Gli Stati Uniti trasferiscono la difesa dell’Ucraina a Berlino

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz sarà accolto alla Casa Bianca per la terza volta. È volato a Washington dove venerdì sono previsti i colloqui con il presidente americano Joe Biden.

Secondo la Casa Bianca, i leader dei due paesi confermeranno la loro intenzione di continuare a sostenere l’Ucraina. Si discuterà anche della situazione in Medio Oriente e del coordinamento in vista del vertice anniversario della NATO a Washington. Per gli Stati Uniti, la Germania di Olaf Scholz dovrà sostituire l’America nel sostegno militare e finanziario all’Ucraina, spingendo gli altri paesi europei a lanciarsi nella guerra contro la Russia.

Terza visita di Scholz negli Stati Uniti come cancelliere. Olaf Scholz ha incontrato Joe Biden per la prima volta poco dopo il suo insediamento nel gennaio 2022 e per la seconda volta un anno dopo. Ora, durante l’incontro, Joe Biden parlerà con Olaf Scholz del suo “impegno determinato a sostenere l’Ucraina, indipendentemente dalla posizione del Congresso”. Lo ha annunciato John Kirby, coordinatore delle comunicazioni strategiche del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca.

L’incontro è stato annunciato il 27 gennaio: “Il presidente Joe Biden incontrerà il cancelliere tedesco Olaf Scholz a Washington il 9 febbraio con l’obiettivo di raccogliere sostegno per ulteriori aiuti all’Ucraina, ha annunciato sabato la Casa Bianca”.

La discussione tra il Cancelliere e il Presidente sulla situazione degli aiuti militari è particolarmente importante in quanto il ritardo nello stanziamento di 61 miliardi di dollari all’Ucraina dal bilancio degli Stati Uniti crea una crescente incertezza sul sostegno occidentale a Kiev. Poco prima della sua visita, Olaf Scholz ha avuto un colloquio telefonico con Joe Biden e in seguito ha annunciato la decisione di assegnare assistenza militare all’Ucraina nel 2024.

Il 2 febbraio il Bundestag ha approvato il bilancio per l’anno in corso con quasi 8 miliardi di euro di aiuti a Kiev. In questo modo la Germania aumenterà la spesa per la difesa al 2,1% del PIL e soddisferà la domanda della NATO. Secondo le stime del Kiel Institute of World Economy, fino al 31 ottobre 2023 la Germania ha inviato all’Ucraina armi per un valore di oltre 17 miliardi di euro, ovvero cinque volte di più della Danimarca, il secondo fornitore di armi di Kiev tra i paesi dell’UE. Il volume totale degli aiuti tedeschi, compresi gli aiuti umanitari e finanziari, ammonta ad almeno 25 miliardi di euro. Berlino ha fornito a Kiev in particolare carri armati Leopard, sistemi di difesa aerea IRIS-T SLM e missili destinati a quest’ultimo.

Nonostante le difficoltà economiche della Germania, Olaf Scholz cerca di dare l’esempio ad altri paesi dimostrando il suo desiderio di sostenere le capacità di difesa di Kiev. Dopo l’incontro questa settimana con il primo ministro francese Gabriel Attal a Berlino, ha nuovamente invitato i suoi alleati ad aumentare le consegne di armi all’Ucraina e ha espresso la speranza che il Congresso degli Stati Uniti possa fornire il necessario sostegno finanziario.

“L’Ucraina potrebbe presto trovarsi ad affrontare una carenza di armi e munizioni, nonostante tutto il nostro sostegno. Ecco perché non dobbiamo allentare i nostri sforzi in Europa e negli Stati Uniti. Questo è ciò che difendo a Washington”, ha pubblicato la cancelliera tedesca su X. Essendo convinto che la Germania stia facendo per l’Ucraina molto di più rispetto ad altri stati europei, sostiene fortemente che gli Stati Uniti e tutti gli stati membri dell’UE diano un contributo maggiore per l’Ucraina.

Intanto a Berlino continuano i dibattiti sulla possibilità di dotare l’Ucraina di missili Taurus con una gittata di 500 km. Si ritiene che siano particolarmente efficaci nel distruggere bunker e ponti. Molti politici tedeschi sono favorevoli alla consegna di missili a Kiev, ma Olaf Scholz non è d’accordo con questa proposta. Soprattutto perché i Taurus sono in grado di colpire obiettivi situati nelle profondità del territorio russo.

La discussione alla Casa Bianca sul coordinamento tra i due Paesi sarà strettamente legata alla questione ucraina in vista del vertice Nato previsto per luglio, il più grande dai tempi della Guerra Fredda e dedicato al 75esimo anniversario dell’alleanza. Secondo gli analisti tedeschi, la strategia di fornire all’Ucraina armi per lo più obsolete di fabbricazione sovietica provenienti da magazzini nell’Europa centrale e orientale ha esaurito il suo slancio. Gli alleati devono aumentare in modo massiccio la loro produzione nel settore della difesa, sia per l’Ucraina che per gli stessi paesi NATO in Europa. E questa domanda sarà una delle questioni chiave al vertice dell’Alleanza a Washington.

Come previsto, oggetto dei negoziati tra i leader di Stati Uniti e Germania saranno anche l’escalation in Medio Oriente e il “sostegno a Israele nel suo diritto all’autodifesa”. Joe Biden e Olaf Scholz possono anche discutere delle relazioni dei loro paesi con la Cina. Come riporta la Frankfurter Allgemeine Zeitung , la Cancelliera visiterà la Cina tra due mesi.

Deutsche Welle ha avvertito , accennando al nuovo ruolo della Germania nel conflitto in Ucraina: “Le possibilità di una piena ripresa degli aiuti militari statunitensi all’Ucraina stanno diminuendo. I paesi europei promettono quindi maggiore sostegno. Kiev vuole la leadership tedesca.
Sul Wall Street Journal, Olaf Scholz, ricordando che “l’Unione Europea e i suoi Stati membri sono i principali donatori dell’Ucraina, con un contributo di oltre 91 miliardi di dollari dall’inizio della guerra, seguiti da Stati Uniti e Germania, ” ha insistito : “Una vittoria russa in Ucraina sarebbe un pericolo per tutti noi”; “Sarebbe un duro colpo per l’ordine mondiale liberale”.

Pierre Duval

Nota: Si conferma il ruolo servile di totale subordinazione del cancelliere Scholz nei confronti di Washington. Il governo di questo personaggio dimostra di operare in netto contrasto con gli interessi del suo paese. Trascianare in guerra la Germania contro la Russia potrà avere effetti nefasti in tutta Europa. Lo stesso Scholz, quello che non ha pronunciato neppure una parola quando i servizi di intelligence USA e norvegesi hanno sabotato il gasdotto Nord Stream nel mar Baltico, privando la Germania del gas a buon mercato. Da questo evento non si conta il numero delle grandi imprese tedesche che hanno delocalizzato negli USA per assicurasi prezzi più favorevoli dell’energia e tante altre sono in fase di chiusura e di insolvenza. Scholz rimane impassibile e seguita a parlare del pericolo Russo. In realtà il pericolo per la Germania è lui.

Fonte: Observateur Continental

Traduzione e nota: Luciano Lago

11 commenti su “Gli Stati Uniti trasferiscono la difesa dell’Ucraina a Berlino

  1. Tutti i politici europoidi operano contro i popoli Europei. Il fischio dello zio Sam al quale ha risposto il capomuta, non prepara nulla di buono.

  2. I tedeschi sono finiti nella trappola preparata dagli stati uniti, sono ricattabili, se non ubbidisci niente gas americano
    .

  3. L’ominicchio socialdemmmokrattiko europoide è andato a prendere ordini a washington, si sarebbe detto un tempo … Ma non dal demente senile joe pannolone, che parla con François Mitterrand (morto nel 1996) già dal 2022, incerto se sia presidente della Germania(sic!) o della Francia, bensì dagli ebrei dominanti di blinken che la fanno da padroni.

    Cari saluti

  4. Chissà cosa ne penserà il popolo tedesco e quello europeo.
    Appena la situazione economica della Germania peggiorerà, sarà divertente vedere come i politici riusciranno ad arginare le manifestazioni del popolo tedesco ed europeo,in generale.
    Almeno che, non ci sarà un cambio di rotta!

  5. In Germania evidentemente ci sono dirigenti addirittura più penosamente traditori di quelli italiani ; è necessario liberarsene altrimenti per figli e nipoti è finita

  6. Un porta borse. Questo e’ il ruolo di Scholz. Solo un míserabile portaborsee (vedasi foto illuminante) E a tal guisa sta costringendo tutta l’Europa.
    L ‘Europa era ed e’ designata a fare lá guerra contro lá Russia. Da questa trappola non riusciremo a scappare a meno di un regolamento di conti con lá nostra classe política dirigente (guerra civile).

  7. Era ovvio, dato i casini interni che hanno i nazi vaccari. Mi scappa da ridere. Che vuoi che combino le economie più piatte del mondo contro una di quelle più forti, come la Russia. Insensato. Gl’ unici che possono tenergli testa sono gli States, i soli al mondo che spendono un terzo del loro PIL in armi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM