Gli Stati Uniti stanno rimescolando il calderone siriano

di MK BHADRAKUMAR

Le circostanze che circondano la fiammata in Siria tra le forze di occupazione statunitensi e gruppi di milizie filo-iraniane rimangono oscure. Il presidente Biden afferma che gli Stati Uniti stanno reagendo , ma ci sono segnali che probabilmente sono proattivi per creare nuovi fatti sul campo.

Il comando centrale degli Stati Uniti afferma che a seguito di un attacco di droni nel pomeriggio del 23 marzo su una base americana vicino ad Hasakah. Sotto la direzione del presidente Biden, più tardi quella notte sono stati intrapresi attacchi aerei di rappresaglia contro “strutture utilizzate da gruppi affiliati al Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche dell’Iran. “

Tuttavia, questa versione è stata contestata dal portavoce del Consiglio supremo per la sicurezza nazionale dell’Iran che ha accusato Washington di “creare crisi artificiali e mentire”. Il funzionario iraniano ha affermato che “negli ultimi due giorni, elicotteri americani hanno effettuato diverse sortite con l’obiettivo di aumentare l’instabilità in Siria e hanno trasferito i terroristi di Daesh (Stato islamico) nel territorio di questo paese”.

Ha detto che Washington deve essere ritenuta responsabile per tali attività. Il funzionario ha avvertito che Teheran darà una pronta risposta a qualsiasi attacco statunitense con qualsiasi falso pretesto contro le basi iraniane che esistono sul suolo siriano su richiesta di Damasco per combattere il terrorismo.

Gli Stati Uniti stanno deliberatamente aumentando le tensioni in Siria anche se il riavvicinamento saudita-iraniano mediato dalla Cina sta cambiando radicalmente lo scenario di sicurezza nella regione dell’Asia occidentale in una direzione positiva?

C’è ottimismo sul fatto che la Siria possa guadagnare dal riavvicinamento saudita-iraniano. Già giovedì il ministero degli Esteri saudita ha rivelato che sono in corso colloqui con la Siria per la ripresa dei servizi consolari tra i due paesi, che apriranno la strada alla ripresa delle relazioni diplomatiche e a loro volta consentiranno di ripristinare l’adesione della Siria alla Lega Araba .

L’Arabia Saudita ha stabilito un ponte aereo con la Siria per inviare rifornimenti di vario genere per le persone colpite dal devastante terremoto di febbraio.

Lo sfondo è che la normalizzazione delle relazioni tra la Siria ei suoi vicini arabi estraniati è accelerata. Deve essere particolarmente irritante per Washington il fatto che questi stati regionali abbiano partecipato attivamente al progetto di cambio di regime guidato dagli Stati Uniti per rovesciare il governo del presidente Bashar al-Assad. Il riavvicinamento saudita-iraniano isola gravemente Stati Uniti e Israele.

Da una tale prospettiva, è ovvio che gli Stati Uniti stiano ancora una volta rimescolando il calderone siriano. Ultimamente, è stato riferito che aerei russi sorvolano frequentemente la base militare statunitense di al Tanf, sul confine siriano-iracheno, dove si sa che esistono campi di addestramento per gruppi militanti terroristi.

Anche Israele è una parte interessata nel mantenere la Siria instabile e debole. Nella narrativa israeliana, le milizie sostenute dall’Iran stanno aumentando la loro capacità in Siria negli ultimi due anni e la continua occupazione statunitense della Siria è vitale per bilanciare questi gruppi. Israele è paranoico per il fatto che un governo forte a Damasco inizi inevitabilmente a sfidare la sua occupazione illegale delle alture del Golan.

Un fattore chiave in questa matrice è il nascente processo di mediazione russa tra Turkia e Siria. Con un occhio alle prossime elezioni presidenziali e parlamentari in Turkia a maggio, il presidente Recep Erdogan è desideroso di compiere progressi visibili nel migliorare i legami con la Siria.

Erdogan intuisce che l’opinione pubblica turca è fortemente favorevole alla normalizzazione con la Siria. I sondaggi di dicembre hanno mostrato che il 59% dei turchi vorrebbe un rimpatrio anticipato dei rifugiati siriani che sono un peso per l’economia turca, che ha un tasso di inflazione del 90%.

Evidentemente, la Turkia sta finendo come un ritardatario quando i paesi dell’Asia occidentale nel complesso stanno andando avanti per normalizzare le loro relazioni con Damasco. Ma il problema è che Assad chiede prima la sospensione dell’occupazione turca del territorio siriano per riprendere i legami con Ankara.

Ora, ci sono segnali crescenti che Erdogan potrebbe essere disposto a stringere i denti. Il pragmatico consumato in lui stima che deve agire in sintonia con l’umore pubblico. Inoltre, il principale partito di opposizione CHP ha sempre sostenuto che la fine del conflitto siriano deve essere saldamente ancorata ai principi dell’unità e dell’integrità territoriale della Siria.

L’influente quotidiano di Beirut Al-Akhbar ha riferito, citando fonti vicine a Damasco, che Erdogan sta valutando opzioni che soddisfino la richiesta di Assad al fine di ristabilire i rapporti. Il quotidiano riporta che una possibilità è che Turkia proponga un calendario per il ritiro delle sue truppe in Siria.

Significativamente, sabato Erdogan ha telefonato al presidente russo Vladimir Putin e la lettura del Cremlino ha menzionato che tra “gli argomenti riguardanti il ​​partenariato russo-turco in vari campi”, durante la conversazione, “è stata toccata la questione siriana e l’importanza di continuare la normalizzazione delle relazioni della Turchia -Sono state sottolineate le relazioni siriane. A questo proposito il presidente di Türkia ha sottolineato il ruolo di mediazione costruttiva che la Russia ha svolto in questo processo”.

In precedenza, mercoledì, il ministro della Difesa turco Hulusi Akar ha tenuto colloqui telefonici con il suo omologo russo Sergei Shoigu per discutere gli sviluppi in Siria, dove ha sottolineato che “l’unico scopo” del suo dispiegamento nel nord della Siria è proteggere i suoi confini e combattere il terrorismo.

Erdogan con Putin

È del tutto concepibile che Erdogan abbia cercato l’aiuto e l’intervento di Putin per raggiungere rapidamente un modus vivendi con Assad. Naturalmente, questa è una spettacolare storia di successo per la diplomazia russa – e per Putin personalmente – che il Cremlino sia chiamato a mediare la normalizzazione turco-siriana.

La normalizzazione saudita-iraniana mediata dalla Cina ha colpito Washington dove fa più male. Ma se Putin ora fa da intermediario per la pace tra altri due stati rivali dell’Asia occidentale, Biden sarà smascherato come irrimediabilmente incompetente.

E, se la Turkia pone fine alla sua presenza militare in Siria, le luci della ribalta cadranno sull’occupazione illegale di un terzo del territorio siriano da parte degli Stati Uniti e sul massiccio contrabbando di petrolio e altre risorse dalla Siria nei convogli militari americani.

Inoltre, le forze governative siriane torneranno sicuramente nei territori lasciati liberi dalle forze turche nelle regioni di confine settentrionali, il che avrebbe conseguenze per i gruppi curdi che operano nella regione di confine e che sono allineati con il Pentagono.

Insomma, la continua occupazione statunitense della Siria potrebbe diventare insostenibile. A dire il vero, Russia, Turkia, Iran e Siria sono sulla stessa pagina nel cercare di porre fine all’occupazione statunitense della Siria.

Pertanto, è necessario un alibi per gli Stati Uniti per giustificare che, sebbene il dialogo e la riconciliazione siano in ascesa nella politica dell’Asia occidentale, la Siria è un’eccezione come campo di battaglia contro il “terrorismo”. Gli Stati Uniti hanno una vasta esperienza nell’uso di gruppi estremisti come strumenti geopolitici.

La vera intenzione degli Stati Uniti potrebbe essere quella di affrontare l’Iran sul suolo siriano – qualcosa che Israele ha sposato – approfittando delle preoccupazioni della Russia in Ucraina. L’asse russo-iraniano infastidisce profondamente Washington.

Lo spettro che ossessiona Washington è che la stabilizzazione della Siria dopo la normalizzazione di Assad con i paesi arabi e con Turkia si fonderà inesorabilmente in un accordo siriano che emargina completamente l’«Occidente collettivo».

In retrospettiva, la visita senza preavviso del generale Mark Milley, presidente dei capi di stato maggiore congiunti degli Stati Uniti nel nord della Siria all’inizio di marzo, appare in prospettiva. Milley ha detto ai giornalisti che viaggiavano con lui che il dispiegamento statunitense in Siria da quasi otto anni vale ancora il rischio!

Al Tanf, la base USA dove vengono addestrati i terroristi anti Assad

Potrebbe essere giunto il momento per i militanti, inclusi ex combattenti dello Stato islamico, che sono stati addestrati nella remota base militare statunitense di At Tanf, di tornare nei campi di sterminio per il “servizio attivo”.

Tass ha riferito che venerdì il gruppo terroristico noto come Hayat Tahrir al-Sham ha tentato di irrompere nella regione di Aleppo, che è stata sotto il controllo del governo siriano e relativamente stabile negli ultimi anni.

Washington vuole nuovamente sobillare un conflitto in Siria? (N.d.R.)

Fonte; IndianPunchLine

Traduzione: Luciano Lago

T

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM