Gli Stati Uniti ritornano alle ceneri del 1945


di Finian Cunningham (*)

Il vicepresidente americano Mike Pence ha usato il suo discorso al memoriale dell’Olocausto la scorsa settimana per battere un tamburo di guerra contro l’ Iran. Ha rivelato una deplorevole mancanza di dignità e comprensione dell’evento, nonostante gli sforzi di Pence per apparire solenni.

Ma non solo quello. Ha anche mostrato quanto gli Stati Uniti, almeno la loro leadership politica, siano fuori dal mondo rispetto al resto del mondo e rispetto a una crescente preoccupazione collettiva tra gli altri per garantire la pace internazionale.

Forse è per questo che il principe Carlo britannico sembra aver snobbato Pence, rifiutando di stringere la mano mentre partecipava alla commemorazione dell’Olocausto e al 75 ° anniversario della liberazione di Auschwitz. Charles ha salutato calorosamente altri dignitari, tra cui il presidente russo Vladimir Putin e il francese Emmanuel Macron. Era curioso come cancellasse Pence.

Ma di nuovo lì, forse non così curioso. Pence e l’amministrazione Trump sembrano intenzionati a scatenare una guerra con l’Iran. Una guerra che inghiottirebbe l’intero Medio Oriente e potrebbe innescare una conflagrazione mondiale.

Pence al Memorial dell’olocausto

Le minacce sfrenate di Washington della violenza contro l’Iran e il suo recente assassinio di uno dei massimi leader militari dell’Iran rappresentano un scioccante ripudio del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite. È il tipo di condotta più simile a un sindacato del crimine organizzato piuttosto che a uno stato apparentemente democratico.

La Carta delle Nazioni Unite fu creata nel 1945 all’indomani della seconda guerra mondiale proprio per prevenire la ripetizione della peggior conflagrazione della storia e di tutti i suoi crimini barbari, compreso l’Olocausto nazista. Oltre 5o milioni di persone morirono in quella guerra e quasi la metà di loro apparteneva all’Unione Sovietica.

La prevenzione della guerra è sicuramente la responsabilità più onerosa del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Eppure gli Stati Uniti sono l’unica potenza che ignora abitualmente il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite per lanciare unilateralmente guerre o interventi militari. Purtroppo le minacce di Washington contro l’Iran non sono una novità. Questa è una pratica americana standard.

Quando i leader mondiali si sono rivolti al memoriale dell’Olocausto tenuto in Israele mercoledì scorso, è stato ovvio – anche se implicitamente – dalle loro parole che gli Stati Uniti sono diventati uno stato canaglia isolato a causa della sua inveterata belligeranza.

Trump al Muro del Pianto

Putin, Macron, il principe Carlo e il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier hanno tutti invocato la necessità di un impegno collettivo per il diritto internazionale e la pace. Implicavano che un tale impegno fosse il modo migliore per onorare coloro che furono uccisi nell’Olocausto e nella Seconda Guerra Mondiale; il modo più sicuro per impedire che la barbarie dell’ideologia e della persecuzione fasciste si ripeta.

Quegli oratori uno dopo l’altro hanno denunciato l’ideologia della demonizzazione degli altri che alimenta l’odio e le guerre. Quanto è pertinente al modo in cui Washington demonizza abitualmente altre nazioni e leader stranieri?

In netto contrasto, quando il vicepresidente americano si è pronunciato, la sua apparente solennità è stata contraddetta da un appello insanguinato alle armi contro l’Iran , che ha accusato di essere “il principale fornitore statale di antisemitismo”. Pence ha esortato il mondo intero “a resistere alla Repubblica islamica dell’Iran”, pronunciato come se stesse sputando parole come veleno.

Non vi è dubbio che Pence stesse formulando una logica per il confronto militare con l’Iran. Questa è stata la politica coerente dell’amministrazione Trump negli ultimi tre anni.

Non è stata una sorpresa che il discorso di Pence fosse in sintonia con la solita retorica bellicosa del leader israeliano Benjamin Netanyahu mantiene verso l’Iran. Ma quello che stava rendendosi evidente era il modo in cui Pence e l’amministrazione Trump sono fuori sintonia con il resto del mondo.

È stato uno spettacolo odioso vedere Pence indossare una faccia cupa mentre parlava delle vittime dell’Olocausto , mentre il suo stato faceva la guerra contro qualsiasi nazione straniera quando e dove Washington ritiene. In un evento che avrebbe dovuto riflettere sull’orrore e sul male della guerra, Pence ha mostrato di non avere comprensione o consapevolezza di sé.
Questo è ciò che preoccupa molti politici americani. Sembrano ignoranti della storia (Pence non ha dato alcun riconoscimento ai soldati sovietici che hanno liberato Auschwitz e altri campi di sterminio); sono consumati dall’ossessione dell’auto-giustizia e dall’arroganza come un predicatore puritano senza un’oncia di umanità.

Chiunque rifletta sull’orrore della guerra sosterrebbe sicuramente il rispetto e l’adesione al diritto internazionale, l’impegno per la pace e la ricerca seria del dialogo e del partenariato tra le nazioni.

Il russo Putin ha ripetutamente chiesto ai membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di riunirsi urgentemente per garantire un impegno multilaterale per la pace. Putin ha inoltre ripetutamente fatto appello agli Stati Uniti affinché prendano sul serio la negoziazione di nuovi trattati sul controllo degli armamenti. Washington ha ignorato queste ultime chiamate.

Il mito nazionale americano, sviluppato negli ultimi decenni dal 1945, si considera “eccezionale” rispetto a tutte le altre nazioni. Questo significa che gli Stati Uniti presumono di essere “superiori” e “al di sopra della legge a cui sono vincolati gli altri”.
Le parole e l’atteggiamento minacciosi di Mike Pence nei confronti del memoriale dell’Olocausto hanno mostrato una sconvolgente e perniciosa disconnessione con la necessità di prevenire la guerra e il genocidio. È stato un disonorevole disonorevole per le vittime.

Non sincronizzati con il mondo, gli Stati Uniti sono tornati alle ceneri e all’illegalità del 1945.

*Finian Cunningham ha scritto molto sugli affari internazionali, con articoli pubblicati in diverse lingue. Si è laureato in Chimica agraria e ha lavorato come redattore scientifico per la Royal Society of Chemistry, Cambridge, Inghilterra, prima di intraprendere una carriera nel giornalismo giornalistico. È anche musicista e cantautore. Per quasi 20 anni, ha lavorato come montatore e scrittore nelle principali organizzazioni dei media, tra cui The Mirror, Irish Times e Independent.

Questo articolo è stato pubblicato da ” Sputnik ” –

Traduzione: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code