Gli Stati Uniti temono l’espansione nucleare della Cina…Un “Déjà Vu” del divario missilistico sovietico

di Finian Cunningham

La Cina sta fornendo l’equivalente allarmismo del “gap missilistico” sovietico al fine di sostenere l’economia capitalista dipendente dai militaristi dell’America.

I resoconti dei media dagli Stati Uniti questa settimana – rigurgitati anche dalla stampa europea – hanno evidenziato le preoccupazioni che la Cina si stia imbarcando in un massiccio aumento di silos sotterranei per il lancio di armi nucleari.

Si presume che centinaia di silos siano in costruzione nelle regioni occidentali dello Xinjiang e del Gansu, secondo i resoconti dei media statunitensi che citano i dati dei satelliti commerciali. Si dice che funzionari militari americani e diplomatici del Dipartimento di Stato abbiano affermato di essere “profondamente preoccupati” per la presunta espansione dell’arsenale nucleare cinese.

Dal canto suo, Pechino non ha ancora commentato le affermazioni di nuovi silos nucleari. Alcuni resoconti dei media cinesi affermano che lo scavo potrebbe essere dovuto a qualcos’altro: la costruzione di parchi eolici su larga scala. Un articolo del Global Times ha respinto le affermazioni degli Stati Uniti come “propagandate”.

Il contesto, come sempre, è cruciale. Tanto per cominciare, i titoli statunitensi sono equivoci e pesantemente squalificati, il che indica che le informazioni sono tutt’altro che conclusive.

Il Wall Street Journal ha riportato: “La Cina sembra costruire nuovi silos per i missili nucleari, dicono i ricercatori”.
Mentre la CNN titolava: “La Cina sembra espandere le sue capacità nucleari, affermano i ricercatori statunitensi in un nuovo rapporto”.

Nonostante la mancanza di informazioni certe che non hanno impedito al Pentagono e ai funzionari del governo di dichiarare di essere “profondamente preoccupati”, aggiungendo così una patina di verità ai rapporti che erano puramente speculativi.

Ecco un’altra considerazione. E se la Cina espandesse il suo arsenale nucleare con nuovi silos? La Repubblica popolare cinese ha una scorta di testate che conta 350 circa. Gli Stati Uniti hanno una scorta di circa 5.550 testate, secondo lo “Stockholm International Peace Research Institute”.

Gli Stati Uniti hanno una potenza offensiva nucleare 15 volte maggiore della Cina. Quindi, anche se la Cina stesse pianificando di raddoppiare il suo arsenale di armi nucleari, secondo il Pentagono, quell’aumento sarebbe ancora una frazione della capacità distruttiva americana.

Potere militare USA

Pechino sostiene che l’onere di ridurre il suo arsenale nucleare spetta a Washington. Gli Stati Uniti e la Russia hanno ripreso i colloqui questa settimana a Ginevra per rinnovare gli sforzi per il controllo degli armamenti, sforzi che sono stati sospesi da Washington ad opera dell’amministrazione Trump. Washington e Mosca – entrambe in possesso di oltre il 90% delle testate nucleari totali del mondo – devono portare avanti i loro obblighi per il disarmo prima che la Cina venga ragionevolmente coinvolta nella discussione, insieme ad altre potenze nucleari minori, come Gran Bretagna e Francia.

Un’altra considerazione per il contesto è l’aumento dell’ostilità degli Stati Uniti nei confronti della Cina. L’amministrazione Biden sta continuando l’agenda aggressiva dei suoi predecessori Trump e Obama. Armare il territorio insulare cinese rinnegato di Taiwan, navigare con navi da guerra nel Mar Cinese Meridionale, diffamare la Cina da parte dei media per le accuse di violazioni dei diritti umani, genocidio, condotta maligna nel commercio, attacchi informatici e pandemia di Covid-19. Tutto questo parla di alimentare il confronto con la Cina e di infiammare l’opinione pubblica statunitense ad accettare la guerra con la Cina.

I funzionari del Pentagono dicono alle udienze del Congresso che considerano la guerra con la Cina una possibilità concreta nel breve termine.

Dato questo contesto, sarebbe ragionevole aspettarsi che la Cina espanda le sue difese nucleari per spostare il calcolo americano dalla contemplazione di una guerra. Il problema non è il presunto accumulo militare cinese. È la criminale politica di ostilità di Washington nei confronti di Pechino ad alimentare il rischio di guerra.

Ma ecco un altro fattore chiave: gli Stati Uniti stanno subendo un aggiornamento da trilioni di dollari del loro arsenale nucleare. Questo fa parte di un programma che è iniziato sotto Obama ed è continuato sotto Trump e ora con Biden. Ciò mette in prospettiva la presunta espansione cinese.
Gli Stati Uniti hanno già un’energia nucleare che fa impallidire quella cinese, eppure gli Stati Uniti stanno espandendo quella che è una minaccia provocatoria per la Cina.

Inoltre, il potenziamento nucleare di Washington della sua triade di sottomarini, missili balistici intercontinentali basati su silos e bombardieri strategici sta andando fuori controllo finanziariamente.

Un recente rapporto del “Congressional Budget Office” imparziale ha avvertito che l’aggiornamento nucleare da trilioni di dollari stava crescendo a dismisura con superamenti dei costi “incredibilmente dispendiosi”. In soli due anni, il costo è stato oltre il budget di $ 140 miliardi e il programma di aggiornamento durerà per un totale di tre decenni.

Questo spreco di denaro dei contribuenti ha portato alcuni legislatori statunitensi a chiedere tagli drastici alla spesa per le armi nucleari. Il senatore Ed Markey e altri hanno denigrato “il nostro gonfiato budget per le armi nucleari”. Dato lo stato fatiscente delle infrastrutture civili americane, l’opposizione popolare alle esorbitanti spese militari è potenzialmente un grave problema politico per il Pentagono e il suo complesso militare industriale.

Bombardieri nucleari B-52

Il clamore dei media statunitensi sulla presunta espansione dei silos cinesi inizia a sembrare un déjà vu del presunto “gap missilistico” con l’Unione Sovietica durante la Guerra Fredda. Negli anni ’50 e ’60, Washington e i media corporativi compiacenti furono animati dai dati della CIA che pretendevano di mostrare che l’Unione Sovietica stava superando gli Stati Uniti nel numero di missili nucleari. Si è scoperto che il “gap missilistico” era inesistente. Ma la paura che ha generato, a sua volta, ha creato l’accettazione pubblica di massicce spese militari da parte di Washington che è diventata strutturale e cronica fino ad oggi.


L’allocazione distorta delle risorse finanziarie è un drenaggio parassitario per la società americana. Qualsiasi mente razionale e democratica aborrirebbe le priorità grottesche.

La Cina oggi sta fornendo l’equivalente allarmismo del “gap missilistico” sovietico di allora per sostenere l’economia capitalista e il complesso militare industriale dipendente dai militaristi dell’America.

Fonte: Strategic Culture

Traaduzione: Luciano Lago

3 Commenti
  • Mario
    Inserito alle 18:27h, 02 Agosto Rispondi

    CINA RUSSIA ULTIMA SPERANZA DI LIBERTÀ….. CONTRO EBREI SIONISTI AMERICANI FECCIA DELL UMANITÀ

  • Giorgio
    Inserito alle 19:37h, 02 Agosto Rispondi

    Solito copione …….. si demonizzano i rivali geopolitici, o anche soltanto i paesi non allineati, per giustificare il proprio imperialismo, mettere in riga gli “alleati” “spaventati” e distribuire somme colossali al complesso militar industriale …….. mentre le infrastrutture civili (sanità, trasporti, scuola ecc.) negli usa sono allo sfascio …..
    E’ il bello della democrazia liberista e del capitalismo globalista …….

  • Luther
    Inserito alle 20:47h, 02 Agosto Rispondi

    Già che schifezza….

Inserisci un Commento