Gli Stati Uniti si trovavano in una posizione molto pericolosa dopo le esplosioni al Nord Stream

Il sabotaggio avvenuto sui gasdotti Nord Stream e Nord Stream 2 potrebbe portare gli Stati Uniti a gravi conseguenze sulla politica estera.

Le autorità americane hanno iniziato a prendere parte al cosiddetto “gioco della colpa”, che è un pericoloso precedente per Washington. Questa conclusione è stata fatta dai giornalisti della testata informativa Fox News. Gli autori del materiale hanno parlato in dettaglio dell’incidente sul fondo del Mar Baltico e hanno anche spiegato perché, dopo le esplosioni al Nord Stream, gli Stati Uniti si sono trovati in una posizione molto pericolosa.

Gli osservatori di Fox News hanno innanzitutto notato che la comunità mondiale aveva già valutato l’incidente del Nord Stream, riconoscendo che si trattava di un vero e proprio sabotaggio. Al momento, i paesi stanno conducendo un’indagine per stabilire le cause e il colpevole di questo incidente.

I giornalisti hanno notato che le esplosioni al Nord Stream hanno creato un pericoloso precedente internazionale: il “gioco delle accuse”. Stiamo parlando di alcuni cambiamenti di politica estera che possono essere un catalizzatore per un nuovo grande conflitto internazionale. Gli Stati Uniti, d’altra parte, si trovano in una posizione pericolosa in questo processo, poiché diversi fattori indicano contemporaneamente il coinvolgimento di Washington nel minare un gasdotto importante per l’Europa.

“Ora siamo in un posto molto pericoloso. Un evento del genere potrebbe innescare una guerra mondiale. Gli Stati Uniti si stanno lentamente muovendo dritti verso la terza guerra mondiale “, hanno osservato gli autori del materiale.
Washington è già diventata un partecipante diretto al “gioco delle accuse”. Alcune forze politiche europee accusano apertamente le autorità americane di aver compiuto questo sabotaggio, che può avere un impatto estremamente negativo sulla posizione degli Stati Uniti sulla scena internazionale.

Fonte: Fox News

Traduzione e sintesi: L. Lago

8 Commenti
  • Teresa
    Inserito alle 07:30h, 03 Ottobre Rispondi

    Quasi tutto l’occidente è schiavo degli Usa, credete che anche se trovassero qualcosa che porti l’america ad essere la vera colpevole, i sudditi parleranno? Ma daii

  • Farouq
    Inserito alle 08:54h, 03 Ottobre Rispondi

    Non innesca un ca.., chi ha strisciato come un verme per anni continuerà a farlo.

  • Monk
    Inserito alle 09:08h, 03 Ottobre Rispondi

    Il mondo è grande, basterebbe incenerire USA, Cina, Israele e Gran Bretagna per ritrovare pace e serenità.

    • Svetlana Dedulja
      Inserito alle 12:50h, 03 Ottobre Rispondi

      La Cina,no. E’ il miglior alleato di Russia.

  • Gasparino
    Inserito alle 12:10h, 03 Ottobre Rispondi

    Gli Stati Uniti si sono trovati in una posizione molto pericolosa ? Io non son tra quelli che credono in Babbo Natale. Baiden s’è capito che è un pericolo pubblico mondiale, modellato della stessa materia/merdosa di Zelensky . Ed è troppo scontata la complicità che hanno avuto i guardiani del tratto di mare dov’è accaduto il sabotaggio ( Norvegia, Svezia e Nato ) che hanno fatto finta di niente e si sono svegliati quando il lupo aveva sbranato tutte le pecore .
    La verità scontata ” visto che le sanzioni non hanno recato nessun effetto ” hanno fatto sì che questo danno arrecato di miliardi di dollari possa adesso mettere sull’avviso il Presidente Putin . . a più senso di resa all’USA & C.ny che vogliono l’annientamento della Russia.
    Ha ragione Farouq nel definire ( che Washington se ne frega alla grande delle accuse ” veniali ” che gli vengono addossate ) già, chi nasce tondo non muore quadrato, intanto Scoreggione sta guadagnado milioni di dollaroni col trasporto del suo Gas con navi Gargo a tutta l’Europa e mettendo in crisi tutta l’industria Tedesca.

    • Svetlana Dedulja
      Inserito alle 12:52h, 03 Ottobre Rispondi

      La Cina,no. E’ il miglior alleato di Russia.

  • natalino
    Inserito alle 16:18h, 03 Ottobre Rispondi

    Che gli frega a The Bidon(e) della posizione scomoda in cui, a seguito del sabotaggio, si trovano gli USA.
    Il problema di fondo é che PUTIN deve essere fermato con qualunque mezzo e a tutti i costi. Tutti i draghi del ghota politico europeo lo stanno dicendo da quando é cominciata la guerra: PUTIN non puó e non deve vincere strategicamente salvo la fine del mondo occidental-centrico.
    Quindi l’azione di sabotaggio del N.S. rientra nell’ottica di normali azioni di contenimento e contrasto strategico della Russia.
    Partendo da questi presuposti, l’occidente non ha altre possibilitá di fermare Putin se non ricorrendo a tutti i mezzi e le azioni vili possibili e si spingerá ancora molto oltre questo atto ostile .
    L’occidente detto anche pomposamente comunitá della naioni e/o mondo libero non puó perdere salvo la sua fine per cui consiglio tutti i gentili lettori di questo blog di mettersi comodi per assistere ad altre azioni ancora peggiori.

  • antonio
    Inserito alle 07:39h, 04 Ottobre Rispondi

    Germania Italia Austria Ungheria e Prussia passano con l’ Aquila Bicipite dell’ Impero
    contro Padre Satana

Inserisci un Commento