Gli Stati Uniti sperano di strappare la vittoria dalle fauci della sconfitta in Ucraina


di MK BHADRAKUMAR

L’alto funzionario dell’intelligence ucraina Kirill Budanov ha proposto una zona smilitarizzata di 100 km tra Ucraina e Russia
La dichiarazione di 2700 parole dei leader del G7 sull’Ucraina , rilasciata a Hiroshima dopo il vertice di ieri, ha sorvolato sulla questione scottante: la cosiddetta controffensiva contro le forze russe.

È un silenzio assordante, poiché girano voci sulla scomparsa del comandante in capo delle forze armate ucraine. Significativamente, lo stesso presidente Vladimir Zelensky si sta allontanando da Kiev in tournée nelle capitali mondiali: Helsinki, L’Aia, Roma, Vaticano, Berlino, Parigi, Londra, Gedda e Hiroshima. Sembra che qualcosa sia marcio nello stato della Danimarca.

Al termine del vertice del G7, il capo della Wagner PMC, Yevgeny Prigozhin, ha annunciato sabato che l’operazione russa per catturare l’hub di comunicazione strategico di Bakhmut nella regione del Donbass dell’Ucraina orientale della durata di 224 giorni, è stata portata a termine con successo, superando il resistenza di oltre 80.000 soldati ucraini.

È un momento doloroso per Zelensky, che lo scorso dicembre si era vantato davanti ai parlamentari statunitensi a Capitol Hill che “proprio come la battaglia di Saratoga (nel 1777 durante la guerra d’indipendenza americana), la lotta per Bakhmut cambierà la traiettoria della nostra guerra per l’indipendenza e per la libertà”.

Nel frattempo, per distogliere l’attenzione, si parla ora di un sottile cambiamento nella politica statunitense in merito alla fornitura di aerei da combattimento F-16 all’Ucraina in un futuro indeterminato. In realtà, però, nessuno può dire come sarà lo stato di groppa ucraino quando arriveranno i jet. Non sorprende che l’amministrazione Biden sembri ancora avere due menti. L’F-16 è un articolo caldo per l’esportazione; cosa succederebbe se i russi lo facessero esplodere dal cielo con le loro armi ad alta tecnologia e spazzassero via la sua fama?

I russi sembrano aver concluso che niente di meno che una vittoria totale farà capire agli americani e agli inglesi che Mosca fa sul serio sui tre obiettivi dietro le operazioni militari speciali che non sono negoziabili: sicurezza e incolumità della comunità etnica russa e dei loro diritto a vivere in pace e dignità nei nuovi territori; smilitarizzazione e denazificazione dell’Ucraina; e un’Ucraina neutrale, sovrana, indipendente, liberata dalle grinfie degli Stati Uniti e non più un vicino ostile.

A dire il vero, i livelli senza precedenti di ostilità degli Stati Uniti nei confronti della Russia hanno solo rafforzato la determinazione di Mosca. Se l’alleanza anglosassone continua a salire la scala dell’escalation, la campagna di Russia potrebbe benissimo espandere l’operazione all’intera regione a est del fiume Dnepr. I russi sono in questa guerra a lungo termine e la palla è nel campo americano.

Mi viene in mente un discorso pronunciato lo scorso luglio dal presidente Vladimir Putin alla Duma. Aveva detto: “Oggi abbiamo sentito che vogliono sconfiggerci sul campo di battaglia. Bene, cosa posso dire? Lasciali provare. Abbiamo già sentito parlare molto dell’Occidente che vuole combatterci “fino all’ultimo ucraino”.
Questa è una tragedia per il popolo ucraino, ma sembra che sia lì che si sta andando. Ma tutti dovrebbero sapere che, in linea di massima, non abbiamo ancora avviato nulla sul serio”.

Bene, l’operazione russa è finalmente iniziata “sul serio”. Il pensiero dietro il ritardo è inequivocabile. Putin ha sottolineato nel suo discorso che l’Occidente dovrebbe sapere che più a lungo va avanti l’operazione militare speciale della Russia, “più difficile sarà per loro negoziare con noi”.

Pertanto, la grande domanda riguarda la controffensiva ucraina. Le forze russe godono militarmente di una schiacciante superiorità in tutti i sensi. Anche se lo zoccolo duro delle forze ucraine addestrate in Occidente, che conta circa 30-35.000 soldati, riesce a ottenere qualche “sfondamento” nella linea del fronte lunga 950 chilometri, cosa succede dopo?

Non commettere errori, seguirà un massiccio contrattacco russo e i soldati ucraini potrebbero solo finire in una trappola di fuoco e subire enormi perdite a decine di migliaia. Cosa avrebbe ottenuto l’asse anglosassone?

Inoltre, l’esercito ucraino si sarà così completamente esaurito che nulla impedirà alle forze russe di avanzare verso Kharkov e Odessa. Qui sta il paradosso. Perché, da quel momento, i russi non avranno più nessuno con cui parlare.

Se il comportamento americano del passato – che si tratti di Vietnam, Afghanistan o Iraq e Siria – è qualcosa su cui basarsi, Washington non farà nulla. Il noto pensatore strategico americano Col. (Retd.) David MacGreggor non avrebbe potuto spiegare meglio le cose quando ha detto all’inizio di questa settimana:

“Posso dirvi che Washington non farà nulla. E ho sempre avvertito … noi (Stati Uniti) non siamo una potenza continentale, non una potenza terrestre da nessuna parte se non nel nostro emisfero. Siamo principalmente una potenza aerospaziale e marittima, proprio come la Gran Bretagna. E cosa significa? Quando le cose vanno male per noi, salpiamo via, voliamo via, torniamo a casa… Questo è quello che facciamo sempre. Alla fine, ce ne andiamo. E penso che sia all’ordine del giorno ora.

Il silenzio di pietra della dichiarazione del G7 sulla controffensiva ucraina è comprensibile. La dichiarazione del G7 deve essere giustapposta a un rapporto apparso su Politico alla vigilia del vertice di Hiroshima che, citando alti funzionari statunitensi, ha elaborato un piano audace per trasformare la guerra in Ucraina in un “conflitto congelato” sull’analogia della penisola coreana o Kashmir.

Un funzionario del Pentagono ha dichiarato al quotidiano che i recenti pacchetti di aiuti militari all’Ucraina riflettono il “passaggio a una strategia a lungo termine” dell’amministrazione Biden. Secondo quanto riferito, i funzionari statunitensi stanno già parlando con Kiev della natura della loro futura relazione.

Principalmente, se l’offerta dell’Ucraina per l’adesione alla NATO dovesse andare in stallo, le garanzie occidentali potrebbero variare da un accordo di mutua difesa in stile NATO in base all’Articolo 5 ad accordi sulle armi in stile Israele con l’Ucraina in modo che “il conflitto finisca da qualche parte tra una guerra attiva e una situazione di stallo agghiacciante. “

In effetti, la dichiarazione del G7 ha iniziato a concettualizzare l’“europeizzazione” dell’Ucraina con le riforme, l’economia di mercato guidata dal settore privato e dalle istituzioni finanziarie occidentali, e l’aumento della capacità deterrente di Kiev nei confronti della Russia militarmente.

È piuttosto sorprendente. Difficilmente è stata svelata una narrazione errata – che sposa la sconfitta militare della Russia in Ucraina e il rovesciamento di Putin -, un’altra narrazione viene sollevata, basata sull’idea semplicistica che la Russia semplicemente si ribalterà e guarderà passivamente gli Stati Uniti che integrano l’Ucraina nel sistema di alleanze occidentali per creare una ferita aperta che si sta marcendo ai confini occidentali della Russia che prosciugherà risorse per i decenni a venire e complicherà i legami con i vicini.

Tuttavia, la reazione del ministro degli Esteri russo Lavrov al vertice del G7 conferma che Mosca non cadrà nella trappola di un “conflitto congelato”. Lavrov ha detto: “Potreste dare un’occhiata a quelle decisioni che sono state discusse e adottate al vertice del G7 a Hiroshima e che mirano al doppio contenimento della Russia e della Repubblica popolare cinese?

“L’obiettivo è stato annunciato forte e franco, ovvero sconfiggere la Russia sul campo di battaglia e, senza fermarsi a questo, eliminarla successivamente come rivale geopolitico, per così dire, insieme a qualsiasi altro paese che rivendica un posto indipendente nel mondo , saranno soppressi come oppositori”.

Lavrov ha anche sottolineato che la comunità di esperti dei paesi occidentali sta apertamente discutendo l’ordine di elaborare scenari finalizzati alla disgregazione della Russia, e “non nascondono che l’esistenza della Russia come centro indipendente è incompatibile con l’obiettivo del dominio globale dell’Occidente .” Il ministro ha detto: “Dobbiamo dare una risposta ferma e coerente alla guerra che ci è stata dichiarata”.
Tuttavia, non è che gli americani siano incapaci di vedere la guerra attraverso gli occhi della Russia
. Leggi qui una lettera che chiede un po’ di sanità mentale a Washington, scritta da un gruppo di illustri ex diplomatici americani e funzionari militari associati all’Eisenhower Media Network. A proposito, hanno pagato per averlo sul New York Times, ma il resto dei media dell’establishment ha scelto di ignorarlo.

Fonte: Indian Punchline

Traduzione. Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM