GLI STATI UNITI TEMONO LA CINA, MA ANCORA DI PIÙ LA COOPERAZIONE RUSSO-CINESE

Leonid Savin

La percezione della Cina come concorrente strategico degli Stati Uniti si sta sviluppando tra gli americani da molti anni. Ma ultimamente, ci sono stati segnali che i principali gruppi di riflessione e gruppi che influenzano il processo decisionale stanno iniziando a capire che hanno un’unica strategia.

Nel luglio 2020 è stato creato negli Stati Uniti il ​​China Strategy Group, che comprende un gruppo eterogeneo di esperti e politici, uniti dall’idea comune di contrastare la crescita del potere cinese. È significativo che il Gruppo sia stato creato su iniziativa di Eric Schmidt, ex direttore di Google e presidente del “Defense Innovation Council” presso il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Inoltre è diventato il capo di questo gruppo. Il suo vice è Jared Cohen, CEO di Jigsaw (originariamente Google Ideas) e Senior Fellow presso il “Council on Foreign Relations” (CFR). In precedenza, ha lavorato come responsabile della pianificazione politica presso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ed è stato consigliere di Condoleezza Rice e poi di Hillary Clinton. Un altro membro di spicco del Gruppo è Richard Fontaine, ex consigliere di John McCain e CEO del Center for a New American Security (progetto dei neoconservatori). In precedenza ha lavorato anche per il Consiglio di sicurezza nazionale e il Dipartimento di Stato americano sotto George W. Bush.

Alla fine del 2020 il Gruppo ha pubblicato un rapporto “Concorrenza asimmetrica: strategia per la Cina e le tecnologie Idee pratiche per la leadership americana”.

Si concentra su tecnologia e innovazione e, nell’ambito della competizione USA-Cina, 13 autori offrono raccomandazioni per tre aree: confronto tecnologico, funzionalità per la competizione e strutture per il futuro. Nel primo caso, stiamo parlando di varie piattaforme tecnologiche critiche, requisiti e dipendenza degli Stati Uniti da società straniere. Nella seconda si intersecano tre aree di attività: esplorazione, drenaggio del potenziale scientifico e catene di approvvigionamento. Il terzo parla della necessità di perseguire una politica di multilateralismo nelle relazioni internazionali e nella riforma del governo degli Stati Uniti con un’enfasi sull’aumento del ruolo delle competenze nel processo decisionale politico, il ruolo della Casa Bianca come leader su varie agenzie e industrie e costruendo una nuova era di statualità tecnologica.

È interessante che gli autori propongano una nuova formula per le relazioni multilaterali, per la quale è necessario creare un forum T-12 tra Stati come USA, Giappone, Germania, Francia, Gran Bretagna, Canada, Paesi Bassi, Corea del Sud, Finlandia, Svezia, India e Australia.

L’introduzione del rapporto inizia con le parole nello spirito del Piano Baruch, quando gli Stati Uniti presentarono all’ONU nel 1946 le condizioni secondo cui solo gli Stati Uniti avrebbero dovuto avere armi nucleari e tecnologie corrispondenti.

Soldati dell’armata navale cionese

“La leadership tecnologica dell’America è fondamentale per la sua sicurezza, prosperità e stili di vita democratici. Ma questo vantaggio vitale è ora minacciato mentre la Cina cerca di superare gli Stati Uniti in una serie di aree critiche. La posizione trascurata degli Stati Uniti continuerà a indebolirsi ulteriormente come riuscirà Pechino acquisire potere e influenza sui diritti e sul benessere delle persone in tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti. Questa sfida richiede decisioni politiche urgenti per rinnovare la competitività americana, porre fine a queste tendenze e mantenere un vantaggio tecnologico fondamentale degli Stati Uniti “.

Gli autori sostengono inoltre che la sfida attuale è quella di sviluppare un approccio al prossimo periodo di maggiore concorrenza e attrito, nonché di rapido cambiamento tecnologico, in modo che gli Stati Uniti possano promuovere al meglio i propri interessi e valori.

I risultati indicano che “il dialogo interno sulla sicurezza degli Stati Uniti in merito alla Cina e alle sue tecnologie ha iniziato a ruotare attorno a un piccolo insieme di argomenti: la minaccia di una specifica applicazione video cinese, la battaglia per il 5G oi potenziali rischi di un’immigrazione altamente qualificata superano i benefici . “
Ma molte delle domande più importanti sulla strategia tecnologica degli Stati Uniti nei confronti della Cina rimangono senza risposta. Di conseguenza, gli autori riconoscono che a causa di questa ambiguità, il gruppo di esperti incoraggia i responsabili delle decisioni a utilizzare esperti e consulenti esterni durante la pianificazione delle politiche e dei vari programmi.

La Cina ha ricevuto attenzione anche nel recente lavoro della RAND Corporation “Implementazione del contenimento. Cambiamenti nella politica di sicurezza regionale degli Stati Uniti al fine di attuare una realistica Strategia di Grande Contenimento”. Allo stesso modo, come nel rapporto del gruppo di esperti scientifici, non ci sono risposte chiare a ciò che dovrebbero fare gli Stati Uniti.

Marina Cinese

In sostanza vengono presentate le argomentazioni di chi parla delle minacce che la Cina potrebbe rappresentare agli Stati Uniti nella regione Asia-Pacifico. Ad esempio, che la Cina sta sviluppando capacità informatiche che potrebbero interrompere le capacità di proiezione di potenza degli Stati Uniti e danneggiare le infrastrutture critiche. O lo sviluppo di risorse anti-spaziali, inclusi sistemi di soppressione, armi a energia diretta e missili anti-satellite a terra che possono colpire sia satelliti commerciali che militari. Pertanto, “le capacità spaziali e cibernetiche della Cina potrebbero influenzare tre interessi americani vitali: mantenere la sicurezza della patria americana, ostacolare il dominio cinese nella sua regione e mantenere il comando americano nella regione”.

L’uso della forza contro la Cina è ancora nell’agenda degli Stati Uniti quando si tratta di proteggere Taiwan. Oltre a impedire alla Cina di dominare altre potenze locali come il Giappone, i sostenitori del contenimento parlano dell’importanza di mantenere il dominio americano nella regione Asia-Pacifico nel suo complesso.

“Questi strateghi riconoscono che man mano che la Cina cresce, espanderà la zona contesa, lo spazio aereo e la zona alla sua periferia marittima, all’interno della quale può rendere le operazioni militari statunitensi costose o difficili … Tuttavia, i sostenitori del contenimento non hanno ancora chiarito se esiste un punto., in cui è possibile un’ulteriore crescita nella zona contesa, che potrebbe provocare il coinvolgimento militare diretto degli Stati Uniti nella regione … “

Ma i sostenitori del contenimento sostengono anche che “ ci sono diverse aree in cui Stati Uniti e Cina hanno interessi comuni che consentono la cooperazione. Entrambi i paesi sono impegnati nella lotta al cambiamento climatico, al terrorismo e alla prevenzione della diffusione di armi nucleari. Sostengono inoltre negoziati volti a migliorare le relazioni commerciali e di investimento tra i due paesi e limitare le dimensioni dei loro arsenali nucleari. Inoltre, entrambi i paesi stanno lottando per la stabilità nella penisola coreana “. Tuttavia, le posizioni su questi temi possono differire. Ad esempio, mentre sia gli Stati Uniti che la Cina si battono per la stabilità nella penisola coreana, hanno opinioni piuttosto diverse su come raggiungerla.

Inoltre, lo studio afferma che le opinioni dei sostenitori del contenimento “divergono su due punti chiave: la portata dell’ambizione della Cina e se i paesi asiatici hanno la capacità e la volontà di lavorare insieme per affrontare efficacemente la Cina. I disaccordi su queste due questioni hanno portato a diverse ricette per la strategia statunitense nella regione Asia-Pacifico, che vanno da una significativa riduzione della spesa militare nella regione a un aumento della presenza militare statunitense nella regione. In un modo o nell’altro, la Cina rappresenta la più grande minaccia potenziale per gli interessi degli Stati Uniti.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti stanno anche osservando attentamente lo sviluppo delle relazioni tra Russia e Cina. Due ex agenti dell’intelligence dei quadri, Andrea Kendall-Taylor e David Schulman, forniscono una valutazione dettagliata dell’interazione tra i due paesi nel contesto della politica globale e degli interessi degli Stati Uniti.

Notano che “la cooperazione tra i due paesi accelera i loro sforzi per minare i vantaggi militari statunitensi. Questa dinamica è particolarmente problematica per la rivalità strategica degli Stati Uniti con la Cina nell’Indo-Pacifico. La Russia sta già fornendo alla Cina sistemi d’arma avanzati che migliorano le capacità di difesa aerea, antinave e sottomarini della Cina e equipaggiano meglio il Partito Comunista Cinese per cacciare gli Stati Uniti dalla regione. I due paesi stanno anche intensificando la loro cooperazione tecnologica, che alla fine potrebbe consentire loro di innovare collettivamente più velocemente di quanto gli Stati Uniti possano fare da soli, mettendo a dura prova un budget della difesa statunitense già limitato. Alla fine, una cooperazione sino-russa sostenuta e approfondita metterebbe a repentaglio la capacità dell’America di contenere l’aggressione cinese nella regione e mantenere il nostro impegno per la conservazione di una regione indo-pacifica libera e aperta “.

Dice anche che Russia e Cina sono unite nei loro sforzi per indebolire la coesione tra alleati e partner statunitensi e indebolire l’influenza degli Stati Uniti sui paesi e le istituzioni internazionali.

Esercitazioni Russo Cinesi

Inoltre, Russia e Cina stanno lavorando per ridurre il ruolo centrale degli Stati Uniti nel sistema economico globale. Mosca e Pechino stanno già lavorando insieme per evitare sanzioni statunitensi e controlli sulle esportazioni, mitigando gli effetti della pressione economica statunitense. Se la loro partnership si approfondisce, o anche se ogni paese individualmente costruisce la resilienza alla pressione degli Stati Uniti, potrebbe indebolire l’efficacia degli strumenti di applicazione finanziaria degli Stati Uniti, in particolare le sanzioni e i controlli sulle esportazioni, che sono stati una parte fondamentale dell’arsenale della politica estera degli Stati Uniti.

Alla fine del rapporto, gli autori raccomandano che “gli Stati Uniti dovrebbero controllare e pianificare, creare venti contrari e, dove possibile, distruggere le relazioni sino-russe” .

L’Istituto ebraico per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, d’altra parte, è più preoccupato per i crescenti investimenti della Cina in Israele . I rappresentanti di questa organizzazione, ovviamente, hanno trovato in questo una minaccia per gli interessi americani. Ad esempio, nel fatto che la Cina ha firmato nel 2019 un contratto per la costruzione e l’esercizio di un porto ad Haifa per 25 anni.

E, a giudicare dagli ultimi eventi, i decisori, tuttavia, hanno fatto affidamento su un confronto con la Cina.

La prima operazione della Marina statunitense sotto l’amministrazione Biden, con una chiara sfida a Pechino, è iniziata il 5 febbraio. Il cacciatorpediniere USS 7th Fleet John McCain con i missili a bordo entrò nel Mar Cinese Meridionale. E’ iniziato un altro confronto diplomatico tra Stati Uniti e Cina.

Fonte: Geopolitica.ru

Traduzione: Sergei Leonov

14 Commenti
  • L N 2
    Inserito alle 17:33h, 17 Febbraio Rispondi

    “…..mettendo a dura prova un budget della difesa statunitense già limitato”. Il loro sogno evidentemente è avere il 100% del PIL in armi… pazzi criminali da fogonare.

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 17:33h, 17 Febbraio Rispondi

    Non siamo nel 1969, ai tempi della guerra di confine cino-sovietica sull’Ussiri, i tempi sono cambiati, le dispute di confine russo-cinesi (oltre 4.000 km!) risolte già nei novanta e credo che gli usa non potranno, oggi, seminare zizzania fra i due grandi rinfocolando ad arte conflitti del passato!
    Oltretutto, russi e cinesi sanno bene che la minaccia, per loro, viene dagli usa (e dal cosiddetto occidente), per cui si attrezzeranno sempre di più, collaborando, per affrontare il comune nemico.
    A poco serviranno i think tank e i gruppi di esperti prezzolati a stelle e striscie per seminare zizzania e rompere quella che qualcuno chiama “l’asse della Resistenza”.

    Cari saluti

    • Rena
      Inserito alle 07:07h, 18 Febbraio Rispondi

      Noi….liberi in occidente,non l ho siamo stati,Mai siamo come il cane alla catena,quando ci liberano dalla catena, domandiamo perchè !

    • atlas
      Inserito alle 08:36h, 18 Febbraio Rispondi

      però … cinesi in armi che fanno il saluto romano. Che l’abbiano capito qual’è il vero Socialismo

  • Gianni
    Inserito alle 22:26h, 17 Febbraio Rispondi

    Questo sito e soltanto propaganda pro Cina pro Russia ma soprattutto contro Occidente. Io mi domando vorremmo essere come vivono in Cina o come in Russia o come in paesi come Iran e tanti altri paesi che non hanno nulla niente diritti umani democrazia eccetera eccetera… Piuttosto dovremmo rafforzare Occidente contro dominio di questi paesi.

    • Redazione
      Inserito alle 23:33h, 17 Febbraio Rispondi

      Forse lei non èmai stato nè in Russia nè in Cina nè in Iran e parla per sentito dire o per luoghi comuni. Ognuno si sceglie il fronte con cui stare, se a lei piace l’Occidente, quello della esportazione della democrazia (a suon di bombe) e dei “diritti umani “(di quelli che gli convengono), è libero di sostenere quel tipo di Occidnete che esiste nella propaganda. Noi da tempo seguiamo un altro tipo di fronte, quello della resistenza.
      Saluti

      La Redazione

    • Eugenio Orso
      Inserito alle 08:27h, 18 Febbraio Rispondi

      Cervellino completamente colonizzato dalla propaganda “occidentaloide”, dagli “spot” di disinformazione delle prostitute mediatiche “occidentali” e italiote?
      Complimenti!
      Consiglio, come ultimo atto di devozione al dio usurario e finanziario ‘”occidente” una lobotomia totale … non si noterebbe la differenza!
      La Redazione è gentile, io no!

      • atlas
        Inserito alle 08:42h, 18 Febbraio Rispondi

        ma sì, il Gianni sarà Gad Lerner in incognito. La scrittura straniera ce l’ha, la barba pure (barba-gianni)

        • Eugenio Orso
          Inserito alle 09:03h, 18 Febbraio Rispondi

          Lo sai che nei tempi andati l’ebreazzo sinistroide gad lerner spiava anche il mio vecchio sito Pauper Class?
          Ora sembra essere, se non scomparso, almeno in declino …

          Cari saluti

          • atlas
            Inserito alle 23:38h, 18 Febbraio

            di più non scrivo. Se no mi trovo la digos a suonarmi alla porta. Già ci sono le loro spie di stato quì a farmi i conti in tasca

    • L N 2
      Inserito alle 09:56h, 18 Febbraio Rispondi

      Questo sito non è “pro” qualcosa, ma “contro” gli invasori che da 80 anni ci hanno incatenato e non se ne vogliono andare, Cina e Russia sono Stati che oppongono resistenza agli imperiali anglo-jew-merdacani e quindi sono l’esempio che non tutti si sono arresi. Se poi per te l’Occidente è la UE LGBT capitanata da Soros, va beh, semplicemente vuol dire che non sei ancora riuscto a ripulire il tuo pensiero dalle inoculazioni di CGIL Squola. Vedi di svegliarti.

  • giorgio
    Inserito alle 09:22h, 18 Febbraio Rispondi

    I diritti umani dell’occidente ….. quello di fare la fila alla caritas ….. ? Ma per pietà ……
    A tutti gli ammiratori della liberal democrazia come Gianni suggerisco di farsi un giro di notte a New York così avrà un assaggio di libertà e democrazia ….. quella di dormire in scatole di cartone o di finire affettati da sbandati, tossici, clan ispanici, neri e bianchi …. così ce li leviamo di torno ….. non vale la pena proseguire …. la propaganda ha distrutto i neuroni di questa gente ……

  • antonio
    Inserito alle 12:42h, 18 Febbraio Rispondi

    i ladroni della FED devono essere rieducati in Siberia, in prima fila Billy the Kid.Covid

  • Carlo GKC
    Inserito alle 00:33h, 19 Febbraio Rispondi

    mi son troppo piaciuti i vostri commenti e della Redazione per questo non aggiungo altro a non essere che spero profondamente che Russia Cina e tutti i non sudditi di questo impero di pirati che ci sormonta che é succeduto al vecchio English Empire ma con molta piú selvaggeria e enorme ignoranza.. Purtroppo molto pericolosi.

Inserisci un Commento