tutti questi organismi sono strumenti di politica”, ha detto.

L’uso di una “politica interventista straniera da parte di Washington è favorita dalla stampa senza limiti di dollari da parte della sua banca centrale gestita dall’alto”, ha aggiunto Maharrey.


Nota: I paesi che non accettano il dominio degli Stati Uniti non vogliono più essere sottomessi al signoraggio del dollaro e degli strumenti di dominio finanziario che gli USA ed i loro alleati gestiscono secondo il proprio interesse. Questo andrà a creare un ridimensionamento del valore di valuta di riserva per il dollaro con una serie di conseguenze sull’economia USA.

1 commento

  • roberto caria
    3 Luglio 2019

    se non sbaglio IL circuito Swift è entrato in funzione nei confronti dello IOR due mesi prima delle dimissioni di Papa Benedetto XVI….sicuramente una coincidenza

Inserisci un Commento

*

code