Gli Stati Uniti “sempre più allarmati” dagli attacchi dei droni dei gruppi di resistenza iracheni: Washington Post

Secondo un rapporto, i funzionari militari statunitensi sono “sempre più allarmati” dagli attacchi di droni dei gruppi di resistenza anti-terrorismo in Iraq, che rappresentano una minaccia crescente per le basi militari americane e le strutture diplomatiche nel paese arabo.

Citando funzionari della coalizione guidata dagli Stati Uniti, il Washington Post ha riferito sabato che i gruppi di resistenza iracheni negli ultimi mesi si sono rivolti all’uso di droni altamente sofisticati contro le forze americane e le missioni diplomatiche statunitensi nel paese.

Un funzionario della coalizione ha descritto l’evoluzione della minaccia dei droni come la più grande preoccupazione della missione militare in Iraq. Invece di usare i razzi, ha detto il quotidiano, i gruppi di resistenza stanno utilizzando sempre più di frequente “piccoli droni ad ala fissa che volano troppo bassi per essere raccolti dai sistemi difensivi. “

Riferendosi a due attacchi di droni contro basi americane in Iraq ad aprile e maggio, il Post ha affermato che la minaccia dei droni aveva sollevato la prospettiva di un’improvvisa escalation di violenza, con ogni nuovo attacco che innescava una raffica di comunicazioni tra i funzionari statunitensi se qualche americano fosse stato ucciso o ferito.

“La morte di un americano è la loro linea rossa”, avrebbe detto un anonimo funzionario occidentale. “La prima domanda che gli americani si pongono sempre è: quale era la nazionalità della vittima?”

Le Unità di Mobilitazione Popolare (PMU) anti-terrorismo dell’Iraq, note anche come Hashd al-Sha’abi, hanno organizzato un attacco di droni su una base aerea che ospita le forze statunitensi e gli aerei da guerra a nord della capitale Baghdad a maggio.

Base USA colpita dai missili

Il gruppo di resistenza ha riferito che l’attacco aveva preso di mira la base aerea di al-Balad che si trova a 64 chilometri (40 miglia) a nord della capitale
La base aerea era stata già oggetto di un altro attacco una settimana prima, che, secondo gli americani, aveva ferito “due forze irachene”, ma non aveva causato vittime alle truppe statunitensi.

In un simile attacco di droni ad aprile, la base aerea di Ain al-Asad nella provincia occidentale irachena di Anbar, che ospitava truppe americane, è stata attaccata, dove un hangar per aerei militari statunitensi è stato completamente danneggiato.

Il capo del comando centrale degli Stati Uniti, il generale dei marine Frank McKenzie, è stato citato dal Post per aver affermato che sono in corso sforzi per sviluppare migliori difese contro i droni iracheni.

McKenzie ha detto ai giornalisti la scorsa settimana che i funzionari militari statunitensi stavano cercando modi per tagliare i collegamenti di comando e controllo tra un drone e il suo operatore, migliorare i sensori radar per identificare rapidamente la minaccia mentre si avvicinava e trovare modi efficaci per abbattere il velivolo non pilotato.
“Siamo aperti a tutti i tipi di misure”, ha detto, secondo l’Associated Press. “Tuttavia, non credo che siamo ancora pronti come vogliamo essere.”

Dopo l’attacco dei droni di aprile ad Ain al-Asad, la Casa Bianca ha annunciato la formazione di un gruppo di lavoro “sulla crescente minaccia dei velivoli senza pilota [UAV] e dei missili guidati di precisione”, accusando (come sempre) il vicino Iran di fornirli ai gruppi di resistenza in Iraq. e la regione del Medio Oriente.

Ain al-Asad è stato preso di mira più volte da quando l’Iran ha lanciato una raffica di missili alla base l’8 gennaio 2020, come parte della sua rappresaglia per l’assassinio fatto dagli Stati Uniti del comandante in capo dell’antiterrorismo, il generale Qassem Soleimani.

Gli attacchi agli interessi militari americani in Iraq sono aumentati di numero e frequenza dall’inizio dello scorso anno, quando un attacco di droni statunitensi ha ucciso il generale Soleimani e il comandante dell’antiterrorismo iracheno, Abu Mahdi al-Muhandis, a Baghdad.

Entrambi gli uomini hanno goduto di un’enorme riverenza per il loro contributo alla lotta antiterrorismo regionale, con il generale Soleimani che ha conquistato la fama come comandante dell’antiterrorismo più decisivo e popolare della regione.

Soldati USA di guardia ad una base

Pochi giorni dopo gli sfrontati omicidi, i legislatori iracheni hanno approvato all’unanimità un disegno di legge che impone il ritiro di tutte le truppe straniere dall’Iraq.

Il mese scorso, l’Iraq e gli Stati Uniti hanno dichiarato di aver concordato l’eventuale ritiro delle truppe “da combattimento” statunitensi dall’Iraq e che le due parti avrebbero tenuto colloqui per stabilire i tempi. Tuttavia ancora non si è visto tale ritiro e gli iracheni mal sopportano la presenza delle truppe occupanti americane.
I gruppi della resistenza irachena hanno avvertito che tratteranno le truppe americane come forze di occupazione, impegnandosi a prendere le armi contro di loro se queste si rifiutano di lasciare il loro paese.

Fonti: Washington PostPress Tv

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti
  • ARMIN
    Inserito alle 19:38h, 30 Maggio Rispondi

    E’ molto duro e doloroso per chi si è creduto il migliore e più potente, vedersi odiato e sconfitto ovunque.
    Oramai i vecchi trucchi …….. falsoni……………….bombe e caramelle, che se le sparino sulle loro teste bacate.
    La fine dell’impero-meteora è già avvenuta con la Guerra del Vietnam nel 1975.
    Auguri.

  • Giorgio
    Inserito alle 19:53h, 30 Maggio Rispondi

    Vero Armin …….. la parabola discendente ha acquistato velocità proprio in Vietnam (e anche Cambogia) ……. anche se già prima c’erano state battute d’arresto ….
    la guerra di Corea con il fallimento del tentativo di occuparla per intero grazie alla resistenza dei nord coreani ……. (con appoggio russo-cinese)
    il fallito sbarco alla baia dei porci per rovesciare la rivoluzione cubana ……
    l’unica “vittoria” in uno scontro diretto è stata l’invasione di Grenada nel 1983 ……. per riscattare il Vietnam hanno voluto vincere facile ….
    da allora gli interventi usa non sono più scontri frontali …… ma per interposta persona, golpe, rivoluzioni colorate, sanzioni, crisi finanziarie pilotate, mercenari ecc.
    e si concludono sempre più spesso con un rovescio dopo l’altro …….

Inserisci un Commento