Gli Stati Uniti sono i principali responsabili dell’attuale tragica situazione in Medio Oriente

Autore: Vladimir Mashin
Gli Stati Uniti avevano recentemente monopolizzato gli sforzi di mediazione nel processo di risoluzione del Medio Oriente, mettendo da parte gli altri attori. In sostanza, Washington ha intrapreso un percorso volto a marginalizzare il problema palestinese e bisogna ammettere che avevano ottenuto alcuni risultati. La normalizzazione delle relazioni di Israele con diversi stati arabi – Emirati Arabi Uniti, Bahrein, Sudan e Marocco, ottenuta principalmente grazie all’attività dell’amministrazione Trump, aveva dato l’impressione che la soluzione della questione palestinese fosse diventata un compito secondario.

Secondo la rivista inglese The Economist, Biden “ha trascorso i primi tre anni della sua presidenza cercando di ignorare il conflitto. Avrà altre cose per la testa nel 2024, e né gli israeliani né i palestinesi probabilmente si imbarcheranno in un processo di pace con un presidente che potrebbe presto essere cacciato via”.

L’attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre ha riportato la questione palestinese sulle prime pagine dei giornali e sugli schermi televisivi.

Va notato che i rapporti tra l’attuale governo israeliano e l’amministrazione Biden negli ultimi mesi precedenti il ​​7 ottobre erano stati molto tesi a causa dei disaccordi sulla riforma del sistema giudiziario, che hanno creato una spaccatura senza precedenti nella società israeliana. Questa tensione è nata anche a causa della politica di controllo israeliana in Cisgiordania annunciata dalla coalizione al potere. Tutto questo ha avuto un impatto negativo sulle relazioni di Israele con l’amministrazione statunitense e ha rinviato l’incontro tra il presidente Biden e il primo ministro Netanyahu fino al loro incontro a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a settembre.

La divisione politica in Israele è diventata un fattore che, per usare un eufemismo, ha offuscato la percezione regionale del paese, indebolendone la posizione e contribuendo alla decisione di Hamas di effettuare una sortita il 7 ottobre.

La stampa americana ha notato che il controverso desiderio del governo di riformare il sistema giudiziario ha avuto un ruolo nel minare la sicurezza nazionale di Israele, e che l’attuale guerra a Gaza probabilmente eliminerà definitivamente questa questione dall’agenda.

Bambini a Gaza

“L’esercito israeliano”, ha osservato l’altro giorno la rivista Foreign Affairs, “non è attrezzato, né culturalmente né tatticamente, per gestire un’occupazione militare a lungo termine della Striscia di Gaza. Israele ha quindi bisogno di avere una visione chiara dei propri punti di forza e di capire su quale dei suoi alleati può contare per ottenere sostegno. Gli Stati Uniti saranno cruciali, ma lo saranno anche gli Stati arabi con cui Israele ha firmato accordi di pace o di normalizzazione. Israele deve anche considerare come collaborare con le Nazioni Unite e l’Autorità Palestinese (ANP), guidata dal presidente Mahmoud Abbas.

La maggior parte degli israeliani diffida delle Nazioni Unite a causa del suo pregiudizio anti-israeliano. Si tratta, tuttavia, forse dell’unica organizzazione globale con la conoscenza e la credibilità necessarie per condurre un efficace sforzo di stabilizzazione postbellica a Gaza. Nessun progetto per il “dopodomani” a Gaza può escluderlo”.

È interessante notare a questo proposito che i media come Politico hanno già notato l’altro giorno che i responsabili dell’impreparazione di Israele nel respingere l’attacco di Hamas, compreso il Primo Ministro e membri del suo gabinetto, potrebbero dimettersi. Sulla stampa occidentale vengono pubblicati articoli analitici sul fatto che Israele, a causa delle sue capacità relativamente limitate, non può permettersi una lunga guerra.

Inoltre, l’ampio movimento globale di solidarietà con i palestinesi, insieme alle riprese della mostruosa distruzione nella Striscia di Gaza dovuta agli attacchi dell’esercito israeliano e al numero crescente di abitanti di Gaza morti e feriti, soprattutto bambini, impressionano anche l’opinione pubblica americana – gli appelli sono farsi sentire con più vigore, anche nel Congresso degli Stati Uniti, per allontanarsi dall’approccio unilaterale negli affari mediorientali.

Nei paesi del Sud del mondo le posizioni americane sono aspramente criticate: la tesi è che nel conflitto in Ucraina Washington ha costantemente parlato della componente umanitaria del processo, mentre per Gaza gli americani semplicemente non vogliono accorgersi dell’omicidio di migliaia di bambini palestinesi. Il presidente turco Erdoğan ha affermato che l’Occidente versa “lacrime di coccodrillo” sulle vittime in Ucraina e ignora l’effettivo genocidio del popolo palestinese.

Il settimanale egiziano Ahram Weekly ha scritto il 2 novembre di quest’anno: “Gli alleati occidentali di Israele hanno dimostrato di essere i veri resti del loro passato imperiale e di essere gestiti da governi compromessi che si aggrappano al potere attraverso l’inganno, la guerra, e corruzione. Questi paesi hanno sostenuto attivamente Israele nella sua violenza contro la Palestina negli ultimi cinque decenni, le loro mani grondanti del sangue dei palestinesi, tra cui miglia di bambini piccoli. … Ciò rappresenta il collasso del sistema politico occidentale, che si suppone sia basato sui principi della democrazia”.

Il sito web di Al Jazeera del 3 novembre ha sottolineato che la maggior parte delle istituzioni in Nord America, Europa occidentale e altrove stanno partecipando attivamente a questo genocidio, oppure sono completamente silenziose e sono quindi complici.

Bambini a Gaza

Come ha osservato recentemente il noto giornalista Ray Hanania, i media americani raramente mostrano immagini di donne e bambini palestinesi uccisi o trascinati fuori dalle macerie degli edifici distrutti. Ma queste esistono. E si stanno diffondendo sui social network. Quando gli americani vedranno la verità, il loro atteggiamento nei confronti dei crimini di guerra di Israele a Gaza cambierà nello stesso modo in cui videro la verità sui crimini di guerra in Vietnam.
Oggi in tutto il mondo si sentono voci secondo cui occorre fermare l’offensiva militare di Israele e le uccisioni di massa di donne, bambini e anziani palestinesi.

Molti sono allarmati nell’avvertire che esiste una reale minaccia di estensione del conflitto con il coinvolgimento di nuovi paesi e attori.

È stato riferito che l’11 novembre si è riunito a Riyadh un vertice d’emergenza degli stati arabi e islamici, nel quale si sono discussi gli sforzi per porre fine alla violenza a Gaza.

Nei paesi occidentali molti si oppongono alla politica dell’establishment che sostiene unilateralmente Israele: le richieste di fermare le operazioni militari e fornire assistenza umanitaria agli abitanti di Gaza si fanno sempre più forti.

Vladimir Mashin, Ph.D. in Storia, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook ” (Fonte)

Traduzione: Luciano Lago

4 commenti su “Gli Stati Uniti sono i principali responsabili dell’attuale tragica situazione in Medio Oriente

  1. Affinchè Israele non si senta solo, gli USA hanno mandato a fare compagnia due portaerei,un sommergibile nucleare, altre navi comprese due italiane

  2. Israele è un paese che soffre di disturbi mentali. Basta sentire cosa dicono i loro rabbini o leggere le loro sacre scritture per rendersi che non potrà MAI vivere in pace. Non è nel suo DNA culturale. “INIMICI GENERIS HUMANIS” dicevano gli imperatori romani.

  3. Ogni tanto si acuisce la situazione in Palestina, purtroppo solo massacri in grande stile la ripropongono all’attenzione dell’opinione pubblica internazionale, distratta da tante altre vere e false emergenze, e accentua la necessità di spianare l’entità sionista una volta per tutte !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM