Gli Stati Uniti stanno cercando di mantenere il loro dominio in un mondo che cambia

di Elena Panina

La Pax Americana sta finendo il vapore. Gli Stati Uniti e i loro tradizionali partner democratici non hanno né la capacità né il desiderio di consolidare il sistema internazionale interdipendente e di rifondare l’ordine liberale che hanno stabilito dopo la seconda guerra mondiale, in forma universale per il mondo intero “.

Questa è una citazione da un articolo di Richard Haas, presidente dell’American Council on Foreign Relations, e di Charles Kupchan, professore di relazioni internazionali alla Georgetown University e Senior Fellow presso il “Council on Foreign Relations”, pubblicato sulla edizione americana di Foreign Affairs.

L’articolo è intitolato “Nuovo concerto delle principali potenze mondiali”. La pubblicazione avanza la tesi che il mezzo migliore per garantire la stabilità in questo secolo è un accordo globale delle maggiori potenze. Come concepito dagli autori, il Concerto Globale del XXI secolo coinvolgerà sei partecipanti: Cina, Unione Europea, India, Giappone, Russia e Stati Uniti. Questi paesi trattengono il 70% del PIL mondiale e la stessa quota della spesa militare mondiale.
Citazione interessante: “La loro inclusione sarà determinata dal loro potere e influenza, non dai valori che sostengono o dalla natura del potere”.

Riunione del Council of Foreign elations


Si presume quanto segue. Il Global Concert è un organo consultivo, non un organo decisionale. Si concentrerà su questioni strategiche e sulla risoluzione di situazioni di crisi emergenti. Il Concerto Globale del XXI secolo è “una sorta di Olimpo, che sosterrà, non soppianterà l’attuale architettura internazionale, cercando il dialogo in essa”.
Qual è la prima cosa che attira la tua attenzione? Riconoscimento di fatto di un mondo multipolare. Secondo. Per quanto riguarda la composizione dei partecipanti, c’è una domanda sul Giappone, che è sotto il protettorato statunitense e non svolge un ruolo indipendente. L’assenza della Gran Bretagna al Global Concert, che parla del suo vero ruolo nel mondo dal punto di vista dell’élite americana.

Accordo Cina Russia

E la domanda principale. Perché gli USA? La risposta è semplice: questo è un tentativo di mantenere il loro dominio in un mondo che cambia, anche se in un formato essenziale.
Per quanto riguarda la Russia, il “nuovo concerto” è un “vecchio concerto” ben studiato dei secoli XVIII-XIX delle monarchie europee, in cui la Russia ha svolto uno dei ruoli principali: “non un solo colpo di cannone sparato”. Quindi conosciamo molto bene le regole di un tale “concerto”, perché sono state scritte molto tempo fa.

Elena Panina

News Front

Traduzione: Sergei Leonov

1 Commento
  • mario
    Inserito alle 21:02h, 29 Marzo Rispondi

    RUSSIA CINA ULTIMA SPERANZA DI LIBERTA”………………………………………………………..

Inserisci un Commento