Gli Stati Uniti si preparano attivamente alla guerra con la Russia

di Valery Kulikov

Poiché il rapporto tra Stati Uniti e Russia è peggiorato negli ultimi anni, è abbastanza chiaro per l’autore che, al giorno d’oggi, l’amministrazione statunitense ha cercato uno scontro con la Federazione Russa, che si tratti di politica, commercio o persino la costruzione del Nord Stream 2 (che non interessa agli Stati Uniti) destinato per l’Unione Europea (UE). E il presidente Joe Biden sta apparentemente cercando di raggiungere questo obiettivo usando una retorica abbastanza aggressiva e ideologicamente divisiva come strumento.

Sulla base di una serie di rapporti pubblicati dai media americani e occidentali, a parte la propaganda anti-russa, il governo degli Stati Uniti ha essenzialmente iniziato i suoi preparativi per un’invasione della Russia attraverso i paesi baltici, il Mar Nero, l’Oceano Artico e le regioni confinanti con il Federazione Russa all’Est.

Secondo un rapporto del 17 maggio su Business Insider, la “US Special Operations Europe (SOCEUR) ha condotto la sua più grande esercitazione annuale in concomitanza con una più piccola” con truppe di diversi paesi membri e partner della NATO. Entrambe le esercitazioni sono state organizzate “contemporaneamente per simulare un conflitto in piena regola con la Russia che va dagli Stati baltici e dalla Scandinavia meridionale all’Ucraina e alla regione del Mar Nero”. Gli esercizi realistici sono stati chiamati Trojan Footprint 21 e Black Swan 21 e “si sono svolti in Romania e in tutta l’Europa orientale”. L’articolo affermava anche che la Crimea “sarebbe un ambiente ideale per le operazioni di guerra speciale navale”. In effetti, le squadre SEAL statunitensi sono già in grado di condurre “incursioni e imboscate sulla spiaggia, ricognizioni speciali marittime e terrestri, e operazioni speciali subacquee, come posizionare sensori sull’oceano o mine su navi nemiche”.
L’autore dell’articolo ha anche affermato che le installazioni radar russe e l’A2/AD (anti-accesso/rifiuto dell’area) “batterie e sistemi di comando e controllo sarebbero un obiettivo logico per i plotoni SEAL”. Le due esercitazioni hanno essenzialmente mostrato “come le unità convenzionali e quelle per operazioni speciali avrebbero lavorato insieme in un grave conflitto con la Russia”.

Truppe USA in Est Europa

Secondo Business Insider, l’esercito russo ha rafforzato la sua presenza in Crimea sin dalla sua annessione, “rendendola una fortezza apparentemente impenetrabile a guardia del fianco meridionale di Mosca sia da terra che dall’aria”, e rendendo l’invasione una vera sfida.

A questo punto, vale la pena ricordare ai cercatori di vendetta negli Stati Uniti che la Crimea è stata vista per molto tempo come la roccaforte della Russia. In effetti, una serie di cimiteri per i combattenti stranieri nella penisola ricordano la sanguinosa storia di questa terra. E in passato, non c’erano militari apertamente gay a differenza di oggi negli Stati Uniti e negli eserciti dei suoi alleati.

Un articolo del 17 maggio su The National Interestha riferito che gli Stati Uniti avevano un piano per attaccare Kaliningrad, che è stato descritto come “un’unica sinfonia di violenza per abbattere le difese avanzate”. Il generale Jeffrey L. Harrigian, comandante delle forze aeree statunitensi in Europa, ha affermato che la città e la sua guarnigione “potrebbero essere obiettivi primari per” operazioni multidominio. Sydney J. Freedberg Jr., vicedirettore di Breaking Defense, ha chiarito che ci sarebbero stati attacchi simultanei a Kaliningrad dall’aria, dalla terra, dal mare e dal cyberspazio, ovvero “un’unica sinfonia di violenza per abbattere le difese avanzate”. Gli hacker potrebbero prima “interrompere le reti di comunicazione mentre gli aerei inceppati confonderebbero i radar”.
Nel frattempo, “bombardieri, navi e sottomarini potrebbero lanciare missili da crociera a lungo raggio” e le forze di terra “sparare razzi”. I caccia stealth e i bombardieri sarebbero quindi in grado di “penetrare le difese sopravvissute per sganciare armi guidate dal GPS”.

Tuttavia, le persone dietro i piani di cui sopra sembrano aver dimenticato la possibilità di un massiccio attacco antimissile contro gli Stati Uniti e i suoi alleati europei, nonché il potenziale danno che le armi ipersoniche russe potrebbero causare a coloro che battono i tamburi di guerra e a chiunque altro trascinato nel conflitto… Infatti sono stati i sistemi missilistici russi Katyusha a cambiare le sorti della seconda guerra mondiale.

I preparativi per un’invasione armata della Russia non sono più tenuti nascosti nell’Unione europea. Durante la riunione del Consiglio Affari Esteri dell’UE del 6 maggio che coinvolge i ministri della Difesa dell’UE, è stata presa la decisione di accogliere le richieste di Canada, Norvegia e Stati Uniti di partecipare alla PESCO (Cooperazione strutturata permanente, parte della politica di sicurezza e di difesa dell’Unione europea) progetto Mobilità Militare. I tre paesi sarebbero i primi stati ad essere invitati a partecipare all’iniziativa. Ma lo stesso progetto di mobilità militare non è tanto incentrato sulla difesa, poiché questa iniziativa che si concretizza darebbe all’Occidente l’opportunità di trasferire circa 50.000 persone negli stati baltici. Un problema al momento è la scarsa infrastruttura nell’UE, specialmente nell’Europa orientale. Quindi, nel prossimo futuro, il piano è di aggiornarlo in modo che strade, ponti, ferrovie ecc. siano in grado di far fronte a grandi quantità di trasporto militare pesante.

Truppe NATO in Ucraina

Il ministro della Difesa tedesco Annegret Kramp-Karrenbauer ha accolto con favore l’iniziativa di invitare le tre nazioni summenzionate a partecipare al progetto Mobilità militare e l’ha descritta come “un altro grande passo nell’alleanza transatlantica e nella cooperazione tra l’Unione europea e la NATO”. Il suo sostegno all’iniziativa potrebbe derivare dal ricordo di campagne militari di successo del passato, ad esempio durante la guerra franco-prussiana (1870-1871). Tuttavia, Kramp-Karrenbauer è apparentemente all’oscuro dei tentativi falliti di conquistare l’Impero russo e l’Unione Sovietica nel XIX e XX secolo.

Come parte della campagna di propaganda anti-russa, alcune fotografie davvero impressionanti sono state recentemente pubblicate dai media occidentali che mostrano esercitazioni marittime, soprannominate Exercise Ragnar Viking, che hanno coinvolto navi della Royal Navy britannica, della Marina degli Stati Uniti, della Marina francese e della Royal Norwegian Navy. La guidaha riferito che, secondo la Marina degli Stati Uniti, le esercitazioni avevano lo scopo di “mostrare la coesione, la solidarietà e la credibilità della NATO di alto livello nei mari di Norvegia, Nord e Baltico”. L’articolo affermava anche che elementi specifici dell’esercitazione “includevano una dimostrazione di capacità di attacco a lungo raggio dal Nord Atlantico alla Lituania, sbarchi anfibi in Norvegia, oltre a operazioni di guerra antisommergibile e di gruppi di azione di superficie nel Nord Atlantico”.

Sfortunatamente, gli esempi sopra menzionati non sono gli unici indicativi di una politica vendicativa nei confronti della Russia adottata di recente dagli Stati Uniti e dai suoi alleati della NATO, che è in diretto contrasto con le dichiarazioni fatte dal presidente Joe Biden e dal segretario di Stato americano Antony Blinken che esprimono la volontà di avere un rapporto più stabile e prevedibile con la leadership russa.

Valery Kulikov, esperto di politica, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook ” (Fonte)

Traduzione: Luciano Lago

13 Commenti
  • ARMIN
    Inserito alle 17:55h, 03 Giugno Rispondi

    Lasciateli abbaiare questi “guerrieri” della domenica, sono PERDENTI e JELLATI.

    Testimoni oculari hanno confermato che i prigionieri americani nella guerra di Corea erano di un servilismo sconvolgente.

    La Popolazione americana non è guerrafondaia, ma lo è il “deep state” cioé quella parte MALATA MENTALE della “élite”,
    quella mondialista e malvagia.

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 17:58h, 03 Giugno Rispondi

    Se la guerra non si potrà evitare, a causa degli assassini usa-nato scatenati come belve sanguinarie dagli elitisti, persa per persa (anche il territorio italiano sarà colpito), spero che la Santa Russia prepari un contrattacco rapido e devastante, distruggendo Olso, Londra, Berlino, Varsavia e arrivando fino alle coste atlantiche della Francia e della penisola iberica.
    Speriamo che risparmino Roma,visto che gli italiani non contano niente …

    Cari saluti

    • Monk
      Inserito alle 09:17h, 04 Giugno Rispondi

      Con tutto il merdaio che c’è a Roma la colpirei immediatamente.

  • Hannibal7
    Inserito alle 18:41h, 03 Giugno Rispondi

    Ecco,ci risiamo…prepariamoci per la guerra,l’ennesima direi,da quando leggo questo sito……
    Comunque…mi sa che,da quanto ho letto,gli yankees facciano un po’ i conti senza l’oste….
    Su avia-pro qualche giorno fa ho letto che gli F-35 stanziati in Estonia (che dovrebbero essere quelli italiani) non sono stati in grado di intercettare un Su-27 russo sul Baltico….
    ….
    https://avia.pro/news/istrebiteli-f-35-ne-uspeli-otreagirovat-na-poyavlenie-rossiyskogo-su-27-nad-baltiyskim-morem
    …a parte questo inconveniente… nell’articolo
    leggo fantasie del tipo “attaccare Kaliningrad “….dall’aria…dal mare…dalla terra…e da Marte no????
    Ma lo sanno che è territorio russo???
    Prevedo già la risposta russa se questa assurda azione dovesse (miracolosamente) andare a buon fine…una pioggia di testate nucleari russe sull’intera Europa per prima…
    Le botte che gli ameri-CANI hanno preso in giro per il mondo ancora non le hanno capite
    Saluti né

  • eusebio
    Inserito alle 19:44h, 03 Giugno Rispondi

    A questo punto non si capisce a cosa serva l’incontro tra Putin e la marionetta dei sionisti Biden il 16 giugno a Ginevra, i sionisti sono disperati, l’accordo economico tra Cina e Iran comincia a dare i suoi frutti, l’Iran si rafforza soprattutto sul piano tecnologico, forse un rovesciamento di Putin in Russia rischiando la guerra atomica è l’unica possibilità per imporre alla Cina da parte dell’impero anglosionista di abbandonare l’Iran all’aggressione militare sionista.
    Se l’Ucraina a guida giudaica non recupera la Crimea i sionisti non potranno riprendere la guerra in Siria per imporre zone di sicurezza e colonizzazione sionista fino a Damasco ed oltre, e se i sionisti perdono la loro colonia ucraina il peso egemonico del blocco eurasiatico via Serbia arriverà fino all’Adriatico.
    Negli USA tra le etnie non ebraiche monta la rabbia verso il dominio dei sionisti, finchè la densità di popolazione era bassa e la ricchezza da spartire era elevata i conflitti tra le varie etnie provocati ad arte dai sionisti con il divide ed impera per imporre il loro dominio erano controllabili, ma ormai la popolazione è obbligata a mescolarsi e le aggressioni tra etnie diverse sono continue, presto potrebbe scoppiare una guerra razziale generalizzata e i sionisti perderebbero il loro golem con cui difendere il loro avamposto in Palestina, quindi devono rovesciare i governi russo e cinese adesso.

  • Enriquelosroques
    Inserito alle 20:24h, 03 Giugno Rispondi

    HOLLYWOOD!! Bisogna essere proprio dei dementi pensare che tagliare le comunicazioni va in palla tutto il sistema di difesa russo. Sembra che i russi siano degli sprovveduti. Articolo che era meglio non pubblicare.

  • ARMIN
    Inserito alle 20:27h, 03 Giugno Rispondi

    Mi permetto di dissentire sui sionisti.

    Negli Stati Uniti comandano i Puritani anglosassoni da secoli, i sionisti sono arrivati in America
    alla fine dell’ottocento, e non sono maiI stati amati dai Puritani..

    Il club più esclusivo in America per ricchi miliardari Puritani ………….è precluso ai miliardari sionisti.

    Il povero Bernie Madoff è stato condannato a 150 ANNI DI GALERA, strano poiché era miliardario ed ebreo.

    I sionisti collaborano con i potenti di turno, ma non sono i direttori d’orchestra.

    Ma la prova evidente, secondo me, è l’Israele: se i sionisti comandavano l’America, non aspettavano
    gli inglesi per la Dichiarazione di Balfour..

    I Puritani usano i sionisti come “LO SPECCHIETTO PER LE ALLODOLE” :. quando dovesse scoppiare la Rivolta, saranno attaccati questi ultimi, perché “comandano loro”..

  • luther
    Inserito alle 23:02h, 03 Giugno Rispondi

    ma cosa credono di fare con tutte queste provocazioni? È finito il tempo di riuscire a mettere paura a qualcuno. Possibile che non l’abbiano ancora capito? Oppure, stanno facendo come il basilisco che prima si gonfia per mettere paura e poi se la da a gambe?…. Chissà, forse è vera la seconda.

  • ARMIN
    Inserito alle 23:41h, 03 Giugno Rispondi

    Gli “onnipotenti” sono in CRISI e CONFUSIONE MENTALE. E sono pure JELLATI.
    La Legge di Murphy: TUTTO CIO’ CHE PUO’ ANDARE MALE, ANDRA’ MALE!
    Auguri.

  • Filippo
    Inserito alle 07:56h, 04 Giugno Rispondi

    Ma quale guerra e guerra. Queste sceneggiate servono solo a giustificare la montagna di risorse sprecate per i buget militari dei paesi nato. In epoca di droni , missili nucleari ipersonici e chissà quali altre diavolerie pensate veramente che i carri armati o i soldati con il mitra servano a qualcosa se non a cercare di bullizzare qualche paese sottosviluppato? I paracadutisti poi sono il massimo. E comunque……. le teste verdi che mettono al bando le Punto diesel perchè inquinano non hanno nulla da dire sull’inquinamento vero che generano questi idioti ?

  • Giorgio
    Inserito alle 09:25h, 04 Giugno Rispondi

    Le auto diesel inquinano ? d’accordo …… ma perchè i cosiddetti ecologisti non ricordano che un aero in volo inquina quanto 600 automobili ……
    non ho mai sentito parlare norme antinquinamento negli aerei da parte della UE ……
    che invece ogni anno introduce una nuova classe ambientale per le auto, ora siamo a euro 6 e oltre ………
    non sarà perchè le compagnie aeree sono in mano agli stessi potentati economici che manovrano gli ambientalisti …..
    gli stessi poteri che prima distruggono il pianeta con un modello sociale iperproduttivista e poi riducono il tenore di vita dei popoli con manovre economiche e allarmi ambientali e sanitari ……

  • antonio
    Inserito alle 12:03h, 04 Giugno Rispondi

    han fatto cassa in modo criminale col loro virus, e i vaccini imposti con la violenza
    il Karma li raggiunge e li disperderà, ad errare per i deserti, vituperati da dio e i popoli giusti

  • Rocco
    Inserito alle 15:32h, 04 Giugno Rispondi

    Se pensano ancora di fare una guerra, significa che sono arrivati alla follia totale.
    Ci hanno già massacrati con virus letali, ci hanno tolto la libertà spesso sbandierata a casaccio, ci hanno affamati, fatti vivere in schiavitù, etc.
    La smettano di rompere le uova dal paniere e pensino a dare serenità e ricchezza a tutte le popolazioni.
    Ancora non hanno capito che ci stiamo autodistruggendo .
    Siamo, forse, l’unico pianeta del sistema solare ad avere tanta Vita e tanta Bellezza, non l’avete ancora capito?
    Invece di pensare a distruggere e a fare guerre, pensate a come fare vivere meglio il vostro prossimo.
    Grazie

Inserisci un Commento