Gli Stati Uniti stanno predisponendo missili nucleari a medio raggio in Europa. Il pericolo di guerra nucleare si avvicina

MOSCA, 28 giu – RIA Novosti, Andrey Kots. Gli Stati Uniti intendono aumentare drasticamente il grado di scontro con Russia per i missili nucleari , secondo quanto riferito dal quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung con riferimento alle proprie fonti nella direzione dell’Alleanza del Nord Atlantico. La pubblicazione afferma che in una recente riunione i ministri della difesa della NATO hanno adottato un nuovo approccio alla dissuasione nucleare e che gli alleati europei degli Stati Uniti sono pronti ad ospitare missili a medio raggio. Su come questo minacci la Russia e il mondo, – questo è spiegato nel materiale di RIA Novosti.
Sostituisci le testate
In una conferenza stampa, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha annunciato che l’alleanza avrebbe rafforzato la sua difesa aerea e la difesa missilistica. Secondo lui, molti paesi della NATO vogliono acquistare sistemi di patriot americani in grado di intercettare e distruggere obiettivi balistici. Allo stesso tempo, ha sottolineato che non era previsto lo spiegamento di missili nucleari terrestri in Europa.
Il quotidiano Frankfurter Allgemeine Zeitung afferma che il segretario generale è disonesto.

Secondo le fonti della pubblicazione, i partecipanti alla riunione hanno già dato il via libera allo spiegamento di promettenti missili americani a medio raggio in equipaggiamento convenzionale. In caso di escalation del confronto con la Russia, le loro testate possono essere facilmente sostituite da quelle nucleari.
Secondo l’interlocutore del giornalista tedesco, questo è un segnale per la Russia che i paesi della NATO sono pronti a usare le armi nucleari in una fase iniziale di un potenziale conflitto. E queste misure sono state prese in risposta alla comparsa di un missile da crociera terrestre 9M729 a Mosca come parte del complesso operativo-tattico Iskander, che, secondo gli analisti dell’alleanza, potrebbe essere dotato di una testata nucleare.
Veicolo per il trasporto di carichi del complesso Iskander-K con missili da crociera R-500
Ricordiamo che gli Stati Uniti si sono ritirati dall’accordo sull’eliminazione dei missili intermedi e a corto raggio nell’agosto dello scorso anno, presumibilmente a causa di 9M729. La Russia ha respinto categoricamente tutte le affermazioni. E solo poche settimane dopo, gli americani hanno testato i prototipi di un missile da crociera a terra e quindi un missile balistico a medio raggio. Ciò ha dimostrato che gli Stati Uniti si stavano preparando in anticipo per lasciare il Trattato INF e che le nuove munizioni russe erano usate solo come scusa.
Disarma la Russia

Missili USA in postazione


Se le informazioni dei media tedeschi saranno confermate, il mondo tornerà di nuovo alle frontiere della Guerra Fredda e Mosca dovrà cercare modi per affrontare nuove sfide. Non vi è alcun dubbio sulle intenzioni aggressive di Washington. Quindi, a maggio, l’ambasciatrice americana a Varsavia, Georgette Moshaber, ha dichiarato che la Casa Bianca stava considerando la possibilità di spostare le bombe atomiche americane dalla Germania alla Polonia, più vicino ai confini russi. Tuttavia, i missili a medio raggio in Europa rappresentano una minaccia molto più grande.
“Questo porterà a una forte escalation in tutto il continente, come durante la guerra fredda”, spiega l’esperto militare Yuri Lyamin a RIA Novosti. Di conseguenza, le possibilità di manovrare e risolvere pacificamente il conflitto si riducono mentre la situazione internazionale si è aggravata.
Quando il tempo di volo è da cinque a dieci minuti, è troppo tardi per concordare qualsiasi cosa e non resta che premere il “pulsante nucleare” per rispondere. Lyamin ha sottolineato che è proprio a causa dell’elevato pericolo di missili intermedi e di raggio più corto che s era concluso un accordo sulla loro eliminazione.
L’esperto ha commentato i piani per il trasferimento di armi nucleari statunitensi in Polonia


“I tentativi degli americani di lanciare missili con equipaggiamento convenzionale nei nostri lanciatori di silos, posti di comando, centri di comunicazione sono possibili, ma improbabili”, afferma Konstantin Sivkov, dottore in scienze militari. “Non otterranno molto successo e la Russia reagirà con tutta la potenza del suo arsenale strategico. Pertanto, anche se gli americani dispiegano missili in Europa, sono solo missili nucleari.
Il punto è disarmare la Russia, privarla del potenziale di attacchi di ritorsione e di reazione. Bisogna capire chiaramente che gli Stati Uniti si stanno preparando per una guerra nucleare. E lo spiegamento di missili a medio raggio è assolutamente, dal loro punto di vista, la decisione conseguente. Era solo una questione di tempo. Apparentemente, gli alleati europei alla fine si sono piegati. “
Aree di distribuzione
Gli esperti non hanno ancora deciso di giudicare quali paesi porteranno i missili. È possibile che utilizzeranno l’infrastruttura che è stata preservata dalla guerra fredda.
Le armi nucleari americane furono dispiegate in Europa a metà degli anni ’50 – poi furono bombe aeree e munizioni per i sistemi di artiglieria. La leadership della NATO e degli Stati Uniti sperava di rispondere in tal senso in caso di conflitto su vasta scala con i paesi del Patto di Varsavia, che aveva un vantaggio nelle armi convenzionali.
I primi missili di Giove a medio raggio, gli Stati Uniti schierati in Turchia nel 1961. Questa è stata la principale causa della crisi dei Caraibi, quando l’Unione Sovietica ha inviato armi simili a Cuba. Negli anni ’80, in risposta al dispiegamento di missili Pioneer sovietici per combattere il dovere, gli americani dispiegarono Pershing 2 balistico e Tomahawk alati a terra con testate nucleari nel Regno Unito, in Belgio, nei Paesi Bassi, in Italia e nella Repubblica Federale Tedesca.

Forze NATO


Certo, da allora molto è cambiato. La maggior parte dei paesi dell’Organizzazione del Trattato di Varsavia aderì all’Alleanza del Nord Atlantico, mentre ora si sono avvicinati alla Russia. Pertanto, l’apparizione di missili americani a medio raggio nell’Europa orientale non può essere esclusa.
La Germania ha invitato a elaborare una comune “idea di una minaccia dalla Russia” con la NATO
Le informazioni che la tedesca Frankfurter Allgemeine Zeitung è riuscita a ottenere sono state recentemente indirettamente confermate dall’inviato speciale statunitense per il controllo degli armamenti, Marshall Billingsley.
Questi ha detto che gli Stati Uniti non hanno visto le opzioni per introdurre una moratoria sui missili intermedi e di raggio più corto, che era stata precedentemente vietata dal Trattato INF. Secondo Alexei Pushkov, capo della commissione del Consiglio della Federazione sulla politica dell’informazione e le relazioni con i media, gli europei “hanno giocato” a Washington e ora corrono il rischio di diventare nuovamente ostaggi degli americani, come durante la crisi missilistica degli anni ’80.

Fonte: Ria Novosti

Traduzione: Luciano Lago

8 Commenti

  • Renato
    28 Giugno 2020

    Hanno tutti fretta di lasciare questo mondo in malo modo.

    • mondo falso
      29 Giugno 2020

      se il Futuro sarà mascherina ,stare a casa ,vaccini, tamponi ,disoccupazione e povertà di massa per una influenza normale preferisco la guerra

  • Renato
    28 Giugno 2020

    Hanno tutti fretta di lasciare questo mondo in malo modo.

  • Renato
    28 Giugno 2020

    Poi parlano di ecologia e di salvare il pianeta.

  • Caos
    28 Giugno 2020

    La psicopatica greta non si incazza?

  • Teoclimeno
    29 Giugno 2020

    Con i missili nucleari a Comiso tornerà il grande incubo.

  • eusebio
    29 Giugno 2020

    La Russia in questo momento sta aiutando la Cina a predisporre il suo sistema difensivo antimissile, mentre i cinesi hanno ormai completato il loro sistema di risposta multipla, da terra con i missili intercontinentali, dal mare con i sottomarini lanciamissili e dall’aria con i bombardieri strategici.
    Per adesso la Cina ha solo 2-300 testate nucleari ma sufficienti con le forse 2000 testate russe ad incenerire gli USA.
    Non si capisce a cosa servano queste minacce, la Cina è solida e blindata, con una economia in ripresa, mentre negli USA oltre agli artificiali riots razziali la gravissima crisi economica vede il debito pubblico esplodere al ritmo di un trilione di dollari al mese, con il dollaro ipersvalutato sempre meno apprezzato sui mercati internazionali, con i titoli di debito USA abbandonati in massa dagli investitori esteri, in primis la Cina.
    Per l’oligarchia finanziaria globalista che controlla gli USA è la fine, cosa vogliono, obbligare Cina e Russia a comprare titoli di stato americani in cambio della minaccia nucleare?
    Piuttosto la Cina la deve piantare di esportare negli USA, e pure i russi di vendergli petrolio pesante per far funzionare le raffinerie.
    Prima gli ammereCani vanno falliti, la loro oligarchia globalista spazzata via e meglio è per il mondo.

  • atlas
    30 Giugno 2020

    mi facciano vedere Tel Aviv e Washington colpite e morirò sereno e tranquillo; anche perchè ciò che scrive ‘mondo falso’ lo condivido in pieno

Inserisci un Commento

*

code