Gli Stati Uniti stanno cercando di rendere i curdi partner di Israele. Ma molti curdi si schierano dalla parte del popolo di Gaza e della resistenza palestinese.

La comunità internazionale non solo tace sul genocidio di Israele, ma invia anche mercenari stranieri a combattere a fianco delle Forze di Difesa Israeliane (IDF) a Gaza.

L’IDF ha convocato centinaia di soldati di riserva per rafforzare i propri ranghi in preparazione all’attacco di terra contro la Striscia di Gaza. Per rafforzare le proprie fila israeliane, l’IDF ha promosso un afflusso di persone con passaporto israeliano e residenti in paesi stranieri.

Tuttavia, il quotidiano spagnolo El Mundo , ha riferito che Tel Aviv ha contattato appaltatori internazionali di sicurezza per fornire combattenti per svolgere compiti militari durante la guerra in corso a Gaza.

Pedro Diaz Flores Corrales, 27 anni, è un ex soldato dell’esercito spagnolo e in precedenza aveva combattuto come mercenario sia in Ucraina che in Iraq. Oltre a ciò, è noto per appartenere ad un gruppo politico fascista, il cosiddetto movimento neonazista, secondo il sito web del Medio Oriente “Monitor”.

Il gruppo è coinvolto nel traffico illecito di armi e nello sfruttamento mercenario.

Corrales ha giustificato la sua decisione di combattere a fianco dell’IDF e ha affermato che ogni partecipante ai combattimenti riceve circa 3.900 euro (4.187 dollari) come stipendio settimanale e vantaggi associati ai compiti che svolge.

El Mundo ha riferito di aver visto immagini di Corrales circondato da mercenari di diverse nazionalità, tra cui francesi, tedeschi e albanesi, e persino marines americani o membri delle forze speciali che hanno combattuto in Iraq, Afghanistan, Mali o Kosovo.

Lo scorso ottobre, i media francesi hanno diffuso la notizia di un gran numero di combattenti francesi che si erano uniti alla lotta a fianco dell’IDF.

Un rapporto dell’Osservatorio euromediterraneo ha rivelato in passato la presenza di centinaia di mercenari europei che si offrono volontari per il servizio militare nelle file dell’IDF, come parte delle forze speciali, soprattutto nella Striscia di Gaza.

Organizzazioni direttamente collegate a gruppi ebrei e cristiani di destra in Europa stanno organizzando progetti e campagne per invitare gli europei ad unirsi all’IDF, così come per unirsi a campagne per sostenere le operazioni illegali dei coloni contro i palestinesi in Cisgiordania.

Mercenari Ucraini arruolati da Israele

Con l’intenzione di usarli nei tunnel di Hamas, Israele offre ai terroristi curdi del PKK 2.200 dollari per unirsi in prima linea nella guerra genocida contro i palestinesi con migliaia di terroristi e mercenari già trasportati in Israele.

Il governo israeliano ha stipulato un contratto con i terroristi del PKK , con i quali hanno accettato uno stipendio di 9mila shekel israeliani (2.200 dollari) oltre a 25.000 dollari di risarcimento in caso di morte o lesioni.

Israele intende utilizzare i terroristi del PKK nel suo attacco terrestre a Gaza poiché non vuole inviare i propri soldati nei tunnel di Hamas. Quasi 2.000 terroristi e mercenari provenienti da Europa, Iraq, Siria e Stati Uniti si sono trasferiti in Israele. Anche le forze Peshmerga del nord dell’Iraq sono state inviate in prima linea in Israele.

Sono stati fatti appelli per reclutare militanti per combattere per Israele, e molte organizzazioni hanno portato avanti ampie attività, come: l’”Unione di amicizia curdo-israeliana” fondata da Mordehay Zaken, l’”Istituto curdo” e i “Curdi ebrei israeliani” organizzazione.

Le organizzazioni israeliane hanno negoziato con i Peshmerga per inviare i curdi dal nord dell’Iraq in Israele, ricordando loro il sostegno dato loro dal regime di Tel Aviv dal 1958.

Ad Ayn al-Arab, un colonnello israeliano e la sua squadra di sette persone hanno svolto attività per trovare persone esperte nella guerriglia urbana. Ai mercenari reclutati dall’Iraq e dalla Siria è stata assegnata l’identità di cittadinanza israeliana. Questi furono poi trasportati in Israele da tre aerei. L’ultimo volo è decollato il 29 ottobre da Erbil. Otto di coloro che Israele ha inviato al fronte sono stati uccisi a Gaza.

Il cantante e attore curdo Idan Amedi, che recita nella serie TV Netflix “Fauda”, ha annunciato di essersi unito volontariamente all’IDF e di aver condiviso immagini dalla Striscia di Gaza. L’IDF utilizza influencer dei social media come Amedi. Le immagini di Amedi che invita i curdi a uccidere i palestinesi vengono trasmesse dalla televisione israeliana. Nel frattempo, Duran Kalkan, uno dei leader del PKK a Qandil, ha accusato Hamas e ha rilasciato dichiarazioni a favore di Israele.

Idan Amedi

Ci sono un totale di 4.600 volontari stranieri nelle fila delle forze israeliane, oltre a molti cittadini con doppia cittadinanza provenienti da tutto il mondo, sia in servizio attivo che di riserva.

Israele fa affidamento su appaltatori di sicurezza privati, in particolare la società locale Global CST. I mercenari che lavorano per questa compagnia sono accusati di aver commesso crimini contro l’umanità nei conflitti a cui hanno partecipato in America Latina, Ossezia del Sud e Africa.

Il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) ha dichiarato di aver inviato 2.000 mercenari in Israele per combattere a Gaza. Il PKK è un’organizzazione terroristica riconosciuta a livello internazionale che ha ucciso oltre 30.000 persone in Turchia in tre decenni.

L’IDF ha paura di entrare nei tunnel scavati da Hamas, e teme di non uscirne vivi, e per questo motivo utilizza a questo scopo il PKK e altri mercenari, nonché combattenti mercenari provenienti da paesi europei, Iraq, Siria e L’America è arrivata in Israele.

I membri curdi del PKK inviati in Israele provengono principalmente dal nord dell’Iraq e sono stati inviati con l’aiuto di Masoud Barzani. Si stima che nella zona vivano circa 200.000 ebrei curdi, alcuni dei quali sono stati già inviati.

Crimini di guerra e genocidio

Gli stranieri che combattono per Israele a Gaza sono criminali di guerra e mercenari insieme all’IDF.

A dicembre, Thomas Portes , membro dell’Assemblea nazionale francese (Parlamento), ha rivelato una lettera che aveva inviato al ministro della Giustizia, Eric Dupond-Moretti, chiedendogli di indagare su circa 4.185 cittadini francesi che si ritiene avessero combattuto con l’IDF. La lettera, pubblicata su X, chiede che si indaghino sui crimini di guerra a cui i volontari francesi potrebbero aver preso parte mentre combattevano a Gaza, dove crimini di guerra sono stati ampiamente denunciati.

I volontari francesi costituiscono circa il 45% del totale dei volontari stranieri che si uniscono all’IDF come mercenari. Al contrario, i francesi comuni si sono riversati, a centinaia di migliaia, nelle strade a sostegno della Palestina e chiedendo un cessate il fuoco.

Secondo il rapporto del Ministero della Difesa israeliano, pubblicato nel 2016, gli americani contribuiscono per il 29% agli stranieri che si uniscono annualmente all’IDF, seguiti dagli inglesi con il 5%. Circa 100 britannici prestano attualmente servizio nell’IDF mentre continua la sua guerra genocida a Gaza.

L’80% dei mercenari di solito presta servizio per 18 mesi tra le fila dell’IDF e riceve la stessa retribuzione e lo stesso trattamento del personale regolare dell’IDF. La maggior parte di loro si unisce alla fanteria da combattimento dell’IDF, responsabile dell’uccisione quotidiana di palestinesi in Cisgiordania, Gerusalemme Est e Gaza. Oltre al normale stipendio mensile, ricevono quasi 7.000 dollari dopo aver completato la formazione.

I paesi occidentali chiudono un occhio

Nessun paese europeo, né gli Stati Uniti e il Regno Unito, hanno pubblicamente messo in guardia i propri cittadini dall’adesione all’IDF. I combattenti stranieri hanno preso parte ai crimini di guerra che hanno avuto luogo a Gaza.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Sociological Forum nel giugno 2022, almeno 1.200 americani prestano servizio nell’IDF in un dato momento. Lo studio ha rilevato che, ogni anno, circa 3.500 soldati ebrei stranieri hanno prestato servizio nell’IDF negli ultimi due decenni.

21 soldati americani sono stati uccisi quando l’IDF subì la più grande perdita giornaliera a Gaza per mano dei combattenti della Resistenza Palestinese, che uccisero un totale di 24 soldati dell’IDF invasore.

Sebbene non si conosca il numero preciso dei cittadini americani che combattono a Gaza, si ritiene che siano centinaia. Da quando è iniziato l’attacco israeliano a Gaza il 7 ottobre, almeno 10.000 persone che vivono negli Stati Uniti hanno ricevuto una bozza di avviso da parte dell’esercito israeliano di presentarsi in servizio. Molti di loro hanno la doppia cittadinanza israeliana, il che rende la responsabilità per possibili crimini di guerra una questione legale complicata, nonostante l’America’s Neutrality Act, risalente ai giorni della fondazione degli Stati Uniti, che rende illegale per qualsiasi cittadino americano prendere parte a qualsiasi guerra straniera o istituire una milizia a tale scopo. Tuttavia, la legge non è stata rafforzata di recente, poiché centinaia di americani hanno partecipato alle guerre in Ucraina, in Libia nel 2011 e, ora, a Gaza.

Oltre agli Stati Uniti, i combattenti stranieri che si uniscono all’IDF provengono da almeno cinque paesi europei, tra cui Italia, Francia, Belgio, Paesi Bassi e Regno Unito. Secondo il ministro degli Esteri italiano, Antonio Tajani, erano circa 18.000 i cittadini italiani che lavoravano e vivevano in Israele quando è iniziata la guerra, tra cui 1.000 che lavorano per l’IDF.

Nessun governo occidentale, finora, ha intrapreso alcuna azione per punire i propri cittadini che combattono per Israele mentre questa compie il genocidio a Gaza.

Rapporto curdo-israeliano

Israele è diventato l’unico paese a sostenere apertamente uno stato curdo indipendente, risultato dei buoni legami tra curdi ed ebrei.

Nel settembre 2017, Israele è diventato il primo e finora unico paese a esprimere apertamente sostegno agli “sforzi legittimi del popolo curdo per raggiungere uno Stato proprio”, come ha affermato il primo ministro Benjamin Netanyahu .

I curdi sono stati e continueranno ad essere alleati affidabili e a lungo termine di Israele poiché sono, come noi, un gruppo minoritario nella regione, secondo gli analisti curdo-israeliani.

Il rapporto tra Israele e il PKK e anche le forze Peshmerga del nord dell’Iraq non è una novità. Uno dei maggiori sostenitori del fallito referendum sull’indipendenza di Massoud Barzani nel 2017 è stato Israele. Mentre veniva fondato Israele, molti curdi ebrei immigrarono in Palestina. Attualmente in Israele vivono più di 200mila curdi ebrei. Mickey Levy, che una volta fu eletto presidente del parlamento israeliano, è uno di loro.

Il governo regionale del Kurdistan (KRG) nel nord dell’Iraq è rimasto in silenzio di fronte all’escalation della guerra israeliana a Gaza. Con delicati legami politici ed economici con Stati Uniti, Israele e Iran, spera di evitare di essere trascinato in un conflitto regionale.

La regione del Kurdistan è un’isola filoamericana in un mare di sentimenti antiamericani. Se la guerra dovesse intensificarsi, ci saranno pressioni su di essa da entrambe le parti.

I due partiti principali sono il Partito Democratico del Kurdistan (KDP) e l’Unione Patriottica del Kurdistan (PUK), e il principale potere politico spetta al Primo Ministro del KRG Masrour Barzani, che ha evitato accuratamente di commentare la guerra a Gaza.

Sebbene il KRG non abbia legami ufficiali con Israele, i due governi hanno legami economici e Israele ha sostenuto la creazione di uno stato curdo indipendente.

Se le autorità curde dovessero assumere un atteggiamento pro-USA e israeliano nella guerra a Gaza, i partiti sostenuti dall’Iran a Baghdad potrebbero decidere di aumentare la pressione sul KRG, e per questo motivo i curdi stanno cercando di evitare di prendere posizione.

Vogliono mantenere un equilibrio nel mezzo e apparire neutrali nella guerra in corso, mentre esprimeranno simpatia per i palestinesi come questione morale e considereranno la regione del Kurdistan e la sua popolazione non coinvolte, dicono gli analisti regionali.

Al contrario, i due partiti islamici della regione del Kurdistan – l’Unione Islamica del Kurdistan (KIU) e il Gruppo per la Giustizia del Kurdistan (KJG) – hanno condannato a gran voce il bombardamento di Gaza da parte di Israele.

Ci sono anche considerazioni economiche. Fino alla sospensione delle esportazioni indipendenti di petrolio della regione del Kurdistan nel marzo 2023, Israele era una delle principali destinazioni del greggio curdo a partire dal 2014. Secondo i media, a febbraio riceveva 183.000 barili al giorno, sebbene la quantità oscillasse di mese in mese.

Conclusione

Gli Stati Uniti stanno cercando di rendere i curdi partner di Israele. Ma molti curdi si schierano dalla parte del popolo di Gaza e della resistenza palestinese.

Alcuni hanno avvertito che i curdi, che si schierano con Israele a Gaza, diventerebbero un nuovo obiettivo nel mondo islamico insieme a Israele.

Per gli altri curdi c’è un senso di empatia con la sofferenza palestinese, ma sentono anche che esiste un immenso doppio standard contro i curdi. Ciò sta portando i curdi ad astenersi dal mostrare qualsiasi sostegno pubblico ai palestinesi.


Steven SAHIOUNIE
Steven Sahiounie è un pluripremiato giornalista siriano-americano con sede in Siria. È specializzato sul Medio Oriente. È apparso anche in TV e alla radio in Canada, Russia, Iran, Siria, Cina, Libano e Stati Uniti.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

4 commenti su “Gli Stati Uniti stanno cercando di rendere i curdi partner di Israele. Ma molti curdi si schierano dalla parte del popolo di Gaza e della resistenza palestinese.

  1. I Curdi. Per quanto i manipolatori mondiali statunitensi s’ adoperino per usarli a piacimento non sono che un etnia. Non sono uno stato, non hanno un esercito. Abitano quasi tutti in Anatolia nel Kurdistan. Verosimilmente potrebbero fornire guerriglieri ma non credo sia un opzione rilevante nel calderone cisgiordano.

  2. Caro Lollo sono più di 20 mil.,sparsi tra Turchia,Siria Iraq e confini dell’Iran.Sono e si sentono un popolo e sono sia muss.,P.R.G,,sia atei e moltissimi mazderiani, adoratori del fuoco.Il P.K.K.aveva forza e risonanza mondiale sotto A. Ochalan,leader che è stato arrestato per complotto ,guarda un po’,sionista, quando dall’Italia è stato convinto di farsi esiliare in Africa.Barzani non ha presa ne potere perché ,oramai, il movimento Curdo è indebolito e frastagliato.A parte l’era A. Ochalan ,quando l’Occidente li sosteneva nella legittima richiesta di indipendenza ed io pure,adesso sono un popolo in diaspora perenne ma non per questo ,noi Cristiani,non possiamo esimerci dal condannarli per il vero Ol……s.o, ossia l’estinzione e la cancellazione del popolo Armeno, quando i Turchi nazionalisti si servirono di loro come MALEDETTI MACELLAI.Ora per nemesi storica ,una piccola parte si rimette , nuovamente,al servizio degli sterminatori.

  3. Per giustificare l” invasione e occupazione USA & NATO della Siria e il furto di petrolio Siriano gli USA hanno deciso di creare uno Stato Curdo Fantoccio degli USA e “amico” e “alleato” di Israele usando la classica propaganda mediatica delirante ed ossessiva !
    Dal nulla gli USA creano stati Fantoccio con dittature fasciste Filo-USA cosi sperano di poter istigare i curdi anche ad aiutare Israele nello sterminio di due milioni di Palestinesi !
    Purtroppo il popolo curdo anche di recente è rimasto vittima di piccoli Genocidi da parte di nazioni Filo-USA ed Israele che spadroneggiava e bombsardava in tutta la regione NON ha MAI mosso un solo dito a difesa del popolo curdo !
    Non mi sembra che Israele negli ultimi 50 anni abbia bombardato Turchia -ISIS – Iraq -Siria per difendere il popolo Curdo o per difendere almeno il PKK l” unica organizzazione indipendente ! Israele che era l” indiscusso Padre Padrone di tutta l” area regionale adesso che ha perso la sua autorità militare e terroristica in tutta l” area diventa amico INTERESSATO dei Curdi ? Meglio perderlo che trovarlo un amico cosi !

  4. 3.900 € alla settimana, 25 mila dollari in caso di morte … pagano bene gli anglo sionisti con il denaro sottratto ai popoli che dominano ! E pensare che la propaganda occidentale ci fa il lavaggio del cervello, ripetendo un giorno si e l’altro pure, che Hamas sarebbe un gruppo terroristico ! Morte agli anglo sionisti !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM